• Tv

Le interviste spiate – prima puntata

Protagonista della nostra prima “Intervista Spiata” – rubrica a cadenza settimanale con protagonisti i personaggi del reality web Vite Spiate, di cui ci siamo occupati spesso anche in passato – è Mirko Mele, ragazzo milanese trentaquattrenne che per motivi personali e lavorativi ha abbandonato il reality dopo un mese di permanenza. Debora: Sei rimasto nel

Protagonista della nostra prima “Intervista Spiata” – rubrica a cadenza settimanale con protagonisti i personaggi del reality web Vite Spiate, di cui ci siamo occupati spesso anche in passato – è Mirko Mele, ragazzo milanese trentaquattrenne che per motivi personali e lavorativi ha abbandonato il reality dopo un mese di permanenza.

Debora: Sei rimasto nel reality all’incirca un mese. Sei soddisfatto del tuo comportamento e di come ti sei messo in gioco?

Mirko: Sono entrato per curiosità, per prova, per scherzare – ovviamente con me stesso – e sono molto soddisfatto perchè l’esperienza mi ha aperto la visuale su tante cose che forse fino ad allora potevo solo immaginare. Se non avessi vissuto questa avventura forse adesso mi chiederei: “E se fosse veramente cio’ che volevo fare nella vita?”…un po’ come quando si vive con il rimpianto di non aver provato/fatto/vissuto. Purtroppo non sono nato per diventare un fenomeno da palco, non è il mio obiettivo; il mio sogno nel cassetto era diventare doppiatore, non apparire, ma solo regalare la mia voce, il che è ben diverso.

Debora: In queste tre settimane dall’uscita, ti sei mai pentito di non aver continuato il reality o sei ancora convinto di aver fatto la scelta migliore?

Mirko: Quello che mi dispiace è l’essere tornato a vivere un po’ solo, anche se sono abituato perchè sono single e figlio unico. Adoro la compagnia e questa è l’unica cosa che mi manca.

Debora: Che rapporto hai con gli ex coinquilini? Ne vedi/senti abitualmente qualcuno?

Mirko: Non sento nessuno abitualmente, poichè gli altri concorrenti sono persone che sono
entrate nella mia vita non come amici scelti, ma imposti.

Debora: Quali sono ora i tuoi progetti per il futuro? Hai qualche ambizione nel campo dello spettacolo?

Mirko: Come ti dicevo rispondendo alla prima domanda non credo che il mio futuro sia in quel settore. Magari mi sbaglio, ma forse è meglio così. Un giorno spero di esser riconosciuto perchè valgo o perchè sono stato capace di costruire qualcosa in cui ho creduto veramente.

Debora: Grazie per la disponibilità e in bocca al lupo per tutto.