• Tv

Grande Fratello 6 – Lucio Abbandona la Casa

Lucio Calligarich è il primo concorrente di quest’anno a lasciare spontaneamente la Casa del Grande Fratello 6. Detto-fatto. Lucio minaccia di uscire perché non accetta il meccanismo delle nomination, e proprio in questo momento lascia la Casa, dopo aver fatto le valigie. A chi – come Rocco Casalino – l’ha tacciato di ipocrisia dopo lo

di

Lucio Calligarich del Grande Fratello 6 Lucio Calligarich è il primo concorrente di quest’anno a lasciare spontaneamente la Casa del Grande Fratello 6.

Detto-fatto. Lucio minaccia di uscire perché non accetta il meccanismo delle nomination, e proprio in questo momento lascia la Casa, dopo aver fatto le valigie. A chi – come Rocco Casalino – l’ha tacciato di ipocrisia dopo lo sfogo di ieri sera, in cui ha cercato di rifiutarsi di nominare qualcuno del suo gruppo ed è stato convinto dalla Marcuzzi a rimanere nella Casa del Grande Fratello 6, Lucio ha dato una bella lezione di coerenza interna, se ancora qualcosa di bello può venire da un reality.
Ieri era stato protagonista di un’accesa discussione a proposito di moralità e cinismo.
L’improvvisa uscita di quello che si era rivelato uno dei personaggi più carismatici della casa di quest’anno – sebbene paventata – ha scatenato i pianti all’interno della casa, la barriera fra nababbi e tapini è stata aperta, e la discussione fra gli altri ragazzi della casa regna sovrana. Fabiano è il più pragmatico:

Se continuate a piangere, vado appresso a lui.


Elena attacca Laura. Laura piange perché si sente in colpa. Avrebbe detto a Lucio: “Se vuoi uscire, vai”, interpretando il pensiero comune di tutti quelli che pensavano che avesse voglia di menare il can per l’aia. Ci sarebbe di mezzo anche una lettera.
Tant’è, Lucio è fuori e i maschi della casa tentano di riacquistare un ruolo alfa, dicendo che le decisioni delle persone vanno rispettate. Franco sostiene con veemenza che chi provoca i sensi di colpa è stronzo, e giù di luoghi comuni.
Una voce esterna che invita a fare un cambio batterie al microfono pone fine – almeno per quel che mi riguarda – a questa cronaca improvvisata dell’evento.