Gogglebox Italia è Mediaset-centrico: commenti politicamente corretti, cast debole, dubbi su autenticità

Gogglebox, la recensione della prima puntata della versione italiana

Per giudicare la versione italiana di GoggleBox, un programma nel quale i protagonisti commentano ciò che vedono in tv, proviamo a procedere analizzando il format su più piani.

Il casting
I protagonisti di GoggleBox sono i gruppi di ascolto. È evidente che il casting abbia soddisfatto l'esigenza di proporre una platea di spettatori il più possibile varia ("GoggleBox racconta l'Italia" e scemenze varie): così, si va dalla coppia gay ai preti (di cui uno noto al pubblico televisivo), dalla famiglia tradizionale a quella di colore, dal nipote-nonna al gruppo di amici. Parimenti lampante è che non sempre i prescelti, talvolta evanescenti, abbiano soddisfatto le aspettative degli autori, producendo commenti quasi mai divertenti e quasi sempre all’insegna del politicamente corretto. A spiccare tra i dodici gruppi di ascolto (un po’ troppi per 50 minuti di programma?) la caratteristica coppia formata dalla nobile Conny e dalla dirigente Rosy.

Realismo e autenticità
L’assenza di operatori e autori nella stanza (quasi tutte coloratissime, guarda caso) col divano avrebbe dovuto ridurre i comunque inevitabili condizionamenti dei gruppi di ascolto. Tuttavia alcuni dettagli rischiano di minare lo sforzo produttivo operato in questo senso. Quanti di voi sono soliti guardare la tv con la luce accesa come i nostri protagonisti? E quanti senza avere a portata di mano un dispositivo mobile (qui sono spuntati soltanto due cellulari, di cui uno addirittura tenuto in tasca durante la visione della tv) per commentare sui social o nelle chat private le situazioni più eclatanti?

La scrittura
Come preannunciato, lo stile di scrittura di Gogglebox è quello della sitcom. Peccato però che siano mancati cinismo e black humour (fa eccezione la battuta su Bocelli) che avrebbero aiutato, se è vero come è vero che sono elementi imprescindibili per i commenti che generano traffico social che puntualmente nei comunicati viene esaltato dai vari uffici stampa. Un pizzico di audacia in più, in questo senso, non avrebbe guastato.
Bene ritmo e montaggio.

La scelta dei programmi da commentare
Impossibile non notare come le scelte degli autori siano state Mediaset-centriche, con ben cinque programmi su nove totali in onda sulle reti del Biscione (Grande Fratello Vip, Bring The Noise, Le Iene, il film L’esorcista trasmesso da Iris e il confronto Trump-Clinton nella versione tradotta da TgCom). Inevitabilmente anche i commenti su conduttori, programmi e personaggi del Biscione sono risultati telefonati, prevedibili e privi di malizia (Alfonso Signorini "uomo molto intelligente", Bring The Noise "figo" - fa eccezione una non feroce battuta su Ilary Blasi, comunque "bellissima", "mi piace tanto", "l'unica cosa è che delle volte cade sul romano"). Malizia, questa, riservata solo ai vip minori, come le Mosetti da "mandare a lavare i piatti".

Mentre ci chiediamo se a Gogglebox troveranno spazio anche X Factor e i talk show politici di La7 e Raitre, chiudiamo con due annotazioni: per tutta la durata della puntata l’hashtag #goggleboxita è rimasto in sovrimpressione, facendolo salire fino alla vetta delle tendenze italiane. Inoltre, soltanto grazie al promo andato in onda stasera abbiamo scoperto dell’esistenza di un daytime, fissato dal lunedì al venerdì alle ore 14.15. Si tratterà di puntate con contenuti inediti o, più probabilmente, quanto già andato in onda in prima serata sarà spalmato durante la settimana?)

Quando mostreranno i commenti ai programmi di Barbara d'Urso allora avremo la dimostrazione che è #tuttovero. #GoggleboxITA

P.s. Soltanto quando mostreranno i commenti – non censurati - ai programmi di Barbara d'Urso allora avremo la dimostrazione che Gogglebox Italia è autentico al 100%.

  • 23.46

    Inizia la puntata.

  • 23.49

    Rapida presentazione di alcuni gruppi d'ascolto.

  • 23.50

    Il primo programma commentato è rigorosamente Mediaset, Grande Fratello Vip.

  • 23.50

    Don Mario si chiede quando Ilary riesca a vedere Totti visto che sono sempre impegnati.

  • 23.51

    La nobile Conny dà delle coatte alle Mosetti.

  • 23.54

    I gruppi di ascolto commentano le parole di Signorini sul caso Asia-Damante: "Sta parlando di una cosa seria!", "Eh, serissima", "Ma non conduceva Ilary Blasi?"

  • 23.58

    Si passa al duello Trump-Clinton: anche in questo caso si resta in orbita Mediaset, TgCom 24.

  • 00.00

    Conny vota lui, Roselyne vota lei.

  • 00.01

    Si passa a Undressed UK, in onda su Nove. Don Mario: "Dai, cambia canale".

  • 00.06

    L'esorcista, Le Iene e Braccialetti Rossi dopo la pubblicità.

  • 00.13

    Un promo ci informa che GoggleBox andrà in onda anche con cadenza quotidiana, dal lunedì al venerdì, il pomeriggio.

  • 00.14

    Si passa a commentare L'Esorcita, in onda su Iris (Mediaset).

  • 00.15

    E Conny si spaventa al primo rumore imprevisto.

  • 00.19

    Rosy e Conny personaggi più forti.

  • 00.20

    Body Bizarre, su Real Time. E cala il silenzio nelle case.

  • 00.25

    "Il Padre eterno mi perdoni, ma non ce la faccio a vedere".

  • 00.26

    Spunta un telefonino, tenuto addirittura in tasca.

  • 00.26

    È la volte delle Iene e del servizio su Pupo.

  • 00.29

    Anche Mattia maneggia uno smartphone... stavolta non tenuto in tasca, ma più autenticamente poggiato sul tavolo.

  • 00.29

    Braccialetti Rossi, ecco Rai1 finalmente.

  • 00.33

    Rosy si commuove, Conny racconta che va spesso negli ospedali.

  • 00.34

    Bring the Noise e Amore criminale dopo la pubblicità.

  • 00.41

    Ecco Amore criminale, Rai Premium (in precedenza Raitre).

  • 00.42

    L'uomo aggredisce la donna con coltello alla gola. Don Mario commenta: "Mannaggia".

  • 00.44

    La nonna non vuole guardare e chiede al nipote: "È finito?". Don Mario idem: "Non riesco".

  • 00.48

    Bring the noise. E nelle case esplode l'entusiasmo. Casualmente.

  • 00.50

    Finisce la puntata. Più tardi la nostra recensione.

Ecco le famiglie protagoniste di Gogglebox Italia

#FamigliaBua
La famiglia Bua vive a Milano e si compone del palermitano Sandro (nel capoluogo da quando aveva tre anni) e della milanese doc Monica (53 anni). Dal loro matrimonio, dopo soli sei mesi di conoscenza, è nato Alessio. Oggi 24enne, lavora nel settore informatico dell’azienda di famiglia, dopo non essersi mai presentato all’esame per il diploma, che suo padre ha provato a fargli prendere per due anni affidandosi ad una scuola privata.

Solitamente guardano la tv tutti insieme dopo cena. Tranne nel weekend, quando Alessio si dedica ovviamente alla vita mondana.

#Francesco&Mattia
Mattia (organizzatore di eventi) e Francesco (psicoterapeuta) si sono conosciuti 22 anni fa, partecipando come pubblico a un programma televisivo. Anche se Mattia è il padrone di casa, Francesco si autoinvita spesso, anche quando l’amico non è presente.

Amanti dei talent show e delle presenze femminili che popolano il piccolo schermo, sono soliti guardare la tv bevendo vino bianco, in compagnia dei due levrieri di Francesco e del cagnolino di Mattia.

#FamigliaFigoni
Il napoletano Edoardo (63 anni) e Caterina (57 anni) sono sposati da 36 anni, dopo essersi conosciuti in ospedale quando ancora erano studenti. Insieme ai tre figli Francesco (che ormai non vive più con loro), Irene (24 anni) e Stefano (16 anni) formano la famiglia Figoni.

La sera guardano molto spesso la tv tutti insieme quando sono a tavola. Sono appassionati di casi di cronaca nera, ma a detenere il potere del telecomando è mamma Caterina, che di frequente litiga con i figli, perché non vuole che usino il cellulare quando sono tutti insieme.

#FratelliCapriglione
Francesco (47 anni, single), Luca (42 anni, separato con due figli), Roberto (33 anni, sposato con una figlia) e Simone (29 anni, unico dei quattro a vivere ancora con i genitori), sono i fratelli Capriglione, nati e cresciuti a Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli.

Formando una famiglia molto unita, cercano di passare insieme più tempo possibile. Dato che Roberto possiede una “sala da tv” per guardare film e partite di calcio, si riuniscono spesso a casa sua. Ogni occasione è buona per deridere Simone, il più piccolo, o Francesco, il maggiore, che non condivide la passione dei fratelli per il calcio.

#Gilda&Gigi
Gianluigi (detto Gigi, 31 anni) e Gilda (27 anni), sono rispettivamente il gestore di un B&B e una studentessa, conosciutisi a una cena circa 5 anni fa.

Anche se ancora non convivono, trascorrono molto tempo insieme, spesso guardando la tv. Lui ama i documentari, ma lei lo disturba punzecchiandolo in continuazione. Lei non perde un’edizione del Tg e guarda i reality, mentre lui è appassionato di talk politici. Adorano i film d’azione, anche se Gilda ha una predilezione per le commedie romantiche.

#FamigliaKalonda
Godefrois (63 anni) è nato in Congo, ma vive con la moglie Myriam e i due figli a Roma, dove fa l’insegnante di francese. Françoise (27 anni, nata a Roma) lavora come modella, gioca a pallavolo e pratica pattinaggio, mentre il fratello Mirko (22 anni, nato a Viterbo) fa volontariato.

Si radunano spesso la sera davanti alla tv. Godefrois accetta di seguire tutto ciò che la moglie e i figli vogliono vedere, ma sono questi ultimi a controllare il telecomando. Appassionati di serie tv americane, i fratelli non disdegnano di far compagnia alla madre quando guarda la sua soap opera preferita. Nella loro “dieta” televisiva figurano programmi comici e approfondimenti politici, oltre ai Tg, fonte di informazione quotidiana. Mirko ama il calcio e non perde quindi nemmeno una diretta di Champions League, sebbene ami anche il cinema.

#FamigliaSalini
Valentina, Marco e i tre figli (Andrea, Gianluca ed Eva) formano una famiglia molto affiatata.

La mamma segue moltissimi programmi, dall’intrattenimento al dibattito politico. Le serie crime, che guarda insieme al primogenito Andrea, scatenano accese discussioni familiari tra innocentisti e colpevolisti. Andrea è inoltre appassionato di sport e programmi di intrattenimento. Il membro della famiglia a passare più ore davanti alla televisione è però Gianluca, amante dei film e dei cartoni animati, che segue insieme alla sorellina Eva.

#Fabio&Giulia
Fabio e Giulia vivono ad Aprilia (Roma). Lei è una funeral planner e organizza cioè feste di funerale in maniera non tradizionale. Prima di fare questo lavoro era organizzatrice di eventi legati al mondo dell’arte. Lui è invece cresciuto in provincia di Latina, lavora come illustratore e grafico, e gestisce due canali YouTube.

Sono una coppia affiatata che guarda molto spesso insieme la tv.

#MariaTeresa&Hiras
Maria Teresa è un’arzilla pensionata dai mille interessi: va alle terme, segue lezioni di ballo presso il centro anziani e si occupa dei sei nipoti maschi. Naturalmente, nelle sue giornate non può mancare la televisione. Il nipote Hiras ha 22 anni, studia Giurisprudenza e sogna una carriera come modello.

Anche se Hiras non ama molto la televisione, quando ha qualche curiosità sul piccolo schermo si reca dalla nonna, che lo informa sui principali eventi televisivi.

#Roselyne&Conny
Conny e Roselyne si conoscono da oltre 10 anni, dopo aver scoperto di avere moltissime cose in comune. Conny ha 59 anni, è napoletana ma vive a Roma. Ha un titolo nobiliare e fa la stilista. È divorziata e ha due figlie di 30 e 33 anni. Roselyne ha 62 anni e vive a Roma, pur essendo nata ad Alessandria d’Egitto. Dirigente di una casa editrice, è vedova e ha due figlie.

Guardano la tv soprattutto la domenica pomeriggio, tra una chiacchiera e l’altra. Conny segue volentieri i vari talent, i film Anni 40, le serie tv americane e le fiction italiane. Anche Roselyn ama i talent, ma anche le fiction sulla mafia e i quiz.

#DonMario&DonDon
Don Mario (65 anni) è sacerdote e giornalista, ed è il rettore dell’Oratorio dell’Angelo Custode da 38 anni. Don Donato (58 anni, detto Don Don) è parroco da 30 anni e si trova al momento a Cerreto Guidi, oltre a essere responsabile del movimento “Shalon”. I due si sono incontrati nel 1970 a Staffoli (Toscana), quando erano ancora un seminarista e un ragazzino. Don Don si è infatti avvicinato alla chiesa grazie all’amico. Don Mario si occupa anche dei senzatetto nella parrocchia e la sua casa parrocchiale è stata l’abitazione di Don Luigi di Liegro, fondatore della Caritas Romana. Giornalista radio e tv, ha fondato TV2000 e ha seguito per 10 anni Giovanni Paolo II in tutte le parrocchie.

I loro gusti televisivi sono molto diversi: Don Don ama i thriller e gli horror, oltre a seguire spesso i telegiornali, mentre Don Mario è appassionato di documentari, talk politici e grandi film storici.

#Lorenzo&Giuseppe
Giuseppe (31 anni) è originario di Vercelli ma vive a Milano, fa il project manager ed è il più nerd tra i due. Lorenzo (30 anni), viene da Desio e vive a Milano, dove lavora nella stessa società di Giuseppe come community manager.

Guardano spesso insieme la tv, sono grandi fan dei reality (che commentano sui social) e Giuseppe ama anche tutti i programmi di cucina.

Domenica 23 ottobre debutta su Italia 1 Gogglebox, il programma che “guarda chi guarda la tv”. Le telecamere entrano infatti per la prima volta in 12 case italiane: famiglie, amici, colleghi riuniti sul divano per guardare la TV. I loro commenti sui programmi più divertenti e discussi della settimana tv appena conclusa vengono registrati integralmente e successivamente montati. Si tratta del primo esempio di fixed-show italiano: ore e ore di riprese da camere remotate racconteranno tutto ciò che accade, in modo più vero del vero.

Gogglebox, termine con cui in inglese viene chiamato colloquialmente l’apparecchio televisivo, è un format britannico che in pochi anni ha conquistato oltre 30 nazioni nel mondo. La versione italiana è prodotta da Stand By Me (Simona Ercolani) in esclusiva per Mediaset. Capoprogetto Cristiana Farina. A cura di Davide Acampora. Autori: Anna Agata Evangelisti, Claudio Moretti, Fabio Luongo, Raffaele Di Placido, Irene Caporale, Laura Gamberini. Regia di Giacomo Frignani. Produttore Mediaset Monica Paroletti.

Gogglebox | Anticipazioni prima puntata

I salotti dei protagonisti non sono trasformati in set televisivi con cameramen, microfonisti o autori: solo due camere fisse ai lati del televisore e nessuna presenza umana.

I nuclei familiari scelti per la versione italiana sono molto diversi per ceto sociale, professione, cultura, età e origine. Tra loro, quattro esuberanti fratelli napoletani, una famiglia d’imprenditori milanesi, la principessa con l’amica dirigente di una casa editrice… E oltre a commenti, preferenze, idiosincrasie televisive, pensieri reconditi e opinioni a volte scomode, i protagonisti di Gogglebox sveleranno quasi senza accorgersene aspetti curiosi e divertenti della loro vita quotidiana, modi di dire, tic, manie, magari prendendo proprio spunto da un programma.

Gogglebox | Come vederlo in tv e in diretta streaming

Gogglebox va in onda stasera su Italia 1 poco prima di mezzanotte, al termine de Le Iene. È possibile seguire il programma in diretta streaming sul sito ufficiale di Mediaset, previa registrazione. Su Blogo il liveblogging con immagini e aggiornamenti testuali in tempo reale. A seguire la recensione.

Gogglebox | Second Screen

#Goggleboxita è l'hasthtag ufficiale del programma. Non sono stati creati account social ad hoc.

gogglebox.jpg

  • shares
  • Mail