• Tv

Kilimangiaro Estate 2022, Rai 3 rimane accesa con reportage di alta qualità

Su Rai3 è tornato Kilimangiaro Estate, la summer version del programma condotto da Camila Raznovich che ha chiuso i battenti lo scorso aprile. Secondo Rai Pubblicità le puntate previste sono dieci, con la trasmissione che andrebbe a concludersi il 21 agosto.Encomiabile è dunque la decisione della terza rete Rai di rimanere accesa mentre le ammiraglie

Su Rai3 è tornato Kilimangiaro Estate, la summer version del programma condotto da Camila Raznovich che ha chiuso i battenti lo scorso aprile. Secondo Rai Pubblicità le puntate previste sono dieci, con la trasmissione che andrebbe a concludersi il 21 agosto.

Encomiabile è dunque la decisione della terza rete Rai di rimanere accesa mentre le ammiraglie hanno già iniziato a mandare in onda repliche, peraltro proponendo un prodotto la cui qualità è indiscutibile e che ha regalato alla presentatrice Camila Raznovich una seconda vita televisiva, lontana dalle atmosfere di Loveline.

E nonostante buona parte dei telespettatori si tenga lontana dal piccolo schermo per ovvie ragioni climatiche, non si rinuncia a mettere in campo l’artiglieria pesante. Non solo spazio agli angoli più o meno inesplorati del pianeta, ma anche alla cultura: nella prima puntata è stato ospite Vittorio Storaro, direttore della fotografia vincitore di tre Premi Oscar, che ha raccontato in maniera emozionante il suo rapporto con il grande regista Bernardo Bertolucci.

Dalla settima arte all’arte, con un dialogo molto interessante con lo scultore Jago e l’astrofisico Luca Perri, quest’ultimo presenza ricorrente del programma, a dimostrazione che anche le più lontane sfere dello scibile in realtà possono avere molto in comune.

Kilimangiaro inoltre riesce a valorizzare non solo angoli di mondo, per dirla con l’antropologo culturale Bronislaw Malinowski, ma anche aree del nostro Paese di cui si parla poco (come capita spesso, l’attenzione mediatica su un posto si concentra solo quando succede qualcosa di brutto), come è accaduto stasera con le cascate del Rio Verde tra Abruzzo e Molise presentate al desk da Floriana Pastore e Maria Iodice. Riuscito l’intervento della biologa Barbara Mazzolai mostra dei robot ispirati alle piante che da queste imparano i comportamenti.

Nel complesso gli esperti riescono a padroneggiare un linguaggio mai troppo settoriale, in maniera tale che anche il telespettatore meno attrezzato possa comprendere. Non una cosa da poco, di questi tempi.