MTV SPIT - Prima puntata ok e un Morgan "preso bene"

Morgan MTV Spit

MTV SPIT - Prima puntata




La prima puntata di MTV Spit - che ovviamente ricalca quel che si era già visto nel "gala" - a me è piaciuta. Si parla di gusti personali, dunque. E per completare la premessa, bisogna dire anche che il freestyle mi ha sempre affascinato e che mi ha sempre affascinato l'improvvisazione in tutte le sue forme. Naturale, dunque, fatte queste premesse, che mi sia piaciuta.

Ma c'è qualcosa di più: c'è il fatto che, come si diceva nella presentazione del programma, siamo di fronte a una declinazione diversa del genere talent show. Una declinazione per una nicchia di pubblico, non c'è dubbio. Ma le nicchie diventeranno ricchezza e opportunità, prima o poi. O forse lo sono già (si veda in merito qualche osservazione da un pezzo del New Yorker).

E quindi, questo talent di nicchia funziona: funziona Marracash e la giuria, funzionano i freestyler - qualcuno più, qualcuno meno, a dire il vero - e anche la giuria (proprio come un talent tradizionale, appunto). Niccolò Agliardi è sufficientemente fuori dal mondo delle rap battles da essere credibile, Mastafive è credibile perché nel freestyle c'è immerso fino al collo (organizza anche Tecniche Perfette, un contest a tema). E J-Ax è J-Ax: classe 1972, con il freestyle c'è cresciuto, prima degli Articolo 31.

Poi l'ospite: Morgan (stasera c'era X Factor 5 dappertutto: Antonella Lo Coco a Non sparate sul pianista su Rai1, Morgan a MTV Spit, I Moderni su La7 a Le invasioni barbariche): non gli pareva vero, di poter far uso della sua dialettica per giudicare chi della dialettica fa un'arte e una ragione di scontro all'interno di un'arena. "Preso bene" come lo si è visto raramente a X Factor, anche lui era perfettamente integrato nel contesto.

Buona la prima, dunque. Da nicchia.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: