Annozero: il governo spara rabbioso sulla prima puntata: “Spazzatura, solo una campagna mediatica”

Il governo italiano esige una sola voce. Il governo italiano vuole fare “Internet senza Google”: una specie di snervante blocco monolitico in cui non è più – non è più – l’utente a scegliere dove andare, cosa vedere, come informarsi. Così il ministro dello Sviluppo Economico Scajola ha attaccato in maniera roboante, clamorosa e violentissima

Michele SantoroIl governo italiano esige una sola voce. Il governo italiano vuole fare “Internet senza Google”: una specie di snervante blocco monolitico in cui non è più – non è più – l’utente a scegliere dove andare, cosa vedere, come informarsi. Così il ministro dello Sviluppo Economico Scajola ha attaccato in maniera roboante, clamorosa e violentissima la prima puntata di Annozero, andata in onda ieri sera con un dipendente, Marco Travaglio, relegato a ruolo di “ospite”, perché privato del contratto professionale a causa di inghippi politici:

“E’ ora di finirla. Quella di ieri è l’ennesima puntata di una campagna mediatica basata sui pruriti, sulla spazzatura, sulla vergogna, sull’infamia, sulle porcherie. Convocherò i vertici della Rai per verificare se trasmissioni come Annozero rispettino l’impegno, assunto dalla Rai nel contratto di servizio, a garantire un’informazione completa e imparziale”.

Ecco tornare di moda il contratto di servizio, una specie di chimera retorica e strumentale tirata in ballo dai governanti solo quando fa loro comodo e dimenticata, invece, quando sono gli abbonati, commissioni di vigilanza e associazioni consumatori ad impugnarla per rivendicare diritti sacrosanti. Immediata la risposta – il balletto ormai è noto – del presidente della Commissione di Vigilanza Rai Sergio Zavoli:

“Parole come quelle di Scajola costituiscono un pericoloso precedente. Non corrispondendo ad alcuna regola o prassi istituzionale”.

Dall’opposizione arriva la protesta di Paolo Gentiloni, responsabile comunicazione del Pd:

“Scajola fa una censura governativa. Il compito di vigilare sul pluralismo è affidato alle Camere, non al governo”.

Vale la pena ricordare che la puntata di Annozero di ieri sera è stata seguita da mezza Italia, stabilendo un record storico per le reti Rai. La gente vuole essere liberata: il golpe dell’informazione non glielo consente.

Ultime notizie su Michele Santoro

Tutto su Michele Santoro →