L’Italia sul Due Estate (citofonare Ravegnini)

E’ partita su Raidue la versione estiva dell’Italia sul Due. Ci sono tre co-conduttrici che si alternano sullo sgabello dimostrando di saper leggere perfettamente la scaletta. Certo, nell’equa ripartizione dei blocchi ci deve essere stato un malinteso, visto che per qualche inspiegata ragione hanno affidato a Luana Ravegnini il collegamento con Gravina di Puglia e

E’ partita su Raidue la versione estiva dell’Italia sul Due. Ci sono tre co-conduttrici che si alternano sullo sgabello dimostrando di saper leggere perfettamente la scaletta. Certo, nell’equa ripartizione dei blocchi ci deve essere stato un malinteso, visto che per qualche inspiegata ragione hanno affidato a Luana Ravegnini il collegamento con Gravina di Puglia e Laura Tecce (giornalista) si occupa di cellulite.

Il taglio si preannuncia quasi più giornalistico del solito, ma più per catturare l’interesse dello spettatore che per reale dovere di cronaca (anche perchè, una volta partita l’Isola dei Famosi, non ci sarà troppo spazio per l’attualità). Insomma, con una settimana di ritardo si fa il riassunto delle puntate precedenti del dramma (senza neanche troppe novità visto il silenzio stampa in corso), fino a quando non incombe Sabina Stilo pronta a voltare pagina: l’amore ai tempi dei mondiali (con repentino cambio di sipario e gnocche presenzialiste in arrivo).
Per il resto, ci sono le certezze di sempre: Monica Setta, che se non è in studio interviene in un filmato, il Dr. Meluzzi, certezza titanica e risolutrice delle turbe psico-catodiche più disparate, Anna Pettinelli, dall’inconfondibile e rassicurante voce radiofonica. Quasi quasi viene un sospetto: che sullo sgabello del moderatore di turno potrebbe sedersi chiunque, anche uno degli ospiti fissi che ormai è di casa, con la certezza di portare avanti una trasmissione in cui nulla può andare storto.
Di certo, non si sente la mancanza dei conduttori di sempre, sostituiti come se nulla fosse da tre altrettanto brave… presenta-lettrici!