Home Notizie La Fattoria. Un programma, un perché

La Fattoria. Un programma, un perché

Violentandomi, ieri ho guardato una delle striscie giornaliere de La Fattoria. Non chiedetemi perché. Forse perché ho il telecomando rotto e il divano della sala, con il caldo romano, diventa particolarmente comodo. Ora, mi chiedo: che cosa c’è da vedere? Per che cosa entusiasmarsi? Ieri Mal tagliava un pezzo di legno con una sega e

12 Maggio 2005 13:19

La Fattoria Violentandomi, ieri ho guardato una delle striscie giornaliere de La Fattoria. Non chiedetemi perché. Forse perché ho il telecomando rotto e il divano della sala, con il caldo romano, diventa particolarmente comodo.
Ora, mi chiedo: che cosa c’è da vedere? Per che cosa entusiasmarsi?
Ieri Mal tagliava un pezzo di legno con una sega e gli levava i chiodi. Una tizia oggettivamente gnocca sgambettava, accompagnava dei cavalli e si perdeva delle mucche, aiutata da altri due tizi che ho già visto in tv ma che non so e non voglio ricordare.
Eva Henger – unica altra nota degna della situazione – paurosamente vestita – mostra di saper anche pensare. Per il resto, non succedeva nulla. Nulla davvero. Una sequenza di immagini, a mio gusto montate anche maluccio, senza appeal, senza suspanse, senza divertimento.
E poi il tocco di classe: Mal che esalta l’odore dei suoi piedi e lo fa sentire alla Henger. A quel punto, per quanto fosse accogliente il divano, mi sono alzato per cambiare canale.

Ora, una cosa non capisco e chiedo aiuto a qualcuno, la fuori. Per capire, eh, senza intenti polemici: perché la guardate?