Master of Photography, talent di Sky Arte: conferenza stampa

La presentazione del primo talent show dedicato alla fotografia

  • 11.06

    Inizia la conferenza.

  • 11.12

    Le riprese sono durate due mesi, in giro per l’Europa. In ogni puntata ci sono altri ospiti fotografi. Nel quarto episodio Michael Madsen ha posato per i concorrenti.

  • 11.13

    Video messaggio della conduttrice Rossellini, assente perché si trova in Canada.

  • 11.14

    Quindi la clip che presenta il talent (che non è ancora stato doppiato, e quindi viene proposto in lingua inglese) e i concorrenti.

  • 11.23

    Denis Negri di SkyTg24 modera l’incontro. Scrosati: “È un programma internazionale, non è un caso lo abbia fatto Sky che è una azienda europea. L’idea ci è sembrata perfetta”.

  • 11.24

    Roberto Pisoni, direttore Sky Arte Italia: “Questo è il terzo progetto di Sky Arts Production Hub, ma è la sfida più difficile perché usciamo dal documentario”.

  • 11.25

    Pisoni: “I nostri colleghi inglesi e tedeschi sono disposti alla collaborazione, siamo stati fortunati in questo. Riuscire a realizzare un prodotto internazionale di questo tipo è una chimera. I tre giudici sono molto efficaci. La casa di produzione è italiana, la Ballandi”.

  • 11.31

    Oliviero Toscani: “Sono molto contento di aver partecipato a questo progetto. Sono sempre stato critico con la televisione. Più del 95% di ciò che sappiamo lo sappiamo grazie alle immagini fisse. Chi di voi non ha mai fatto una fotografia? Il problema non è saper fotografare, tutti lo sanno fare. La fotografia è un mezzo popolare. La fotografia è una cosa molto complessa e lo sta diventando sempre più”.

  • 11.34

    Toscani: “Abbiamo la responsabilità di far vedere al futuro della Terra la memoria del nostro tempo. Abbiamo opinioni di posti e persone solamente avendoli visti in foto”.

  • 11.35

    Toscani: “La fotografia è sempre un ritratto, ritrae sempre una realtà. Non si può fotografare qualcosa che non esiste”.

  • 11.36

    Toscani: “Hanno così successo i programmi di cucina, ma il prodotto fotografia è molto più importante delle cipolle e delle patate. Il programma avrà successo perché tutti fotografiamo, è diventata la nostra scrittura. Dobbiamo solo diventare più poeti, più autori”.

  • 11.37

    Simon Frederick: “È sempre difficile riconoscere il talento in qualsiasi ambito artistico. Vi sono tre aspetti: bisogna saper riconoscere la propria passione, e le proprie capacità. Poi gli altri devono riconoscere il nostro talento. Non sempre questo terzo elemento c’è”.

  • 11.42

    Frederick: “Tutti possono cimentarsi in un contesto creativo, lo vediamo su Facebook e Instagram. Ma se si è professionista c’è una differenza. Noi valiamo solo quanto vale la nostra ultima fotografia”

  • 11.43

    Frederick: “Nel programma i concorrenti seguono un percorso evolutivo, questo è interessante. I concorrenti evolvono verso una crescente professionalità”.

  • 11.45

    Michael Madsen: “Confesso che quando mi chiedono di posare per una fotografia mi sento a disagio perché sono abituato a fare cinema, non a stare fermo. Mi fanno un po’ paura le immagini fisse: quello che viene catturato nell’immagine fissa non può più essere modificato, anche se ormai non è più così”.

  • 11.51

    Madsen: “Di questo programma ho apprezzato di poter assistere all’evoluzione dei concorrenti, ognuno di loro aveva già in testa una immagine che voleva scattare; poi c’è stata una evoluzione”.

  • 11.51

    Madsen racconta di essere partito alle 4 di stamattina da Berlino per essere a Roma oggi.

  • 11.54

    Madsen: “Personalmente ho una predilezione per le foto in bianco e nero”.

  • 11.56

    Il direttore Pisoni introduce il video che racconta cosa i progetti già realizzati e quelli in divenire della Sky Arts Production Hub.

  • 11.58

    Toscani: “Noi giudici non abbiamo mai avuto un giudizio unanime, siamo stati molto critici, 150 mila euro sono tanti. Fotografi che hanno lavorato tutta la vita non hanno messo da parte tutti questi soldi, è una cosa seria”.

  • 12.01

    Toscani: “Non c’è bisogno di andare dallo psicanalista, aprite la foto delle vostre carte di identità e capirete”. E sulla televisione: “C’è questa mania di zoomare le foto. Alla produzione l’ho detto: ‘mi raccomando, non zoomate sulle foto'”.

  • 12.05

    Toscani dice che le foto spiegano al meglio i giovani: “stanno sempre a fotografarsi, forse perché non gli diamo abbastanza spazio”.

  • 12.06

    Frederick: “Ci sono stati momenti in cui noi giudici non eravamo affatto d’accordo. Ma è normale. Per me è importante avere diverse forme di fotografia. Ognuno ha uno scopo e un pubblico a cui si rivolge. Ripetere l’esperienza? Sì, lo farei”.

  • 12.09

    Toscani: “Lo rifarei? Sarei più stretto nella scelta dei talenti, dei fotografi. Servirebbero esami attitudinali. Vorrei concorrenti davvero sorprendenti”.

  • 12.11

    Pisoni: “Seconda stagione? È prematuro parlarne. Ci siamo detti che gli altri Paesi che basterà che funzionerà in due Paesi su tre”.

  • 12.11

    Pisoni annuncia un documentario in essere su Dante. Anche uno sui giardini di Pompei e sulle maschere di Casanova.





  • aggiornamento automatico


Sta per iniziare a Villa Medici a Roma la conferenza stampa di presentazione di Master of Photography, primo talent show dedicato alla fotografia in onda su Sky Arte. Vi partecipano fotografi amatoriali e professionisti. Blogo seguirà in liveblogging l’evento al quale sono presenti i giudici Oliviero Toscani e Simon Frederick (il terzo giudice, Rut Blees Luxemburg, è assente) e la special guest Michael Madsen. Alla conduzione l’attrice italiana Isabella Rossellini.

Prodotto da Sky Arts Production Hub, il nuovo polo europeo dedicato alla creazione di programmi sull’arte e di contenuti artistici culturali rivolti ai 21 milioni di abbonati in Italia, Germania, Austria, Irlanda e Regno Unito, lo show sarà suddiviso in 8 puntate. Il premio per il vincitore è di 150 mila euro. Dodici i concorrenti.

Master of Photography | Concorrenti

L’Italia sarà rappresentata da Gabriele Micalizzi e Chiara Stampacchia, la Gran Bretagna da Gina Soden, Neal Gruer e Rupert Frere, la Francia da Lanka Perren, mentre la Germania da Laura Zalenga e Sebastian Siebel. La spagnola Marta Lallana Garcia, il russo Yan Revazov, la croata Dragica Carlin e l’austriaco Hongwei Tang completeranno il parterre di talenti dell’obiettivo.

I Video di TvBlog

Ultime notizie su Now Tv

Now, precedentemente conosciuto come Sky Online (dal 2 aprile 2014) e Now Tv (dal 24 giugno 2016), è un servizio di streaming on demand e live di Sky a pagamento.

Tutto su Now Tv →