Serie tv, novità: Joel Kinnaman in Altered Carbon, Wentworth Miller regular dell'universo DC

Dopo The Killing, nuovo ruolo da protagonista per Joel Kinnaman. Legends of Tomorrow e non solo per l'attore di Prison Break

joel kinnaman

Altered Carbon: Joel Kinnaman sarà il protagonista del drama ambientato nel futuro in arrivo su Netflix, scritto e prodotto da Laeta Kalogridis per Skydance Television; Miguel Sapochnik sarà il regista del primo episodio della serie. Basato sull'omonimo romanzo del 2002 scritto da Richard Morgan, Altered Carbon è ambientato nel venticinquesimo secolo quando la mente umana è stata completamente digitalizzata ed è diventato possibile trasferire l'anima delle persone da un corpo ad un altro. Takeshi Kovacs (Kinnaman) è uno dei migliori guerrieri intergalattici conosciuto come un Envoy, imprigionato per 500 anni; la sua anima viene trasferita in un futuro che deve cercare di fermare. Se sarà in grado di risolvere un omicidio in un mondo in cui la tecnologia ha cancellato la morte, avrà la possibilità di tornare sulla terra e di avere una nuova vita. Kinnaman recentemente è entrato anche nel cast dell'altra serie Netflix House of Cards.

Legends of Tomorrow: Wentworth Miller sarà il primo attore nella storia della tv ad avere un contratto come ricorrente per più show tra loro collegati. L'attore a partire dalla prossima stagione sarà infatti regular dell'universo DC creato da Greg Berlanti e in onda su The CW e non sarà più una presenza fissa all'interno di Legends of Tomorrow. L'addio a Legends era previsto considerando che l'attore aveva un accordo limitato e non lungo nel tempo, ma come ha rivelato Greg Berlanti, "Noi sappiamo anche che amiamo averlo all'interno dello show e in tutti gli show, compreso The Flash". Il tentativo è quello di replicare il mondo dei fumetti dove c'è un ricco cast di personaggi che può spostarsi da un fumetto a un altro e il suo modello di contratto che gli lascia la possibilità da un lato di fare altro (l'attore sarà nella nuova stagione di Prison Break), sia di prendere parte a diverse serie tv del nostro stesso universo DC per Warner Bros. 

Attenzione Spoiler

La decisione arriva dopo gli eventi dell'episodio in onda giovedì sera negli USA in cui Snart (Miller) sacrifica se stesso per cercare di eliminare l'Oculus uno strumento del Consiglio del Tempo usato per controllare l'azione dei viaggiatori.

Paradime: ITV Studios America e One-Two Punch Production, hanno acquistato i diritti del romanzo di Alan Glynn che sarà adattato da Glen Gordon Caron, creatore di Medium, che ne sarà anche regista. Si tratta di un thriller psicologico che segue le vicende di Danny Lynch un uomo da poco tornato a New York dopo una missione in Afghanistan che trova lavoro come aiuto cuoco in un importante ristorante dove si recano importanti personalità tra cui il miliardario Teddy Trager. Trager è un imprenditore della teconologia, che ha tutto quello che Danny vorrebbe e non può, vestiti di cashmere, auto sportive, potere e Danny finisce per diventarne ossessionato, portandolo a prendere decisioni che gli cambieranno la vita. Alan Glynn è l'autore anche del romanzo The Dark Fields da cui è stato tratto il film Limitless, poi diventato anche una serie tv su CBS.

The Good Wife: dopo il finale di serie andato in onda domenica scorsa su CBS, tramite the Hollywood Reporter, arrivano delle indiscrezioni riguardo il possibile sviluppo di uno spinoff della serie che avrebbe come protagoniste Diane Lockhart (Christine Baranski) e Lucca Quinn (Cush Jumbo). Il progetto, di cui Robert e Michelle King autori della serie originale scriverebbero solo il primo episodio, avrebbe un ordine diretto per lo sviluppo della serie, ma non andrebbe in onda su CBS, bensì sul servizio a pagato CBS All Access dove nel 2017 arriverà anche la nuova serie di Star Trek, ma mentre quest'ultima andrà anche in tv, il possibile spinoff sarebbe in esclusiva sulla piattaforma. Al momento non c'è alcun accordo ufficiale ed è possibile che l'annuncio possa arrivare la prossima settimana nel corso degli upfront di CBS.

  • shares
  • Mail