Le indagini di Lolita Lobosco, la fiction donna che sa farsi sentire (ma che somiglia troppo a…)

Tanti i meriti della fiction, che però somiglia troppo ad un’altra produzione Rai andata in onda da poco…

Il percorso che la Rai, tramite la fiction, ha intrapreso in questi anni a favore dell’evoluzione delle figure femminili raccontate nelle proprie storie è encomiabile. Un percorso che ha fatto enormi passi e che permette, oggi, di avere sul piccolo schermo donne capaci di raccontarsi oltre gli stereotipi di cui soffriva la serialità italiana in passato. Quanto appena scritto si può riassumere perfettamente anche per Lolita Lobosco.

Una produzione che è frutto delle scelte fatte da Rai Fiction negli anni e che ora trovano una loro posizione con forza e garanzia di successo. Perché sì, Luisa Ranieri nei panni del nuovo Vicequestore di Bari nato dalla penna di Gabriella Genisi vince e convince, azzeccando in pieno il personaggio nato prima per la carta ed ora approdato in tv.

Lolita Lobosco e quelle somiglianze con Imma Tataranni

1
Inevitabile, nel seguire il primo episodio, trovare però delle similitudini ad un altro prodotto seriale tutt’ora in produzione, quell’Imma Tataranni a cui si è fatto cenno anche durante la conferenza stampa. Perché Lolita, come Imma, deve vedersela con un ambiente di lavoro maschilista; perché nonostante questo non rinuncia al proprio essere donna -che diventa un punto di forza, anche nella caratterizzazione del personaggio-; perché alle sue indagini si fonde un tocco di commedia moderna, portato in tv dai rapporti con la famiglia. Ed anche perché Lolita, come Imma, si lascia andare ad una relazione con un giovane che diventa parte integrante dell’intreccio.

Se da una parte tutti questi elementi rafforzano l’immagina di una donna moderna, emancipata e libera da cliché, dall’altra pesa proprio il paragone con il personaggio (proveniente anch’esso da dei libri, scritti da Mariolina Venezia) interpretato sul piccolo schermo da Vanessa Scalera.

Lolita e Nunzia Lobosco, la vera forza del racconto

Così, Lolita Bosco è una serie nuova ma anche già vista. Nel suo voler rafforzare gli ideali di cui sopra, si ritrova a proporre situazioni e schemi troppo simili a quanto già visto solo due anni fa. L’unica vera differenza sta nello status di Lolita, single e poco incline alle relazioni, oltre che nell’importanza che assume la madre Nunzia (Lunetta Savino) nella sua vita.

L’accoppiata madre-figlia diventa così qualcosa su cui la serie dovrà insistere per trovare la propria originalità: sia sul fronte comedy, ma anche su quello dello sviluppo della narrazione dei personaggi che le circondano. Lolita Lobosco, ad ogni modo, è parte orgogliosa di quella fiction donna che si sta facendo strada, a testa alta e con meritato successo. Se si devono trovare dei difetti, quelli, ahinoi, sono imputabili ad un tempismo poco centrato ed al rischio che pubblica avverta un deja-vu.

Ultime notizie su Lolita Lobosco

Le indagini di Lolita Lobosco è una fiction di genere giallo - rosa  prodotta da Bibi Film e Zocotoco in collaborazione con Rai Fiction, in onda per la prima volta su Rai1 il 21 febbraio 2021.

Tutto su Lolita Lobosco →