• Tv

195 candidati per il nuovo cda Rai. Fra i nomi spunta anche l’ex direttore di Rai Ragazzi Massimo Liofredi. Minoli candidato solo alla Camera

Sono stati pubblicati questa mattina dai siti di Camera e Senato gli elenchi con i curricula dei candidati al prossimo cda Rai. Ecco alcuni nomi…

Questa mattina i siti di Camera e Senato hanno pubblicato gli elenchi contenenti i nominativi dei candidati che hanno inviato il proprio curriculum per tentare di ottenere una delle quattro nomine per il prossimo consiglio d’amministrazione della Rai. L’elezione sarà compiuta separatamente, all’interno della Commissione di Vigilanza Rai, per i due rami del Parlamento, chiamati ciascuno a eleggere due membri del cda. Ciascun componente della Commissione potrà esprimere in tale circostanza un solo voto a favore di uno dei candidati.

Fra Camera e Senato il totale delle candidature ricevute supera il numero delle 300, sebbene in realtà diverse siano state avanzate contemporaneamente in entrambe le assemblee. Si riducono così a 195 i candidati totali che concorreranno per l’elezione. Fra questi è presente Giovanni Minoli, che nelle scorse settimane aveva già annunciato la propria intenzione di candidarsi, concretizzatasi ora nel curriculum inviato però solo alla Camera dei Deputati.

Altri giornalisti che che hanno avanzato la propria candidatura sono Tiziana Ferrario, a lungo conduttrice dell’edizione delle 20:00 del Tg1, Claudio Brachino, in passato direttore di Videonews e di Sport Mediaset, Piero Vigorelli, ideatore nel 1990 su Rai 2 della Cronaca in Diretta, progenitrice dell’attuale La Vita in Diretta, Paola Severini Melograni, conduttrice di O anche no, trasmissione di seconda serata su Rai 2, giornalista da sempre vicina al terzo settore, in questi giorni divenuto nome chiacchieratissimo anche per la prossima presidenza della Rai.

Tenta di ritornare nel cda Giancarlo Mazzuca, in carica nel triennio 2015-2018 dopo l’esperienza nella legislatura 2008-2013 in Commissione di Vigilanza Rai, nelle fila del Popolo della Libertà. Igor De Biasio e Giampaolo Rossi, consiglieri uscenti, puntano alla riconferma nel board, grazie al rispettivo sostegno della Lega e di Fratelli d’Italia.

Mauro Masi, direttore generale della Rai dall’aprile 2009 al giugno 2011, Daniela Tagliafico, direttrice di Rai Quirinale, dal 2006 al 2013, Massimo Liofredi, direttore di Rai 2 per due anni, fra il 2009 e il 2011, poi a capo di Rai Ragazzi fino al primo gennaio 2017, e Danilo Scarrone, direttore di Rai Isoradio per sette anni, dal 2013 al 2020, sono gli ex dirigenti Rai che aspirano a un posto in Sala Orsello, al settimo piano della palazzina di Viale Mazzini.

Fra le numerose candidature di avvocati, commercialisti, professori di diritto ed economia, spunta il nome di Fabio Giuseppe Angelini, avvocato cassazionista, che nel 2020 ha guidato l’integrazione di Publius – Angelini&Partners con lo Studio Legale Lipani Catricalà & Partners.

Non hanno invece presentato la loro candidatura né Francesco Storace né Silvia Costa, per giorni considerata la possibile consigliera in quota Pd, probabilmente esclusa dai giochi per la sua natura squisitamente politica – Enrico Letta preferirebbe puntare su un nome di “competenza”. Oltre a Paola Severini, anche Simona Agnes, negli ultimi giorni indicata con buoni consensi per il ruolo di presidente Rai, ha presentato il proprio curriculum. Fra un mese circa si dovrebbero conoscere i quattro consigliere eletti.