Addio a Tony Binarelli, il prestigiatore della domenica in tv

Stroncato da una malattia, Binarelli aveva partecipato anche alle prime edizioni di Domenica In, condotte da Corrado

Negli anni Novanta è stato il prestigiatore che ha divertito il pubblico della domenica della tv commerciale: Tony Binarelli è morto nelle ore scorse all’ospedale Pertini di Roma, a causa di una lunga malattia che non gli ha lasciato scampo. Il 16 settembre prossimo avrebbe compiuto 82 anni.

Al secolo Antonio Binarelli, la sua carriera nel mondo della magia è cominciata fin dagli anni Cinquanta, entrando a far parte del “Club Magico Italiano” di Bologna; negli anni Sessanta, invece, inizia ad esercitare vari numeri, prima come dilettante e poi come semiprofessionista.

La tv a nota subito, tant’è che alla fine degli Anni Settanta entra nel cast fisso delle prime edizioni di Domenica In, allora condotte da Corrado. Il legame di Tony Binarelli con la tv della domenica, però, non si esaurisce con questa esperienza: una ventina d’anni dopo, dal 1991 al 1995, diventa infatti uno degli ospiti fissi di Buona Domenica. La sua presenza, oltre a renderlo estremamente popolare, gli permette anche di aggiudicarsi un Telegatto restando, ad oggi, l’unico illusionista italiano ad aver vinto la statuetta.

Dopo l’esperienza domenicale su Mediaset, Binarelli si è allontanato dalla tv, ma non ha smesso di praticare la prestigiazione, diventando anche presidente internazionale dell’Italia dell’ “International Brotherhood of Magicians”, l’associazione mondiale degli illusionisti ed organizzando, nel 2004, la prima settimana della magia italiana ad Hollywood. Numerosi gli spettacoli da lui ideati, l’ultimo dei quali, “Quinta Dimensione Show-Viaggio alla scoperta dei poteri della nostra mente”, è andato in scena nel 2013.

Tony Binarelli controfigura di Terence Hill

Forse non tutti sanno che nella carriera di Binarelli c’è anche la parte della controfigura di Terenche Hill nei film in cui interpretava Trinità. Il prestigiatore prestava le proprie mani per permettere al personaggio di mostrare la sua abilità nel mescolare le carte, come lui stesso ha raccontato in una puntata di Stracult (video in alto):

“Ero truccato come Terence Hill”, ha raccontato, “con gli avambracci sporchi, la maglietta zozza che puzzava… Il film era povero e ce n’era una sola: Terence Hill se la levava e me la mettevo io!”

Tony Binarelli, la moglie Marina

Binarelli era sposato da 53 anni con la signora Marina, che ha conosciuto quando lui aveva 19 anni (lei ne aveva 14). Come raccontato da Binarelli stesso in un’intervista a Fanpage, i due si conobbero negli anni Sessanta, ad una festa. Lui la conquistò indovinando il suo numero di telefono, inviandole a casa tante rose quanto era la somma delle cifre che componevano il suo numero.

“Negli anni c’è chi ha tentato di intromettersi nel nostro matrimonio”, ha detto Marina, “ma non gliel’ho data vinta. Se le basi sono buone, nessuno può riuscirci”. Marina ha anche raccontato che gli faceva cambiare spesso vallette, mentre lui che ha sempre preferito evitare che lei gli facesse da assistente, per non portare eventuali tensioni sul palco o discutere a casa per qualche numero non particolarmente riuscito.