I Retroscena di Blogo: Le orme che portano alle scelte per L'Eredità e La vita in diretta

Cosa succede dietro le scelte dei prossimi conduttori di alcuni programmi televisivi

Tanto se ne parla e molto spesso non per il medesimo fine. Guardiamo per esempio ciò che sta accadendo di questi tempi in politica, tante curve per sviarsi in un gioco a rimpiattino in cui nessuno vuole prendere il cerino in mano, tanta è la paura di rimanere bruciati.

Discorsi che possono essere usati anche per il mondo della televisione, in cui spesso vengono sparati nomi solamente per il gusto -appunto- di bruciarli. Ecco dunque che in queste ultime ore si raccolgono voci che riguardano due importanti programmi di Rai1: L'Eredità, campione di ascolti del preserale del primo canale dell'etere televisivo nostrano e Vita in diretta, anch'essa diffusa dalla medesima rete televisiva.

Vengono citati su Adn Kronos i nomi di Marco Liorni, che lascerebbe Vita in diretta per passare alla conduzione dell'Eredità e di Tiberio Timperi che sostituirebbe l'attuale padrone di casa del prestigioso contenitore pomeridiano di Rai1, abbandonando il caldo e confortevole slot della mattina del fine settimana della prima rete Rai. In realtà nulla di ciò è deciso, anzi, Liorni pareva in pole position per condurre questa estate Reazione a catena, che come scritto su queste colonne parrebbe essere ormai nelle mani di Gabriele Corsi.

Sia Liorni che Timperi però, due ottimi professionisti, stante ancora lontana la decisione definitiva, potrebbero rimanere bruciati, con il cerino che lentamente ed inesorabilmente si consuma nelle loro mani. Chi sarebbero dunque i veri destinatari della conduzione dei due programmi sopra citati? Di certo Gianluca Semprini potrebbe fare una estate in diretta su Rai1 per poi accomodarsi sul medesimo sgabello anche nella stagione invernale, tanto per dirne una.

Oppure all'Eredità qualcuno vedrebbe bene anche un redivivo Flavio Insinna (che già condusse questo programma un primo di aprile di qualche anno fa) fare la staffetta con il direttore artistico di questo game show Carlo Conti. Oppure, in un triplo salto mortale, Liorni e Timperi potrebbero passare alla cassa e ritirare lo score accumulato in tutti questi anni di onorata carriera con il logo di Rai1 alle spalle, senza ricevere nulla in cambio.

Tante soluzioni che comunque saranno vagliate solo dopo che la politica, tanto per tornare all'inizio di questo post, avrà fatto le sue scelte. Da lì si ripartirà per capire verso quale strada andare, perchè è vero che tutte le strade portano a Roma e non solo a Palazzo Chigi, ma spesso anche a viale Mazzini.

  • shares
  • Mail