• Tv

Non è la Rai compie 30 anni, domenica 5 settembre maratona su Mediaset Extra

Non è la Rai spegne 30 candeline: Mediaset Extra celebra la storica trasmissione di Gianni Boncompagni e Irene Ghergo in una lunga giornata.

Era il 9 settembre 1991 quando, nel daytime mattutino di Canale 5, va in onda la prima puntata di Non è la Rai. Il cult televisivo più discusso degli anni ’90 concluso nel giugno 1995 è poi rimasto in vita nei ricordi di tanti e, soprattutto, di chi l’ha condotto (Enrica Bonaccorti, Paolo Bonolis e Ambra Angiolini).

A distanza di 30 anni esatti dall’esordio, TvBlog è in grado di anticiparvi che Mediaset Extra celebrerà la trasmissione ideata e diretta da Gianni Boncompagni con una lunga maratona in onda domenica 5 settembre per tutto il giorno. Il programma, secondo le informazioni di cui siamo in possesso al momento, sarà composto prevalentemente dalle puntate più iconiche delle quattro edizioni cui si alternerà uno speciale inedito che comprenderà un’intervista (anch’essa inedita) a Irene Ghergo, mente e braccio destro di Boncompagni che partecipò alla realizzazione e alla crescita di Non è la Rai.

Per Mediaset Extra non si tratta della prima celebrazione per NELR: fin dal 2011 la rete tematica del biscione le ha dedicato parte del suo palinsesto riproponendo l’intera edizione 1993/94 e 1994/95. Nel 2016 (dunque a 25 anni dalla prima puntata) realizzò il “Non è la Rai Day” replicando Non è la Rai estate, ovvero il best of dell’edizione 1991/92 trasmesso originariamente nell’estate 1992. Più avanti, Extra propose anche “Le puntate perdute”, una selezione di alcune puntate della seconda edizione. In più, per il capodanno 2017/18 il canale scelse di trasmettere lo speciale di fine anno del 31 dicembre 1992 condotto da Paolo Bonolis.

Non è la Rai, la storia in breve

La prima edizione va in onda dal 9 settembre 1991 al 27 giugno 1992 su Canale 5 con la conduzione di Enrica Bonaccorti. L’orario di trasmissione partì alle 12:40 fino al 13 gennaio 1992, giorno della nascita del Tg5. Da quel giorno la durata del programma venne ridotta di 30 minuti e la sua partenza venne fissata alle 13:30.

Dopo lo spin-off Bulli e Pupe (estate 1992, Canale 5) condotto da Paolo Bonolis, quest’ultimo fu al timone per buona parte della seconda edizione di Non è la Rai, finché (per scelta di Boncompagni) le ragazze presero possesso di interi blocchi del programma, tra queste spiccò Ambra Angiolini. All’attrice venne consegnato il testimone delle rimanenti due edizioni, la terza in onda dal 20 settembre 1993 al 24 giugno 1994 e la quarta ed ultima dal 12 settembre 1994 alla data fatidica del 30 giugno 1995, giorno della chiusura ufficiale in un fiume di lacrime.