Achille Lauro e Boss Doms: “A Celebrity Hunted in due famo ‘na persona sana”

Achille Lauro e Boss Doms, la video intervista di TvBlog alla coppia protagonista di Celebrity Hunted 2, disponibile su Amazon Prime Video

In due famo ‘na persona sana“. Risponde così Edoardo Manozzi, in arte Boss Doms, quando gli chiediamo se partecipare a Celebrity Hunted 2 in coppia con Achille Lauro sia stato un vantaggio rispetto agi altri concorrenti. Il produttore discografico e musicista torna ad affiancare Achille Lauro, come aveva fatto alcuni anni fa anche in un altro programma televisivo, ossia Pechino Express:

Achille Lauro: “È un game itinerante, l’abbiamo affrontato con lo stesso spiriti, anche se la dinamica del gioco è un po’ diversa”.

Boss Doms: “Siamo più maturi qui, mentre a Pechino Express abbiamo litigato parecchio, non avevamo una quadra tra di noi. Questa è la differenza che ho notato, per il resto il mood è sempre lo stesso: metti due fuori di testa per strada!”.

Ma Achille Lauro e Boss Doms non si erano separati, come abbiamo letto alcuni mesi fa su giornali e siti?

Achille Lauro: “Siamo sempre nell’occhio del ciclone e siamo soggetti a fake news. Io ed Edoardo lavoriamo alla musica, ci diamo consigli, ci spalleggiamo”.

Boss Doms: “Abbiamo gli stessi manager, facciamo parte dello stesso team. Se un pittore facesse sempre lo stesso quadro, sarebbe una noia mortale. Noi per 5 anni abbiamo lavorato in coppia senza mai staccarci uno dall’altro, è figo fare anche una esperienza singola, è bello sperimentare vari stili. Alla gente piace creare il gossip e la catastrofe. Non abbiamo mai litigato e abbiamo litigato tutti i giorni della nostra vita”.

Cosa è la ‘televisione’ per Achille Lauro, che negli ultimi tempi l’ha frequentata molto, dal Festival di Sanremo a Extra Factor?

Dipende dal contenitore, da cosa esponi. Non si può generalizzare. Sanremo è televisione, ma è anche musica. Lì proponi la tua musica, è una Mostra della musica italiana. Poi ci sono le ospitate. La televisione c’è un modo per farla in maniera genuina, senza essere sovrastati dalla tv. Noi lo abbiamo dimostrato a Sanremo. Siamo andati lì e abbiamo distrutto un format tradizionalista e abbiamo proposto la nostra roba come fosse un concerto. Sanremo 10 anni fa era visto dai giovani come una cosa molto italiana,  in cui dovevi portare un certo tipo di musica per emergere. Recentemente, anche grazie al lavoro del direttore artistico e alle sue scelte coraggiose, ha subito uno stravolgimento. Oggi Sanremo è visto anche dai giovani come un trampolino. Non parlo per me, che ormai ho fatto il mio percorso. Penso a Madame, a Junior Cally.

Di seguito il video integrale dell’intervista ad Achille Lauro e Boss Doms (da segnalare che nei giorni scorsi Achille Lauro ha annunciato che per due anni l’artista parteciperà alla produzione di film, serie tv, documentari e formati in collaborazione con Amazon Prime).

1