Marina Nalesso diventa la portavoce di Gennaro Sangiuliano al Ministero della Cultura

Marina Nalesso sarà la portavoce di Gennaro Sangiuliano come Ministro della Cultura. Per entrambi un passato prima al Tg1 e poi al Tg2.

Dal Tg2 al Ministero della Cultura: un percorso che ora non è più solo dell’ex direttore Gennaro Sangiuliano, ma anche della giornalista Marina Nalesso, divenuta nelle scorse ore portavoce di Sangiuliano al Ministero.

I due condividono da tempo lo stesso percorso professionale: ai tempi della vice-direzione di Sangiuliano al Tg1, Nalesso si trovava lì, come poi è arrivata al Tg2 in seguito allo spostamento del collega alla direzione della testata giornalistica di Rai2. Proprio una delle ultime conduzioni del Tg2 delle 20:30 da parte di Marina Nalesso aveva riacceso la polemica su di lei, circa l’abitudine ad indossare vistosi crocifissi nelle edizioni del telegiornale.

Tale comportamento è stato sottolineato e stigmatizzato più volte nel corso della carriera della giornalista, che nell’agosto 2018 si era poi esposta, rivendicando i crocifissi indossati come simbolo della sua fede. “I miei colleghi di lavoro sono divisi. Qualcuno mi ha espresso solidarietà, alcuni si sono avvicinati, però devo dire che c’è stato molto silenzio. Probabilmente molte persone non condividono, ma in fondo ognuno è fatto in modo diverso” aveva spiegato Nalesso circa il comportamento di chi lavorava con lei.

Nel dare la notizia del suo arrivo come portavoce di Sangiuliano al Ministero della Cultura, Simone Canettieri e Carmelo Caruso su Il Foglio riportano che, secondo i colleghi di redazione del Tg2, Nalesso si fosse fatta mettere in ferie negli scorsi mesi fino alla fine dell’obbligo vaccinale, ovvero fino allo scorso 15 giugno. Ritornata però alla conduzione, non è rimasta però per molto al Tg2, dato che ora per lei si aprono le porte per un nuovo incarico, sempre al fianco di Gennaro Sangiuliano.