La 7, la prossima stagione non tornerà G' Day, sostituito dal programma di Cristina Parodi

Geppi Cucciari Cristina Parodi
Non è servita l'ottima performance al Festival di Sanremo, a Geppi Cucciari, per vedersi riconfermata al timone del programma della fascia preserale di La 7: "G' Day", stando a quanto detto da Giovanni Stella, amministratore delegato di Telecom Italia Media, dal prossimo autunno non andrà in onda, sostituito dal programma che vedrà il debutto sul canale di Cristina Parodi.

La Cucciari, comunque, non dovrebbe rimanere senza lavoro a lungo: per lei, garantisce Stella, "stiamo pensando a un format più attrattivo che stiamo studiando, da mettere in onda da settembre". Nonostante la promozione da mezz'ora ad un'ora dello scorso mese, quindi, "G'Day" non ha retto di fronte a degli ascolti piuttosto deludenti, quasi sempre -nella versione "allungata"- al di sotto del 4% di share, mancando la sua missione iniziale di trainare il Tg La 7.

Da settembre, quindi, la Cucciari troverà spazio in un'altra fascia (da queste parti si spera la seconda serata dove, a detta di molti, potrebbe trovarsi un pubblico maggiormente disposto a cogliere l'ironia dell'attrice e conduttrice comica). Questa non deve essere vista come una retrocessione per Stella, che invece teme di perdere uno dei volti che in quest'ultimo anno si meritatamente guadagnato una maggiore popolarità (tanto che pare che Paola Perego la voglia al suo fianco in "Punto su di te"):

"E' un volto di rete molto appetito dal mercato ed esprimo qui il timore che presto mi venga sottratta o sia attratta da emolumenti più soddisfacenti. Io sono molto tirato sugli emolumenti e corro il rischio di fare un'azione di investimento su un volto di rete che quando cresce mi venga sottratto".

La nuova sfida di portare più pubblico al telegiornale di Enrico Mentana toccherà quindi a Cristina Parodi, con un programma cui contorni non sono ancora stati definiti, ma che potrebbe riprendere le orme del "Verissimo" prima versione, condotto proprio dalla giornalista. Restando in famiglia, poi, Stella ha ammesso la parziale delusione verso la sorella Benedetta, che coi suoi menù non è riuscita a sfondare neanche dopo lo spostamento alle 18:00:

"Non è stato un ottimissimo investimento, è stato un buon investimento".

Maggiore fiducia, invece, per Serena Dandini, il cui "The Show Must Go Off" soffre della concorrenza del sabato sera, ma di cui Stella apprezza proprio il coraggio di andare in onda in una serata complessa come quella:

"Se prima con un programma alternativo facevo al massimo il 2,5% di share e con la Dandini arrivo al 3,8% o al 4,01% posso dire che ho migliorato molto la mia performance".

Certo è che, ad inizio stagione, per La 7 si prospettava una crescita maggiore rispetto a quella avvenuta. La campagna acquisti della rete, intanto sembra proseguire (forse arriverà Michele Santoro), alla ricerca di quella formula tra informazione ed intrattenimento che conquisti davvero il pubblico.

[Via IlMessaggero]
[Foto | © TM News]

  • shares
  • Mail
82 commenti Aggiorna
Ordina: