Striscia la Notizia e il deepfake: ecco com’è stato creato il fuorionda fake di Matteo Renzi

Cos’è il deepfake, l’intelligenza artificiale usata da Striscia La Notizia.

L’intelligenza artificiale sbarca per la prima volta nella televisione italiana grazie a Striscia La Notizia. Nella prima puntata del tg satirico, ieri, il team capitanato da Antonio Ricci ha trasmesso un fuorionda (contraffatto) di Matteo Renzi. Sì, insomma: quello trasmesso non era il vero leader di Italia Viva (anche se sembrava di sì) ma era il frutto di una tecnologia basata sull’intelligenza artificiale e sull’apprendimento automatico che si chiama “deepfake“. Il video di Renzi è diventato virale sui social, ma non sarà l’unico personaggio “preso di mira” dal deepfake di Striscia nel corso della stagione, ma ci saranno anche Matteo Salvini e molti altri.

Ma cos’è il deepfake? I primi video associabili a questa tecnologia sono datati 2017, quando furono diffusi sul web dei (finti) video p0rnografici con protagonisti dei personaggi famosi, ovviamente ignari di tutto. Già, perché i protagonisti dei video deepfake sono talmente realistici da sembrare veri. Questo è possibile grazie a una intelligenza artificiale che consiste nell’animare il volto di una persona tramite la sovrapposizione dei movimenti facciali di un’altra persona.

Ultime notizie su Striscia La Notizia

Striscia la notizia è lo storico tg satirico di Canale5, che presidia l'access dell'ammiraglia Mediaset dall'11 dicembre 1989 (dopo aver debuttato su Italia il 7 novembre del 1988).

Tutto su Striscia La Notizia →