Come una madre, Incontrada si conferma portavoce della giustizia mista a sentimento

Il liveblogging e la recensione della prima puntata di Come una madre, la fiction di Raiuno con Vanessa Incontrada nei panni di una donna che, dopo essere tornata nel suo paese d’origine per stare lontana da tutti, deve fuggire con due bambini che sono in pericolo

Inizia l’avventura di Angela (Vanessa Incontrada): nella prima puntata di Come una madre, la miniserie in onda da questa sera, domenica 2 febbraio 2020, alle 21:25 su Raiuno, scopriamo chi è la protagonista, ma anche cosa la spinge prima a cercare di nascondersi da tutto e da tutti e poi, invece, a dover intraprendere una fuga da dei loschi figuri.

Come una madre, recensione

Le ultime fiction di Vanessa Incontrada hanno un denominatore comune: tutte le donne che ha interpretato sono personaggi alle prese, in un modo o nell’altro, con la giustizia. Lo è Lisa in Non dirlo al mio capo, lo è la protagonista de Il Capitano Maria e lo è anche Angela di Come una madre.

Ormai Vanessa Incontrada è diventata portavoce di storie che legano al loro interno due filoni: uno è, appunto, quello del rapporto con la Legge, la giustizia e la lotta per la verità; l’altro è invece l’emotività, di cui l’attrice spagnola è ormai diventata abile interprete.

Come una madre, in questo, non tradisce le aspettative: è quello che il pubblico italiano si aspetta da una fiction con Vanessa Incontrada. C’è sentimento, dramma, un po’ di suspense e la ricerca del buon sentimento nazional popolare.

Una favola dark mista a road movie, così è stata definita la storia dal regista e sceneggiatore Andrea Porporati: definizione giusta, a cui però va aggiunto il fatto che Come una madre è comunque pensato per un pubblico generalista, con le necessità che questo richiede. Un racconto che viaggia su due diversi binari, tra il dolore della protagonista e l’azione della fuga, creando un ibrido dominato comunque dai buoni sentimenti.

Se il racconto promette un “viaggio dell’anima”, è anche vero che vuole provare a raccontare un tema, come quello della perdita, sotto nuove forme per la fiction italiana. Un dolore vissuto nella dinamicità, che fa di Come una madre un interessante esperimento, con qualche difetto nella messa in scena ma da considerare meritevole per lo sforzo profuso.

-A seguire, il liveblogging della prima puntata del 2 febbraio 2020 di Come una madre-

Come una madre, la prima puntata

Nella prima puntata, facciamo la conoscenza di Angela Graziani: un’assistente sociale di Roma, donna vivace e solare che però non è più quella di un tempo da quando ha perso, in un incidente stradale, il figlio Matteo di 9 anni. Angela prova un dolore che la logora e che è anche la causa della fine del suo matrimonio con Lino Vargas (Simone Montedoro), padre di Matteo.

In cerca di solitudine e di lontananza dal resto del mondo, Angela decide di rifugiarsi nell’isola dell’arcipelago toscano in cui è nata e cresciuta, portando con sé solo il suo cane Antò. Ma stare sola con i propri pensieri sarà difficile: una sera, infatti, si ritrova in casa un bambino, che somiglia molto a Matteo, giocare con uno dei giochi del figlio.

Altri non è che Bruno Albanese (Tancredi Testa), figlio di Elena (Eleonora Giovanardi), che abita vicino ad Angela e che, come lei, sembra aver sofferto in passato. Elena ha un’altra figlia, Valentina (Crystal Deglaudi), che cresce da sola, senza un compagno.

Sebbene Angela voglia restare da sola, un giorno accetta di tenere i bambini per un paio d’ore, mentre lei si reca ad un appuntamento con un uomo, Kim (Giuseppe Zeno), agente dell’Intelligence che potrebbe aiutarla con una situazione. Ma Elena all’appuntamento incontra dei sicari, che la feriscono gravemente.

La donna riesce a raggiungere casa dove, prima di morire, dice ad Angela di scappare e di proteggere i suoi figli, che sono all’oscuro dei motivi per cui la loro madre sia stata uccisa. Per la protagonista, però, c’è poco tempo per pensare: la fuga di Angela, Valentina e Bruno ha inizio.

Come una madre, streaming

E’ possibile vedere Come una madre in streaming sul sito ufficiale della Rai, e sull’app per smart tv, tablet e smartphone, mentre da domani si potrà vedere su Guida Tv/Replay.

Come una madre, social network

Si può commentare Come una madre su Twitter, utilizzando l’hashtag #ComeUnaMadre.