Affari Tuoi (Viva gli Sposi!): la conferenza stampa di presentazione. Tutte le dichiarazioni di Carlo Conti e Stefano Coletta

TvBlog ha seguito in tempo reale la conferenza stampa di presentazione di Affari Tuoi (Viva gli Sposi!), in onda dal 26 dicembre 2020 su Rai 1.

12:00 Inizio conferenza Affari Tuoi (Viva gli Sposi!). Stefano Coletta: “Posso dire, in maniera molto sintetica, che sono molto contento di riportare questo marchio in prima serata che, dal 2003 al 2017, ha fatto un pezzo di storia di Rai 1. Con Carlo Conti, abbiamo testato una nuova idea con Top 10, che ha avuto un ottimo riscontro di pubblico, e sono contento, ora, di riportare in tv questo momento ludico. Rai 1 deve intercettare il mood del paese, deve accompagnare i telespettatori con un intrattenimento sobrio, da servizio pubblico, che regali un po’ di leggerezza. Quando Carlo Conti scende in campo, io mi sento al sicuro. Carlo rappresenta due codici: la grande affidabilità, è un uomo pragmatico, poco autoreferenziale e che si mette in gioco, potrebbe fare il direttore di rete per quanto lavoriamo bene insieme a lui e, inoltre, Carlo, per quel che mi riguarda, rappresenta l’idea che ho io dell’intrattenimento. Siamo reduci dal successo di The Voice Senior. Carlo è elegante ma sa anche divertire. Dopo il successo di Tale e Quale Show, mi piace che sia lui a riportare in tv questo marchio con un nuovo meccanismo adatto al servizio pubblico, soprattutto in una fase emergenziale nella quale si trova il nostro paese. Spero davvero che possiamo consegnare 7 serate di lotta alla solitudine. Il nostro lavoro deve fortemente spezzare le solitudini e consegnare l’affetto. Ringrazio Carlo per aver accettato questa scommessa congrua con i tempi che viviamo. Credo che anche un marchio storico possa essere innovato e consegnare quote poco prevedibili. Sono molto “proud” per quest’anno di Rai 1 che stiamo portando a termine. In questo anno così horribilis, sono nati due nuovi format, Top 10 e The Voice Senior. E l’esperimento di Affari Tuoi segue questa direzione”.

12:15 Carlo Conti: “Il direttore ha detto una piccola bugia! Non ho detto subito di sì a quest’idea. Gli speciali erano 4, poi sono diventati 6, e ora sono 7. Dovevamo trovare una motivazione forte a questi speciali che vanno in onda anche in una nuova collocazione, a metà tra la prima serata e l’access prime-time. Dovevamo anche spettacolarizzare il format. Mi sono presentato a Leonardo Pasquinelli e a Stefano Coletta con quest’idea: guardare al futuro con speranza. Una coppia in procinto di sposarsi vede il futuro con speranza, vede un futuro roseo. Un’altra cosa che ho chiesto è quello di ridurre il montepremi. In questa fase, il milione di euro mi sembrava troppo. 300mila mi sembra un ottima somma. Questi sono stati i punti di partenza e abbiamo cominciato a lavorare per trasformare un gioco in un varietà/gioco dalla durata di due ore. I “pacchisti” non saranno più le regioni ma saranno figure presenti in un matrimonio come le dame, ad esempio. Ci saranno tanti personaggi famosi che ravviveranno i momenti di spettacolo. Ci saranno anche sorprese come l’arrivo del cantante preferito della coppia, ad esempio. Abbiamo deciso anche di riportare il gioco alla semplicità, di tornare alle origini. L’unica novità sarà il “pacco feeling” con il quale misureremo l’affinità della coppia. E’ anche un’opportunità che diamo alla coppia per andarsene via, comunque vada, con una piccola somma. I personaggi saranno 10, i pacchi saranno 20, quindi, ogni vip avrà due pacchi. Per ultima cosa, l’assegnazione del pacco, ad opera del notaio, avverrà in diretta. Questo sarà lo spirito. Arrivo dopo tanti grandi conduttori e ho cercato di personalizzare questo programma insieme al mio gruppo di lavoro storico più due autori storici di Affari Tuoi. L’augurio che farò a questi sposi sarà quello di fare una grande festa dove tutti potranno finalmente abbracciarsi. Un augurio che faccio a tutti voi”.

12:25 Leonardo Pasquinelli: “Ringraziamo Carlo per la decisione di tornare in onda con questo programma che ha accompagnato gli italiani per 14 anni. Ringrazio anche Stefano per averci concesso di tornare in onda dopo oltre tre anni di interruzione. Abbiamo fatto oltre 2600 puntate con grande successo. Il formato passa da game show ad emotainment, senza tradire la propria anima. Questo succederà grazie alla buona idea di Carlo che ci consentirà di avere emozione e partecipazione forte. La partita sarà fortissima perché il meccanismo è estremamente avvincente. L’idea di mettere gli artisti ad aprire i pacchi ha reso Affari Tuoi un programma da prima serata. Carlo è l’uomo migliore: è un uomo da game e, al tempo stesso, è un grande conduttore di varietà, umanamente molto forte. E’ una persona perbene. La storia dei due promessi sposi sarà calda e avvincente e i telespettatori faranno il tifo per i concorrenti”.

12:30 Carlo Conti: “Riguardo al fatto di essere “vaccinato” contro il COVID-19, ora che sono guarito, sono molto confuso. Leggo molte notizie. L’attenzione è sempre alta come lo era prima. Non ho capito come l’ho preso e ho avuto la fortuna di non trasmetterlo ai miei cari. Come si fa un programma ai tempi del COVID? Si fa, come sempre, rispettando le misure. Inventiamo situazioni nuove, senza piangerci addosso”.

12:35 Carlo Conti: “Sono arrivate tantissime richieste di coppie che volevano partecipare. Sono tutte coppie sulla trentina, coppie che hanno aspettato di avere un’occupazione fissa, che hanno acceso un mutuo con l’aiuto dei genitori e ora stanno pensando al futuro. Ma ci sono anche coppie di vent’anni, non tutte le coppie sono uguali. Stiamo facendo dei video-provini. C’è principalmente uno spaccato di questo tipo. Inoltre, ci saranno due personaggi fissi: Nino Frassica e Ubaldo Pantani che, in ogni puntata, interpreterà un personaggio diverso”.

12:40 Stefano Coletta: “Non ho avuto mai l’idea di far tornare Flavio Insinna ad Affari Tuoi ma solo perché Flavio ha un appuntamento quotidiano come L’Eredità che continua a mietere grandi ascolti. Volevo un altro codice per questo marchio storico e ho pensato subito a Carlo. Sì, prima ho detto una piccola bugia ma Carlo si è reso molto disponibile a venirmi incontro. Penso che Carlo possa fare molto bene questo programma. E’ un’operazione di conservazione-innovazione e in quest’operazione, vedo Carlo molto bene. Adattare al COVID, il genere dell’intrattenimento non è stato affatto banale, abbiamo rispettato molte regole, anche molto stringenti. Flavio Insinna ha tutta la mia stima e anche quella di Carlo. Mi è sembrato giusto tentare un nuovo codice linguistico. Solidarietà da parte delle altre reti Rai? Aver trovato una nuova serialità come The Voice Senior mi ha dato molta soddisfazione. Ho voluto The Voice Senior contro tutto e tutti. Ho cercato un’idea che potesse essere giusta per il ritorno in prima serata di Antonella. Quando mi è stata proposta l’idea di The Voice Senior, ci ho creduto fin da subito. Antonella ha una caratteristica: non ha filtri nei confronti di chi è con lei. Io non amo cambiare il giorno di collocazione ai vari prodotti ma ho pensato che sarebbe stato un peccato fare la finale nel giorno di Natale. Abbiamo scelto la domenica perché questo finale era una festa, un happy end. Non c’era altra scelta di fare la finale durante il weekend. Il risultato di ieri sera è comunque un risultato molto significativo, nonostante la presenza di format molto solidi. Ho lavorato con Fabio Fazio, lo stimo molto, abbiamo sempre avuto un rapporto lavorativo di grande armonia. Credo che ognuno deve fare la sua partita ed è giusto che lui abbia messo in campo la puntata più forte dell’autunno. Sono contento che The Voice Senior abbia vinto una serata non sua. Rai 1 è abituata da decenni a live ma Rai 1 è adatta a portare in prima serata anche prodotti confezionati come è accaduto nelle prime 4 puntate. Quello di ieri sera è stato un grandissimo risultato anche se sì, è vero, senza gli ospiti di Che tempo che fa, The Voice Senior avrebbe superato il 20%. Aver fatto nascere due nuovi intrattenimenti, durante l’anno dell’adattamento COVID, è veramente una bella soddisfazione per tutti noi. Se gli over 60 hanno tenuto testa a George Clooney significa che ognuno è in grado di fare il suo. Nessuna polemica con Fabio. Credo che comunque i programmi nuovi, quando impattano così bene, andrebbero tutelati”.

12:50 Carlo Conti: “Coppie omosessuali? Nel nostro regolamento, non c’è alcuna distinzione. Per quanto riguarda le unioni civili, ci sarà un’autocertificazione dei concorrenti visto che non esistono le pubblicazioni. Radunare tutti i componenti di una famiglia davanti alla tv e davanti allo stesso programma, è difficile. E’ una gratificazione sapere di aver regalato due ore di svago in un periodo difficile. Ma non avverto la responsabilità, non mi sento così importante”.

12:50 Conti: “L’anno è stato horribilis, è vero, ma io sono stato un privilegiato. Anche per quanto riguarda il COVID, non ho avuto una delle peggiori forme, mi sono affidato ai medici e ho avvertito che il mio fisico stava reagendo bene. Sono più preoccupato per l’umanità, è un anno difficile. Professionalmente parlando, nella situazione difficile, ci siamo rimboccati le maniche e ho fatto anche cose molto emozionanti come i David di Donatello, Top 10, le due serate all’Arena di Verona con Vanessa Incontrada, la serata con Gianni Morandi, ho sperimentato la conduzione in smart-working. E’ un anno da ricordare, nonostante tutto”.

12:55 Stefano Coletta: “Io sono un operaio della tv. Sono umanamente contento di aver conosciuto persone come Carlo Conti e Antonella Clerici. Sono persone molto devote al lavoro ma coscienti che la vera vita è altrove. Con Top 10 e The Voice Senior, siamo riusciti a trasmettere tanti valori anche attraverso il codice dell’intrattenimento. Questo è il compito che ho ogni giorno: senza memoria, non siamo niente. Anche ieri sera, con The Voice Senior, ho pensato davvero, da uomo adulto, che dietro quelle storie c’era la possibilità di poter realizzare un sogno, senza competizione. Noi tutti abbiamo un codice valoriale che ci portiamo dietro, penso che siamo tutti persone perbene. Io sono noto perché mi secco molto poco perché, a volte, tra le righe, leggo una lettura della Rai dove c’è una sorta di caccia alle streghe. Noi facciamo il nostro lavoro con dovere, siamo persone trasparenti. Io sono contento che abbiamo compiuto un miracolo nel piano degli ascolti, non avendo avuto tante fiction, tanto intrattenimento, tanti prodotti originali. Dal 9 marzo, il palinsesto è stato completamente scompaginato. Top 10 e The Voice Senior torneranno e spero che torneranno con una maggiore serialità. Quando si è perbene, le soddisfazioni arrivano e il pubblico lo capisce. Il passione e il rigore fanno la differenza. Sono molto contento e non vedo l’ora che ritornino in onda”.

13:00 Carlo Conti: “Io cerco di fare al meglio il mio mestiere, a prescindere dal programma. Anch’io, come ha detto il direttore, mi sento un operaio della tv. I bambini, per quanto riguarda il COVID, stanno molto più attenti di noi. C’è poco da spiegare loro anzi sono loro a spiegare le cose a noi”.

13:05 Carlo Conti: “Polemiche del passato su Affari Tuoi? Quando faccio le cose, le faccio con la maggior trasparenza possibile. Ne L’Eredità, ci fu soltanto una contestazione in 15 anni ma nessun dubbio. Il mio gruppo di lavoro è attento a tutto. Ogni piccola possibilità di dubbio, per i telespettatori e per me, anche quell’aspetto come l’assegnazione dei pacchi, ho pensato che era giusto farla in onda. Sarà un momento di interesse per il telespettatore e renderà tutto più chiaro”.

13:07 Carlo Conti: “La concorrenza con Maria De Filippi? Già è successo con La Corrida e Amici. Sono molto amico anche di Antonio Ricci, quindi, mi dovrò dividere un’ora contro Striscia la Notizia e un’ora contro Maria. C’è spazio per tutti. Non c’è rivalità. Sono due colossi. Io intercetterò una fetta di pubblico che non guarderà né uno, né l’altro. C’è una grande stima umana e professionale”.

13:10 Stefano Coletta: “Affari tuoi in access-prime time? Farò un bilancio dopo la quinta puntata. Penso che questa versione legata alle coppie possa davvero sorprenderci. Altre operazioni di questo tipo? In questo periodo, abbiamo dato una nuova struttura anche al daytime. Mi viene da pensare anche a modelli di gusto d’oltralpe. E’ una versione di Rai 1 quasi “francese”. Abbiamo intrapreso una direzione di eleganza e autenticità. Dopo Affari Tuoi e dopo Sanremo, arriveranno nuove idee. Oltre a Top 10, che tornerà ad aprile con una vera prima edizione, posso dire che arriverà un nuovo format dal titolo La canzone segreta che mette insieme il codice musicale al codice dell’emotainment. Alla conduzione, ci sarà un volto nuovo anche se conosciuto al pubblico di Rai 1, Serena Rossi. Credo molto nel suo talento e ci sorprenderà”.

13:12 Fine conferenza.

Affari Tuoi (Viva gli Sposi!): la presentazione

Oggi, lunedì 21 dicembre 2020, a partire dalle ore 12, si terrà la conferenza stampa di presentazione di Affari Tuoi (Viva gli Sposi!), il programma che segnerà il ritorno dell’omonimo game show su Rai 1 dopo circa tre anni e mezzo (l’ultima puntata fu trasmessa il 17 marzo 2017 e condotta da Flavio Insinna).

Affari Tuoi (Viva gli Sposi!) sarà condotto da Carlo Conti e andrà in onda su Rai 1, in prima serata dopo il telegiornale, a partire dal 26 dicembre 2020, per un totale di sei puntate, ogni sabato.

Nonostante non sia mai stato uno dei conduttori ufficiali nella storia di Affari Tuoi, per il conduttore fiorentino, non si tratterà di un esordio alla conduzione del game show di Rai 1: il 1° aprile 2015, infatti, la puntata di Affari Tuoi di quel giorno fu condotta proprio da Carlo Conti mentre la puntata de L’Eredità vide al timone Flavio Insinna. Lo scambio di programmi tra i due conduttori fu un pesce d’aprile rivolto ai telespettatori.

In una recente intervista concessa a TvBlog, Carlo Conti, risultato positivo al COVID-19 lo scorso ottobre, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni riguardanti l’imminente impegno con Affari Tuoi:

La forza mentale è a posto, ma mi serve un po’ di tempo per recuperare la forza fisica. Partirà da fine dicembre e andrà in onda per sei puntate il sabato sera. Partirà subito dopo il Tg1 delle ore 20 e terminerà alle 22:30. Sarà, come durata, come una prima serata di una volta. Posso aggiungere che questo Affari tuoi sarà motivato, con uno scopo, un obiettivo.

I protagonisti di Affari Tuoi (Viva gli Sposi!), infatti, come si può evincere dal titolo, saranno coppie in procinto di sposarsi. Dietro i pacchi, ci saranno una serie di personaggi famosi e le coppie di futuri sposi giocheranno per rendere il loro matrimonio ancora più indimenticabile, con una “lista di nozze” ricchissima, con un montepremi massimo di 300mila euro e con tanti regali esclusivi ed originali.

Durante la conferenza stampa, interverranno Stefano Coletta, direttore di Rai 1, il conduttore Carlo Conti, Maria Teresa Fiore, vice-direttore di Rai 1, e Leonardo Pasquinelli, amministratore delegato di Endemol Shine Italy.

TvBlog seguirà in diretta la conferenza stampa a partire dalle ore 12.

Ultime notizie su Affari Tuoi

Affari Tuoi è un game show basato sul format olandese Deal or No deal, andato in onda dal 2003 al 2017 nell'access prime time di Rai 1.

Tutto su Affari Tuoi →