• Tv

Antonio Marano annuncia: “Nasce Rai5 dedicata alla cultura”. E il canone è zero per gli over 75

Ripensare la Rai per le sfide editoriali del futuro, ricorrendo alla tecnologia e all’informazione. In fondo sembra una ricetta semplice, ma in realtà la sua preparazione è molto ma molto complessa. Spiega Antonio Marano Vice direttore generale Rai durante la conferenza stampa al Prix Italia, che il primo passo dell’azienda di Stato consisterà nell’avvio di

di marina

Ripensare la Rai per le sfide editoriali del futuro, ricorrendo alla tecnologia e all’informazione. In fondo sembra una ricetta semplice, ma in realtà la sua preparazione è molto ma molto complessa. Spiega Antonio Marano Vice direttore generale Rai durante la conferenza stampa al Prix Italia, che il primo passo dell’azienda di Stato consisterà nell’avvio di Rai5, canale dedicato alla cultura. L’obiettivo è andare a recuperare tutti quei telespettatori insoddisfatti e che sono migrati altrove alla ricerca di programmi di spessore. Ha detto Marano:

Farà cultura in un modo nuovo. Non sarà solo una riproposizione di vecchi film o di vecchio teatro, questi ci saranno, ma saranno inseriti in un tessuto culturale moderno.

Il secondo asse su cui si svolgerà il rilancio della Rai riguarda la multipiattaforma che sarà avviata dal 2015. Come ha avuto modo di spiegare Marano, essa consiste nel diffondere programmi non solo fruibili dalla Tv ma anche da internet e dal cellulare. Veniamo all’offerta editoriale: molte più news. Secondo Marano:

In Italia c’è un pluralismo da paura, ma sulle nomine non mi esprimo perché non mi compete ma posso dire che nei nostri nuovi palinsesti c’è una quantità di news 4 volte superiore agli altri Paesi.


Altra rivoluzione è il Canone zero per gli over 75 che riguarderà tutti coloro che superati i 75 anni non superino un reddito di 6.713,98 con il coniuge. Si ottiene mediante autocertificazione inviata a mezzo raccomandata all’ufficio abbonamenti a Torino e la richiesta va inviata entro il 30 novembre per cancellare il canone 2010 (tutta la documentazione per le istanze si trova sul sito dell’Agenzia per le entrate).

Commenta Marano anche il successo del Tg di Mentana a La7, a cui fa chapeau:

La risposta non è direttore sì , direttore no. L’attacco mediatico a Tg1 e Tg5 porta una maggiore identificazione verso il tg de La7. Anche se è bene sottolineare che Mentana ha sottratto pubblico soprattutto a skytg24. I tg sulle generaliste Rai non subiranno grandi cambiamenti nei prossimi anni stando al piano industriale (anche se la sperimentazione sull’informazione continua come col tg da 60 secondi), ma s’investirà maggiormente sull’ all news che potrà intercettare il pubblico del TgLa7 che s’informa sulla multipiattaforma. Inoltre nel prossimo futuro RaiNews raccoglierà le edizioni regionali.