Vittorio Feltri contro La7: "Inguardabile, è succursale del Pd". E attacca Formigli e Panella

Il direttore di Libero scatenato su Twitter contro l'emittente di La7 e alcuni suoi programmi

Vittorio Feltri scatenato sui social contro La7. Il direttore del quotidiano Libero, infatti, nelle ultime ore ha scritto alcuni tweet critici nei confronti dell'emittente di Urbano Cairo, criticando in particolare Piazzapulita di Corrado Formigli (che giovedì ha intervistato il leader della Lega Matteo Salvini, che ha lamentato scarsa imparzialità da parte del conduttore) e Tagadà di Tiziana Panella, in onda tutti i pomeriggi.

Feltri ha scritto:

Stimo e ammiro Urbano Cairo, un grande imprenditore, ma non capisco perché abbia trasformato la sua televisione in una succursale del Pd, erede di Botteghe Oscure. Inguardabile (...) Fantastica la Panella sulla 7, dove invita tutti quelli che le danno ragione, ovviamente reggicoda della sinistra. Urbano Cairo la vede la sua te? Soprattutto sa a chi l’ha affidata? Avanti popolo. Formigli invece di intervistare Salvini gli spara addosso senza dargli la possibilità di rispondere. Metodo democratico in uso alla 7, ufficio stampa della sinistra più bieca.

Feltri non è nuovo ad attacchi pubblici a programmi e/o canali televisivi. Negli ultimi anni è stato anche molto spesso protagonista di liti e sfuriate in diretta televisiva. A novembre scorso - in piena promozione per il suo libro - collezionò tre abbandoni di programmi diversi in tre giorni.

  • shares
  • Mail