Oltre la Soglia, Gabriella Pession a Blogo: "Tosca entrerà nel cuore perché è un personaggio umano. Non voglio più ruoli in cui non credo profondamente" (Video)

L'intervista di TvBlog a Gabriella Pession, protagonista di Oltre la Soglia.

Gabriella Pession è la protagonista di Oltre la Soglia, la nuova serie tv di Canale 5 che avrà inizio mercoledì 6 novembre, in prima serata.

Gabriella Pession interpreterà la parte di Tosca Navarro, un primario di un reparto all'avanguardia nella cura di adolescenti con disagi psichici, la migliore nel suo campo, che, però, nasconde un segreto: un passato difficile e una diagnosi di schizofrenia.

Ad una settimana dalla messa in onda della prima puntata, TvBlog ha avuto l'opportunità di intervistare l'attrice.

Tosca è una psichiatra fuori dal coro che soffre di problemi psichiatrici. Ai telespettatori, cosa può piacere di questo personaggio e cosa non può piacere?

Mi auguro che agli spettatori arrivi, innanzitutto, la passione che ho messo per interpretare questo ruolo, al quale ho cercato di dare autenticità, purezza e umanità. E' un ruolo che tocca gli animi, un ruolo inusuale, per me e anche per la tv. Tosca è un personaggio fuori dalle regole, è un personaggio che crea grande empatia perché è una donna che soffre, è una donna malata che lotta contro la propria condizione e si aggrappa alla vita, curando questi ragazzi. E' entusiasta, coraggiosa: entra nel cuore perché è un personaggio vero, un personaggio umano.

In conferenza, ti abbiamo visto entusiasta mentre parlavi di questo ruolo: da dove nasce questo entusiasmo?

Non lo so, sono molto istintiva nelle cose. Quando ho letto la sceneggiatura, mi sono innamorata perché avevo l'esigenza, come attrice, di raccontare un qualcosa che fosse vero. Non mi piacciono le cose artefatte, non mi piace più interpretare ruoli nei quali non credo profondamente ecco... Avevo voglia di raccontare qualcosa che potesse scardinare un tabù che, in questo caso, è quello della malattia psichiatrica. Non è mai stato fatto prima.

Hai definito Tosca come il personaggio del tuo cuore. Oltre la Soglia può essere definito uno spartiacque nella tua carriera?

Sì, è vero, Tosca è in assoluto il personaggio del mio cuore, lo dico sempre. Prima, non sapevo rispondere a questa domanda quando i giornalisti mi chiedevano che cosa avrei voluto interpretare, ero ancora alla ricerca... Questo è un personaggio che ha talmente tante sfaccettature che mi ha dato la possibilità di indagare tanti aspetti di questa donna, di poter fare un po' quello che voglio... E' un personaggio che, indubbiamente, mi ha dato molta libertà come artista per cui spero che questo possa essere uno spartiacque nel senso che mi voglio confrontare con personaggi che abbiano una maturità anche per me, che non siano uno stereotipo.

In che modo la serie può aiutare persone che soffrono di questi problemi? Considerando anche il fatto che quello di Tosca è un personaggio che non potrebbe esistere nella realtà...

Sì è vero, quello di Tosca è un personaggio che non potrebbe esistere perché non potrebbe esistere una psichiatra che soffre di un disturbo schizofrenico ma chi se ne frega perché non facciamo un documentario, la nostra è fiction e lei è un supereroe... E' un personaggio che, comunque, crea grande speranza nel prossimo perché il messaggio che vogliamo far passare è che, innanzitutto, si può convivere con la malattia mentale, non ci deve essere più vergogna. Noi introduciamo un tema per la tv generalista che non è mai stato toccato e spero che questa serie possa arrivare a sensibilizzare famiglie che hanno figli adolescenti con patologie psichiatriche o anche persone adulte. Il mostro fa meno paura quando lo affronti.

Nel video, trovate le dichiarazioni integrali di Gabriella Pession.

  • shares
  • Mail