Tale e Quale Show, Giorgio Panariello e l'agghiacciante freddura sul seno di Anastacia per Tiziana Rivale

Nell'ultima puntata prima del Torneo, l'attore toscano si interroga sulla natura del petto di Tiziana Rivale, chiamata a imitare la paladina della lotta al cancro al seno.

"E mi chiedo se sai davvero come ci si senta ad essere lasciati fuori, da soli" cantava Anastacia agli inizi degli anni 2000, ovviamente in inglese. Una domanda che Giorgio Panariello potrebbe porre alla comicità, fattasi carne per mettere definitivamente in chiaro un paio di cosette con l'attore toscano, giudice di Tale e Quale Show. Lo abbandona in balia di sé stesso, sempre più di frequente. È capitato anche nell'ultima puntata del varietà di Rai 1, in onda prima del consueto Torneo e dell'appuntamento speciale dedicato ai tali e quali.

Terminata l'esibizione della concorrente Tiziana Rivale, che ha vestito i panni della biondissima popstar statunitense ed interpretato proprio la Left Outside Alone sopra tradotta, al giudice è toccato commentare il numero, il trucco e il parrucco della cantante. Dopo i complimenti di rito per la performance, Giorgio Panariello ha chiesto all'artista in gara se il petto fosse "roba sua" o un sapiente lavoro di protesi, imbottiture e corpetti. Una freddura che ha di fatto raggelato l'aria, alla quale è seguito un disperato tentativo di far scattare la grassa risata del pubblico. "Perché Anastacia ha le poppe grosse" ha insistito l'attore, mimando con le mani la forma dei seni e guardando i suoi compagni al bancone, alla ricerca di appoggio.

Passi pure che qualcuno in televisione si diverta a perpetuare i cliché da cinepanettone, alle soglie del 2020. Ci abbiamo fatto il callo, ahimè, è una quota che sembra inevitabile. Ma che un uomo di spettacolo non sia a conoscenza del passato travagliato di un'artista internazionale, che si è fatta testimone della battaglia contro il tumore al seno, che l'ha afflitta a più riprese nel corso degli anni e ne ha compresso parzialmente la carriera, è inaccettabile. E do per scontato che la presunta gag sia nata per ignoranza dell'accaduto, non consapevolemente. Si aprirebbe, altrimenti, uno scenario ancora più agghiacciante. In ogni caso, non esistono giustificazioni tali e quali di alcun tipo per esternazioni del genere, soprattutto perché gli artisti su cui i concorrenti in gara devono esibirsi vengono resi noti una settimana prima, anche per lasciare ai giurati il tempo di conoscere meglio i cantanti da imitare. "Anastacia non ha affrontato il cancro e una doppia mastectomia per sentirsi dire che ha le poppe" scrive un utente su Twitter, facendo notare quella che non può essere definita banalmente gaffe o caduta di stile.

Ridere è una cosa seria, far ridere una responsabilità, chiedere scusa per un errore un dovere. Questa sera mancato in nome di? "Perchè hai giocato con me come fossi un giocattolo?" si interrogava sempre Anastacia in quel brano che ha segnato la storia del pop. Verso profetico.

 

 

 

  • shares
  • Mail