Serie Tv, novità: Ewan McGregor in Fargo, Carrie-Anne Moss in Iron Fist

Cary Fukunaga in trattative per Napoleon di HBO

Fargo: Ewan McGregor entra nel cast del terzo capitolo della saga parzialmente antologica di FX (in onda in Italia su Sky Atlantic HD) e interpreterà ben due personaggi. Gran colpo per Fargo che continua ad alzare il livello puntando sul talento di Ewan McGregor che interpreterà i fratelli Emmit e Ray Stussy nella terza stagione che, secondo quanto si sa al momento, dovrebbe essere ambientata nel presente (o quasi). Emmit Stussy è il re dei Parcheggi del Minnesota, un uomo che si è costruito da solo le proprie fortune, padre e marito amorevole, imprenditore del ramo immobiliare, si ritiene l'incarnazione del "sogno americano". Ray è completamente l'opposto, pelato e con la pancia, è un agente che si occupa di cauzioni, che se la prende con il mondo intero e incolpa Emmit della sua condizione. McGregor è il primo attore ad entrare ufficialmente nella terza stagione di Fargo che dovrebbe andare in onda nel 2017.

Iron Fist: Carrie-Anne Moss riprenderà il ruolo dell'avvocato Jeri Hogarth, interpretato in Jessica Jones, anche nella quarta serie tv targata Marvel-Netflix. Iron Fist/Daniel Rand, interpretato da Finn Jones, ritorna a New York dopo essere scomparso per diversi anni e grazie alle sua abilità nel kung-fu, combatterà il crimine della città. Come sottolineato da Jeph Loeb capo della Marvel Television, in un comunicato, Hogarth ha un ruolo importante nei fumetti nella vita di Danny Rand, quindi "ci è sembrato naturale inserire Carrie-Anne nella serie".

Danny Rand fa parte dell'alta società di New York e avrà bisogno di un avvocato capace per aiutarlo a muoversi in questo mondo a lui sconosciuto. Sono davvero felice di avere Carrie-Anne Moss nei panni di Jeri Hogarth in Marvel's Iron Fist

Ha così commentato la notizia Scott Buck lo showrunner della serie Marvel.

Napoleon: Cary Fukunaga è in trattativa per dirigere la miniserie dedicata a Napoleone Bonaparte, basata sul progetto non finito di Stanley Kubrick. Negli anni '60 il regista lavorò a lungo al progetto, preparando le riprese tra Francia, Regno Unito e Romania coinvolgendo oltre 30000 mila comparse dei paesi comunisti per girare le scene di guerra. Nonostante la sceneggiatura pronte e le circa 17 mila immagini legate al periodo napoleonico, catalogate da Kubrick, il progetto naufragò anche a causa dell'uscita dei film War and Peace e Waterloo di Sergei Bondarchuk. Ultimamente la famiglia Kubrick ha concesso alla HBO l'accesso all'archivio del regista, con Steven Spielberg che produrrà tramite la sua Amblin Television, insieme a HBO e MGM. Nel 2013 il primo ad approcciarsi era stato Baz Luhrman, ma ora pare che sarà Fukunaga, reduce da True Detective, a confrontarsi con il progetto.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail