Adrian, Morgan e Adriano Celentano discutono di Rai a Canale 5: "Il programma che dovresti fare tu, lo sta facendo Gigi D'Alessio!"

L'intervento di Morgan nella quarta puntata di Adrian Live - Questa è la Storia...

Morgan e Adriano Celentano, com'era lecito attendersi, hanno regalato non poche perle durante la quarta puntata di Adrian Live - Questa è la Storia..., lo show pre-Adrian che si sta accingendo mestamente verso la fine del giro di giostra, con tanti rimpianti per quello che avrebbe potuto essere e non è stato.

Anche una serata con un Adriano Celentano destrutturato, smontato e ricomposto da Morgan, come il leader dei Bluvertigo ha fatto vedere recentemente a Rai Radio 2, non sarebbe stata affatto male ma ogni discorso di questo genere, ormai, lascia il tempo che trova.

E' stata un po' la serata dei cambi di opinione, questa quarta puntata di Adrian Live, che nonostante lo stile un po' sghembo e rabberciato, resta, comunque, uno show con una propria identità e anche un certo fascino.

Morgan, dopo aver bocciato il programma in un'intervista concessa a Libero nel gennaio scorso, si è reso protagonista di un vero e proprio encomio nei riguardi di Adriano Celentano ("Tu sei esistente, tu esisti, io posso toccarlo, posso toccare Celentano, pensavo tu fossi un sogno, cioè, sei anche un sogno... Celentano c'è! E' il rock, Celentano è il rock! Io sono nulla di fronte alla tua enorme carriera"): ciò non stupisce, ovviamente, perché Morgan, parafrasando una famosa canzone, da anni, si contraddice così facilmente che questo fa di lui una persona coerente.

Non mettendo in dubbio, però, la sua reale ammirazione per il Molleggiato, il vero Morgan, l'abbiamo visto nell'omaggio al padre scomparso con la canzone Conto su di te ("Mio padre mi comunicò quello che aveva intenzione di fare con questa canzone... Vorrei suonartela perché è come se la suonassi a mio padre"), mostrandosi davvero nudo come, forse, non aveva mai fatto in tv ("Non so se riuscirò ad arrivare al ritornello... Non è questione di fiato, è il cuore...").

Adriano Celentano, invece, dopo un piccolo endorsement a Matteo Salvini nell'ormai lontano 2015, questa sera, ha messo in piedi una puntata che, al Capitano, non sarà affatto piaciuta, da L'Emozione non ha voce dedicata a Ilaria Cucchi alle dichiarazioni pro-migranti ("Mai bisogna lasciare persone su una barca..."), per passare alle affermazioni di stima nei riguardi del movimento delle Sardine ("Mi piacciono le sardine perché vanno controcorrente...").

Celentano e Morgan, quindi, hanno dimostrato di aver molto in comune e la loro stima reciproca ("Morgan è uno dei personaggi che mi è sempre piaciuto, mi ha incuriosito e continua a incuriosirmi, suona, canta, balla, il livello è altissimo, è un ragazzo coltissimo") e complicità evidente ha dato vita ad un dialogo quasi surreale dove i due artisti si sono ritrovati a discutere tranquillamente di Rai a Canale 5 (!).

Tutto è nato da quest'osservazione di Morgan:

Celentano è uno smontatore... Lui smonta la macchina dello spettacolo perché fa entrare la verità! Celentano ha smontato la tv italiana! Ora bisogna rimontarla, però...

Celentano ha colto la palla al balzo, forse, anche per togliersi qualche sassolino dalle scarpe:

Ma la Rai? Fino a quando in tv, ci saranno i politici a comandare, la tv si smonterà da sola. Se, alla Rai, ci fossero persone normali invece dei politici, non ci sarebbero i baratti.

Morgan, per un attimo, ha temuto l'autogol:

Ma io sto facendo una trasmissione in Rai in questo momento...

Ne è seguita una domanda quasi kafkiana di Celentano:

Stai facendo la mia trasmissione?

Morgan, terminato il brevissimo momento di apprensione, ha preso addirittura in giro, bonariamente, il programma di Gigi D'Alessio al quale ha preso parte (!):

Quello che dovresti fare tu non lo sto facendo io, lo sta facendo Gigi D'Alessio! Che è bravo, sì. Ma tu sei più bravo!

E tra un aneddoto riguardante X Factor ("A X Factor, c'era lui e c'era anche Claudia... Ad un certo punto, Claudia aveva un concorrente e lei era l'ago della bilancia. Era suo, bastava che dicesse sì. Il concorrente, effettivamente, non era tanto bravo e io dissi, da casa: "Ma non dovrebbe prenderlo!". E sembrava mi avesse ascoltato, disse "mi spiace" e non lo prese. Morgan, tempestivamente, disse: "Medea, la madre che mangia i suoi figli!"".) e un momento di commozione reciproca dopo la precitata esibizione di Conto su di me, viene da pensare a quante perle avrebbe potuto regalarci uno show intero con Morgan e Celentano.

Peccato...

  • shares
  • Mail