Analisi Auditel – I Soliti ignoti prime time: Test riuscito

Dopo aver dominato l’access time degli ultimi mesi, “I Soliti Ignoti” di Fabrizio Frizzi hanno varcato ieri anche la fascia del prime time con una puntata test dall’esito difficilmente prevedibile. Il gioco delle identità nascoste di Raiuno, con uno share di oltre il 28%, ha letteralmente conquistato il pubblico italiano anche nella versione prime time.

di Hit


Dopo aver dominato l’access time degli ultimi mesi, “I Soliti Ignoti” di Fabrizio Frizzi hanno varcato ieri anche la fascia del prime time con una puntata test dall’esito difficilmente prevedibile. Il gioco delle identità nascoste di Raiuno, con uno share di oltre il 28%, ha letteralmente conquistato il pubblico italiano anche nella versione prime time. Vedremo con le nostre curve dello share minuto per minuto i contorni di questo primato. Partiamo però con le curve dei valori assoluti dove vediamo come la versione access del game condotto da Fabrizio Frizzi ha prevalso sulla curva arancione di Striscia la notizia partendo dai 5 milioni di telespettatori per poi chiudere fino a sfondare il muro degli 8 milioni di telespettatori, con Striscia nel frattempo appena conclusa.

E’ però nel prime time dove vediamo come la curva blu di Rai1 ha fatto il vuoto, viaggiando praticamente in maniera costante vicino alla linea dei 7 milioni di telespettatori, mentre la curva che segue risulta essere quella di Canale5 vicino alla linea dei 4 milioni. In termini di share vediamo la curva blu di Rai1 attorno al 30% in prime time fino poi a toccare nel finale di trasmissione il 35%. Andando poi a guardare i vari target notiamo come la curva blu dei Soliti ignoti nella fascia giovane 4-44 anni tradizionalmente appannaggio di Mediaset, dapprima sfili vicino alla linea del 20% con la curva di Canale5 attorno al 25%, ma poi nel corso della serata assistiamo ad un incremento della curva del game condotto da Fabrizio Frizzi che guadagna dall’inizio di trasmissione circa 5 punti mentre al contrario c’è un calo della curva di Canale5 fin verso la linea del 20%.

Successo invece su tutta la linea per la curva della fascia over 65, ricordiamo la fascia numericamente più numerosa, con la relativa curva blu che viaggia solitaria nella corsia fra il 40 ed il 50% di share, lasciando letteralmente il vuoto alle sue spalle, con la sola curva di Rai3 che affiora sulle altre appena sopra alla linea del 10%. Ancora più interessante scoprire il comportamento della classe AA che seppur confermando il consueto primato alla curva nera del satellite, regala un ottimo 20% alla linea blu dei Soliti ignoti, lasciando la curva arancione di Canale5 appena sopra al 10%, superata anche dalla linea azzurra di Italia1.

Riassumendo dunque i risultati di questa nostra analisi auditel, possiamo tranquillamente dire che il test di questa versione prime time dei Soliti ignoti, è stato ampiamente superato, riconfermando il game condotto da Fabrizio Frizzi vera rivelazione di questa primavera televisiva. Un programma davvero vincente, come abbiamo visto gradito in maniera trasversale dal pubblico, che ha bisogno di essere trattato con la massima cura dai dirigenti televisivi. Come se fosse una macchina di formula uno vincente che necessita di una continua cura ed attenzione, stando attenti però a non rovinarla con stravolgimenti troppo radicali e allo stesso tempo con un suo uso troppo sfrenato, che rischierebbe di portarla alla saturazione, minandone quindi i futuri exploit.

Curve dei valori assoluti minuto per minuto di ieri sera venerdì 28 maggio 2010

Curve dello share minuto per minuto TOTALE INDIVIDUI di ieri sera venerdì 28 maggio 2010

Curve dello share minuto per minuto TARGET 4-44 ANNI di ieri sera venerdì 28 maggio 2010

Curve dello share minuto per minuto TARGET OVER 65 di ieri sera venerdì 28 maggio 2010

Curve dello share minuto per minuto TARGET AA di ieri sera venerdì 28 maggio 2010

Elaborazioni grafiche realizzate e di proprietà di Marco Pozzoni e Simone Rosa su dati Auditel. Riproduzione vietata

Ultime notizie su Fabrizio Frizzi

Tutto su Fabrizio Frizzi →