Prodigal Son, arriva su Italia 1 la serie thriller psicologica su un serial killer e suo figlio

Malcom anni prima ha contribuito a far arrestare il padre serial killer. Oggi deve chiedergli aiuto per arrestare altri assassini…

Un po’ procedural, un po’ crime, ma sopratutto thriller psicologico che fonde la sua natura nel rapporto-scontro tra padre e figlio. Dopo le messa in onda pay su Premium Crime, per Prodigal Son è arrivato il momento di debuttare in chiaro, da questa sera (o, meglio, notte), mercoledì 14 luglio 2021, alle 23:55, con due episodi a settimana -il pubblico insonne è avvertito-.

“Il Chirurgo” ed il figlio profiler: la trama di Prodigal Son

Di cosa parla Prodigal Son? La trama è molto semplice e, come detto, gioca sul rapporto tra due uomini. Uno è Malcom Bright (Tom Payne), ex profiler dell’Fbi, da tempo licenziato ed ora al lavoro come consulente della polizia di New York; l’altro è suo padre Martin Whitly (Michael Sheen).

Un rapporto che definire incrinato è dire poco: Martin si trova infatti da tempo in prigione, arrestato dopo che si scoprì essere un famigerato serial killer soprannominato “il Chirurgo”. A permetterne la cattura fu, quando ancora era bambino, proprio Malcom che, poco dopo, ancora scosso decise di non vedere più suo padre.

Malcom è così cresciuto sotto l’ala di Gil Arroyo (Lou Diamond Phillips), l’agente che catturò suo padre e che ebbe a cuore il futuro del protagonista. L’arresto di Martin, però, complicò anche la sorte del resto della famiglia, composta da Jessica (Bellamy Young), sua moglie caduta nel vortice dell’alcolismo dopo aver scoperto il terribile segreto del marito ed Ainsley (Halston Sage), sorella di Malcom oggi ambiziosa giornalista.

Le strade di Malcom e Martin tornano ad intrecciarsi quando un serial killer comincia a terrorizzare New York con lo stesso modus operandi del Chirurgo. Il protagonista, dotato del dono di riuscire ad entrare nella mente degli assassino a cui dà la caccia per comprenderne meglio le prossime mosse, si trova così costretto a rivedere il padre.

Inizia così una collaborazione che va oltre il singolo caso: Malcom si reca più volte dal padre per avere consigli anche su altri casi, instaurando con lui un rapporto di collaborazione che però permette ad entrambi anche di risolvere i numerosi conflitti lasciati in sospeso per anni.

Nel mezzo, però, restano due dubbi: Martin è veramente cambiato e vuole davvero aiutare la Polizia? E la paura di Malcom di aver ereditato dal padre la stessa indole sociopatica che potrebbe portarlo a diventare come lui quanto è fondata?

Le tante aspettative di una serie durata poco

Prodigal Son
© Warner

A partire dalla presenza nel cast fisso di Michael Sheen, si capisce come Prodigal Son -in onda negli Stati Uniti sulla Fox– fosse uno dei titoli su cui il network puntasse maggiormente. L’idea era quella di replicare un rapporto già visto in The Blacklist tra protagonista buona ed antagonista cattivo, declinandolo in una chiave più thriller ed adatta ad un pubblico in cerca di emozioni più forti.

Il lavoro fatto da Chris Fedak (creatore, tra le altre serie tv, di Chuck) e da Sam Sklaver riesce a centrare l’obiettivo, proponendo una serie cupa e che fa della componente psicologica una colonna portante. Un’attenzione che si riversa su alcune scelte di cast che puntano, invece, a strizzare l’occhio ad una componente più pop: basti pensare a Bellamy Young, mitica First Lady in Scandal, o a Keiko Agena, tornata in tv dopo anni di Una Mamma per Amica (qui nei panni della Dr.sa Edrisa Tanaka), e soprattutto alla presenza di Catherine Zeta-Jones (ma solo nella seconda stagione).

Eppure, qualcosa non ha funzionato e, rispetto al sopra citato The Blacklist, Prodigal Son ha avuto vita breve, non riuscendo a catturare l’attenzione del pubblico necessaria a strappare un rinnovo per una terza stagione. E così, la serie ha chiuso dopo trentatre episodi, quando il suo formato avrebbe potuto prevederne numerosi altri.

Prodigal Son, streaming

E’ possibile vedere Prodigal Son in streaming sul sito ufficiale di Mediaset, e sull’app per smart tv, tablet e smartphone, mentre da domani si potrà vedere in Catalogo, nella sezione Fiction e Serie Tv.