Enrico Ruggeri torna su Italia1 con “Mistero”

Ha sempre avuto la faccia giusta Enrico Ruggeri: da quando cantava “Contessa” con i ricciolini e gli occhiali profilati in bianco (un must che ha scoperto 30 anni dopo anche Paris Hilton) a oggi con la faccia da pirata buono ma che la sa lunga lunga. Ed è uno dei nostri pochi artisti eclettici capace

di marina,

Ha sempre avuto la faccia giusta Enrico Ruggeri: da quando cantava “Contessa” con i ricciolini e gli occhiali profilati in bianco (un must che ha scoperto 30 anni dopo anche Paris Hilton) a oggi con la faccia da pirata buono ma che la sa lunga lunga. Ed è uno dei nostri pochi artisti eclettici capace di passare da uno studio di registrazione ad uno studio televisivo con nonchalance. Da mercoledì primo luglio torna in tv su Italia1 in prima serata con”Mistero” il cui titolo racchiude un omaggio al suo successo sanremese di 16 anni fa.

Enrico Ruggeri per 8 puntate,dal Parco Museale Pagani di Castellanza, racconterà di 3 casi per puntata, che sebbene analizzati con le più moderne tecnologie non sono stati ancora risolti. Temi ritriti alla Roberto Giacobbo? Non c’è da giurarci perché Ruggeri farà interviste a esperti o a testimoni alla sua maniera, da uomo della strada. Il cantautore milanese, ma non solo a questo punto, non è alla sua prima esperienza televisiva, ha già condotto Quello che le donne non dicono e Il bivio dove da diverse profondità ha trattato comunque di misteri e enigmi sondando però in quelle circostanze prima l’animo femminile e poi l’occulto.
Dice di sè Ruggeri:

Di natura non sono un credulone che si beve qualsiasi racconto. Però allo stesso tempo sono molto curioso e ho la passione per le cose che non capisco. Io sono un profano e sarà proprio con questo spirito che condurrò la trasmissione, ponendo le stesse domande che farebbe una persona normale di fronte a questi misteri apparentemente irrisolvibili.

Rispetto agli obiettivi spiega Enrico Ruggeri:

Tengo a sottolineare che con Mistero vogliamo dimostrare che si può fare un programma di qualità, spendendo poco e senza ricorrere a “nani e ballerine”. Saremo un po’ come una squadra di calcio che cercherà di vincere dopo avere venduto i suoi campioni.

Ma Italia1 non è diretta da quello stesso Luca Tiraboschi che ha dichiarato che la tv di qualità non esiste?

[Via | TelePiù nr.26]