Zelig Event, Christian De Sica: "Alla prima puntata ero un pesce fuor d'acqua"

De Sica ha ammesso il suo debutto sottotono come spalla di Zelig Event nella prima puntata

zelig-6b.png .
Momento di sincera autocritica per Christian De Sica. Il neo-conduttore di Zelig Event, intervistato dal quotidiano La Nazione, ha ammesso i suoi limiti - noi di Blogo avevamo sottolineato - come capocomico della prima serata di Canale5:

"Alla prima puntata mi sentivo un pesce fuor d'acqua, non ero abituato a far da spalla ad altri comici, io che sono un attore comico... Sono molto grato a Gino e Michele e Giancarlo Bozzo perché mi hanno insegnato che l'importante è divertirsi. Anche se ti sbagli non importa, si va avanti... Un giorno Michelle Hunziker ha chiamato Gene Gnocchi Charlie Gnocchi, e io addirittura Gioele Dix. Ma gli autori hanno un tale mestiere che tutto è preciso e calcolato".

Degli storici comici di Zelig De Sica dice di apprezzare Ale e Franz, Sconsolata e Maurizio Battista. Sulle nuove leve, invece, ha qualche perplessità:

"I nuovi comici sembra abbiano paura di far ridere, sempre attenti al politicamente corretto, o magari puntano ai premi... Ma no, il comico è uno che per una battuta si vende la madre! Gente come me, Boldi, Abatantuono... Però ci sono anche nuovi comici come Antonio Ornano o Maurizio Lastrico che praticano una comicità molto alta, molto raffinata. Nel cast c'è una ragazza bravissima, Marta di Marta e Gianluca, che ha tutte le doti per sfondare".

E poi c'è lei, Michelle:

"Non è una cantante, non è un'attrice, non è una ballerina, ma è una forza della natura, ha una vitalità travolgente. Quando la metti accanto ad altre dello spettacolo che se la tirano... che differenza! Ecco, lei è come Mara Venier. E' una bella che si mette in gioco, e dove la trovi un'altra bella che si prende in giro?".

  • shares
  • Mail