Chef’s Table: Pizza, su Netflix dal 7 settembre: per l’Italia ci sono Bonci e Pepe

Chef’s Table: Pizza è il nuovo spin-off del format Netflix, online dal 7 settembre. Protagonisti per l’Italia Gabriele Bonci e Franco Pepe.

Nuovo spin-off per uno dei cooking show più conosciuti del mondo: dal 7 settembre su Netflix arriva una nuova edizione di Chef’s Table questa volta tutta dedicata alla Pizza. E mai come in questo caso non potevano mancare chef nostrani a rappresentare la tradizione italiana. La scelta è caduta sul romano Gabriele Bonci e sul casertano Franco Pepe. E già sentiamo gli echi delle proteste, delle polemiche, delle accuse e delle invidie che si muoveranno soprattutto all’ombra del Vesuvio. A costoro sarà bene non far sapere che il programma vedrà protagonisti pizzaioli di tutto il mondo, soprattutto dagli USA, con una puntatina in Giappone e ben due esponenti italiani: se non è un riconoscimento questo…

In tutto Chef’s Table: Pizza – disponibile su Netflix in tutti i paesi in cui è attivo il servizio a partire, come detto, dal 7 settembre – si compone di 6 puntate, ciascuna dedicata a un diverso pizzaiolo che avrà il modo di presentare al pubblico la sua personale visione e interpretazione della pizza, dall’impasto alla lievitazione, dalle farine ai lieviti, ovviamente con un sguardo particolare ai condimenti, dei cosiddetti ‘topping’, tra tradizione e modernità, sperimentazione e voglia di innovare. E anche in questo caso sento già tuonare gli esponenti dell’Associazione Verace Pizza Napoletana, che non più tardi di qualche settimana fa – questa volta su Prime Video – hanno tirato le orecchie a James May in missione in Italia. Avremo di che divertirci, insomma.

Ma vediamo quali sono gli chef protagonisti di questo primo (?) ciclo di Chef’s Table: Pizza: si parte da Sarah Minnick da Portland, Oregon, si prosegue con Ann Kim, da Minneapolis, Minnesota, quindi terza puntata con Chris Bianco da Phoenix, Arizona (e qualche antenato italiano), quarta con Franco Pepe, nipote di pizzaioli e tra le migliori pizzerie del mondo con la sua Pepe in Grani a Caiazzo (Ce), quinta con il romanissimo Gabriele Bonci (già protagonista in Italia di una serie sulla panificazione e spesso ospite di La prova del cuoco, giusto per dare una coordinata televisiva) e gran finale per quindi Yoshihiro Imai da Kyoto, Giappone. Quattro uomini, di cui due italiani, e due donne: già questo, parlando di pizzaioli, è rivoluzionario per la nostra ‘tradizione’.

In attesa di assistere al bailamme di accuse, critiche e piccolezze in quel di Partenope, ricordiamo che il programma è creato da David Gelb  ed è prodotto da Boardwalk Pictures e Supper Club. Noi ci prepariamo alla serie e al contorno polemico che sarà di certo servito…