Tu sì que c’hai la fissa per i social, Maria De Filippi contro gli haters: “Bisogna fottersene”

Invettiva di Maria De Filippi contro gli haters: “Bisogna imparare a fottersene perché la gente non sempre capisce”

Tu sì que vales scende in campo nella battaglia agli haters. Nella puntata andata in onda sabato 17 ottobre, si è parlato in più di una occasione di quanto (di brutto) accade sui social. Il programma di Canale 5 ha scelto di ospitare Mohamed e Raissa, diventati popolari negli scorsi mesi su Tik Tok per aver realizzato una serie di video nei quali rispondono con ironia agli insulti razzisti ricevuti via social.

Maria De Filippi ha commentato così i loro sketch:

L’ignoranza si combatte con l’ironia, ma non sempre si ha la forza per farlo. Ci sono persone che ci soffrono e arrivano anche a cose assolutamente brutte. Il vostro può essere un esempio, purtroppo non lo è per quelli che scrivono gli insulti, quelli non smettono mai, non c’è niente da fare. Dovremmo iniziare anche a scuola a insegnare queste cose (…) Poi non possiamo lamentarci che i ragazzi a 18-20 anni fanno queste cose, se non facciamo nulla per impedirglielo.

Intervento simile per la De Filippi anche quando è salito sul palco Raffaele, 26enne di Cremona nato con la sindrome di Treacher Collins:

La trasmissione andrà in onda e sui social ancora qualcuno scriverà. Tu devi imparare a fottertene, non sempre la gente capisce. Quelli che ti scrivono e ti insultano, se tu riesci a fregartene, l’insulto a loro rimbalza. Non potrai mai combattere contro l’ignoranza. La devi semplicemente capire e giudicare come tale e allora riesci a non farti ferire. Sennò, passi un’inutile sofferenza (…) Te ne devi fregare, non devi fartene un dramma. Mai, proprio mai. Quando ti insultano, non leggerli! Dimenticateli! (…) Spesso chi scrive cattiverie non si rende conto. Magari scrive ‘sei un gran cesso’ e non capisce che la frase può creare un dramma in chi la riceve, non se ne rende conto, perché è ignorante. Vai a testa alta! Fregatene di chi ti scrive, è questione davvero di ignoranza!

Ed ancora, al termine della bella perfomance di beat box di Adel e Bad Peace, la De Filippi non ha mancato di sottolineare che i due, che si sono conosciuti via social, “usano i social in modo intelligente“, mentre “ci sono purtroppo tanti ragazzi che non usano i social, che sono uno strumento straordinario, in modo intelligente. Tramite voi si può far capire a quelli che li usano in maniera sbagliata. Non sono solo i ragazzi a usarlo in maniera sbagliata, eh, ci sono anche gli adulti“.

Ultime notizie su Tu si que vales

Tu si que vales è la versione italiana, prodotta da Fascino p.g.t., dell'omonimo talent show spagnolo Endemol (andato in onda dal 2008 al 2013) che Canale 5 propone per la prima volta da settembre 2014 per sostituire Italia's Got Talent, passato a Sky.

Tutto su Tu si que vales →