• Tv

La TV vien d’autunno – Viaggio negli altri canali: History Channel

Viaggio attraverso il palinsesto di History Channel

di Hit

Dopo aver fatto tappa nei giorni scorsi al National Geographic Channel ed a Nat Geo Wild, oggi la nostra rubrica che si occupa di presentare ai nostri lettori i palinsesti delle “altre” televisioni è ospite di un altro canale del gruppo Fox “Mondi e culture”, parliamo di History Channel, presente al numero 407 del bouquet di Sky, anche in alta definizione. History parla di passato, ma anche di presente e di futuro, un unico canale tematico dedicato alla storia, che ripercorre gli eventi passati, punta i riflettori sull’attualità e ipotizza cosa potrebbe avvenire nel futuro. Dalle battaglie antiche ai conflitti bellici che hanno insanguinato il ventesimo secolo, dagli eventi del passato più recente alle grandi sfide del nostro presente: History HD rappresenta a tutti gli effetti uno dei luoghi privilegiati per conoscere la storia e i suoi protagonisti, dai grandi personaggi alle persone comuni.

Le rievocazioni filmate e i più moderni strumenti di computer grafica ricostruiscono gli avvenimenti accaduti in passato. Un passato che torna a vivere anche attraverso la voce di chi ne è stato testimone o protagonista e l’utilizzo dei documenti d’archivio, mentre il presente viene raccontato attraverso le vicende di chi fa la storia tutti i giorni. Vediamo insieme le produzioni di questa rete partendo da 10 cose che non sai di… in onda ogni venerdì alle ore 21:00. In compagnia dello storico David Eisenbach, il programma ripercorre avvenimenti più o meno noti, svelando particolari spesso inaspettati della vita su alcuni dei più famosi personaggi della storia.

Ogni mercoledì alle ore 21 l’appuntamento è con Mankind – La storia di tutti noi. Si tratta della più grande e costosa produzione documentaristica di sempre, un vero e proprio docukolossal che racconta la storia del genere umano. Dalla preistoria alla invenzione della scrittura; dall’avvento della democrazia in Grecia alla nascita degli imperi in Asia e a Roma; dalla diffusione del Cristianesimo al conflitto con l’Islam; dalla rivoluzione industriale alla mappatura del DNA: i grandi temi universali della storia dell’uomo sono stati raccolti e per la prima volta connessi tra loro.


Attraverso fiction, effetti speciali e interviste a studiosi di diversi campi (dalla storia militare alla gastronomia, dalla biologia al giornalismo), Mankind racconta l’imprevedibile progresso della civiltà umana. Un viaggio di migliaia di anni nel nostro passato, mai effettuato prima d’ora, che permette di scoprire i punti di svolta del progresso dell’umanità e gli elementi che hanno avuto un ruolo fondamentale nella sua affermazione. In ciascuno dei sei episodi, ci immergeremo nelle vicende dei nostri avi, delle loro lotte contro forze schiaccianti, dei trionfi dello spirito umano, delle invenzioni e rivoluzioni.

Come per National Geographic Channel, anche History dedica parte del suo palinsesto di dicembre ad una serie di trasmissioni sulla ormai famosa profezia dei Maya e sull’Apocalisse. Ci saranno nella programmazione del canale tutta una serie di appuntamenti dedicati a questo argomento, ma di questa cosa ne parleremo più diffusamente nei prossimi giorni. Sempre a dicembre, lunedì 10 alle ore 21:00, l’appuntamento è con Playboy: L’impero del nudo. Come sarebbe stato il mondo senza Playboy? Senza le conigliette, sogno erotico di milioni di uomini? Corpi perfetti immortalati da grandi fotografi, donne celebri ritratte senza veli, racconti firmati da mostri sacri della letteratura mondiale. Questa la ricetta vincente di un intrepido giovanotto di Chicago che a soli 27 anni fonda l’azienda del coniglietto in frac, facendola diventare un impero mondiale. Il suo nome: Hugh M. Hefner.

A quasi 60 anni dall’uscita del primo numero che mostrava una prorompente Marilyn Monroe senza veli, Playboy l’impero del nudo, svela i segreti della rivista che ha rivoluzionato il comune senso del pudore. Scopriremo come Playboy abbia sfidato le convenzioni sociali sugli uomini, le donne, il sesso e la nudità, e contribuito a modificare la nostra percezione dei diritti civili. Il documentario è ricco di filmati inediti e di interviste a politici, imprenditori e personalità del mondo dello spettacolo: dal reverendo Jesse Jackson a Donald Trump, da Bill Cosby (I Robinson) a James Caan (Il Padrino). Senza dimenticare, naturalmente, Hugh Hefner.