Che fuori tempo che fa diretta 22 novembre 2014: Marco Mengoni ospite, tutte le interviste

Che fuori tempo che fa, Fabio Fazio ospita in diretta Ernesto Assante e Gino Castaldo, David Grossman, Enzo Iacchetti e in collegamento Diego Abatantuono, Maurizio Landini, Francesco Paolantoni, Marco Mengoni, Riccardo Sinigallia.

Fabio Fazio ha condotto la puntata di Che Fuori che tempo che fa con l’intervento iniziale di Ernesto Assante e Gino Castaldo che hanno discusso sulla leggenda che riguarda la falsa voce della morte di Paul McCartney, sostituito poi da un sosia. Una teoria che alcuni fan dei Beatles ancora non hanno del tutto abbandonato. In collegamento con il conduttore Diego Abatantuono, Maurizio Landini, Francesco Paolantoni, Marco Mengoni, Riccardo Sinigallia. In studio con lui, infine, David Grossman, autore di Applausi a scena vuota, ed Enzo Iacchetti per parlare del suo nuovo spettacolo teatrale, Come Erika e Omar.

Qui sotto tutta la puntata, minuto per minuto

Che fuori tempo che fa, 22 novembre 2014, liveblogging

21.48. Si chiude con Riccardo Sinigallia che canta Prima di andare via. In studio Fazio lancia lo speciale Futura dedicato a Samantha Cristoforetti, in onda subito dopo

6bb

21.43. Si torna dalla pubblicità con il primo posto delle notizie della settimana con l’editoriale di Gramellini. Subito dopo Che Fuori tempo che fa ci sarà lo speciale Futura. L’argomento è l’assoluzione del capo della eternit, le norme di prescrizione e il reato di disastro ambientale.

“Bisognerebbe capire cosa si nasconde dietro le paure degli abitanti, bisogna immaginare i propri polmoni pieni d’acqua, la rabbia e la paura di chi se ne va da Casale. Fermarsi davanti alle foto presenti al Cimitero. Vada dire a loro che il diritto e la giustizia, a volte, sono separati”

6a

21.36. Gramellini racconta dei 12 pediatri che hanno indotto i pazienti a sostituire il latte materno con il latte in polvere. “Il problema è la corruzione dei pediatri. Si sente contrattare con la vacanza di 3 giorni e 3 notti”. Il problema degli italiani non è che vengono corrotti. E’ che costano poco. E tra gli indagati non c’è nemmeno una donna ma solo uomini.

6

21.27. Si venderanno caramente. Fazio: “C’è chi le compra?”. Fazio ridacchia: “Hai copiato la colomba di Picasso?” La sua si chiama colomba senza pace. Ma il dramma in agguato c’è: E se il piccione entra in casa e mangia l’opera viene risarcito? Iacchetti chiedi i prezzi. Paolantoni: “Sono abbastanza alti”. Il piccione? “Cinquecento euro…” Iacchetti: “Non è tanto, se fosse morto varrebbe di più…”

5b

21.24. “Francesco Paolantoni che l’ha fatta” ammette Fazio. Iacchetti: “Si è operato?”. Espone fino al 30 novembre le opere a Napoli. Serietà. Quarantanove opere fatte con le molliche di pane.

5a

21.21. Massimo Gramellini parla della scelta di Obama che ha regolarizzato cinque milioni di immigrati illegali.

“Anche noi quando arrivammo in America eravamo stranieri. Quello che ci rende americani è l’adesione a un progetto e a un’idea. Barack, ma non potevi svegliarti prima?”

Che fuori tempo che fa, Enzo Iacchetti

5

21.18. Si parla di Come Erika e Omar. “Una storia che racconta dell’emulazione. Tutte queste vicende vengono raccontate e ballate senza orrore e coltelli. E’ una satira feroce sull’orrore della spettacolarizzazione, sul cinismo dei media. Oltre agli assassini che diventano star ci sono anche i pullman che fanno e gite per i selfie davanti alla casa di Cogne o al relitto del Concordia”

4

21.15. Lo scienziato che ci ha portato sulla cometa si è ridotto in lacrime per la maglietta che indossava. Quella con le famose pin up. I bacchettoni lo hanno accusato di misoginia. Gramellini giustamente conclude così:

“Quella camicia è orrenda ma morirei per farti avere il diritto di indossarla”

Che fuori tempo che fa, Diego Abatantuono

3f

21.12. Fazio: “Il suo metodo del lavoro si basa proprio sulla sport. Anche le riunioni di scrittura avvengono secondo uno schema tipico degli allenamenti. Sveglia ore 12.30, pranzo, pallavolo, partitella di calcetto. 18-19 lavoro. Come fa a stare senza merenda tutto il giorno?” Abatantuono: “Hai azzeccato solo l’orario del lavoro! E la sveglia!”

3e

21.10. Abatantuono: “Quando ero piccolo stavo a casa da solo con mio. Gli è caduto portafoglio e dentro c’era una foto di Rivera e di Padre Pio. uno è un uomo che fa miracoli. L’altro? E’ un popolare frate pugliese…”

3d

21.07. Collegamento con Abatantuono: “Sono impensierito dal ritorno di Mancini ma sono quei derby di una volta…” Enzo, invece, confida un nel suo ritorno? “Io sono nelle tue stesse condizioni di preoccupazioni. L’arrivo di Mancini può caricare o succedere qualunque cose. Il Milan dovrebbe fare due goal… e l’Inter tre… secondo una previsione”

3c

21.04. Enzo Iacchetti ospite. “I giornali hanno usato la parola scommessa come fosse una lametta da barba, per tagliarmi, la faccia, la reputazione… Io dissi in conferenza stampa che, quando guadagno dei soldi, investo, scommesso su giovani talenti e sulla possibilità che piccoli teatri di sperimentazione possano continuare a vivere. Spesso perdo dei soldi facendo questi investimenti ma non mi importa perché sono… diversamente ricco”.

Che fuori tempo che fa, Marco Mengoni

3b

21.02. Saluti rapidissimo e collegamento finito. Ma come…

3a

20.59. Mengoni “Il cambiamento non mi fa paura, può essere sia negativo che positivo ma è cmq positivo. Sono cambiato, si può vedere dai miei capelli (ride). Si è un po’ alla ricerca di tutto, sperimento, c’è anche il singolo che parla del cambiamento a livello melodico, di scrittura, di voce. (Sul suo intervento alla Statale) Io sto a professore come un pomodoro alla carbonara. Non posso essere chiamato professore e non lo potrò mai essere. Mi è piaciuto condividere il cambiamento nella musica che sta avvenendo, dai vinili alla playlist e la musica digitale”. Non rivela ancora il titolo dell’album perché è ancora tutto “Work in progress”.

3

20.56. Fazio: “Dopo aver vinto Sanremo, L’essenziale ha superato i 26 milioni di visualizzazioni. Dodici dischi di platino e da ieri è tornato con il suo nuovo inedito, Guerriero. E’ con noi qui, questa sera, il professor Marco Mengoni”. Il collegamento parte ma l’audio non collabora. Disperazione.

Che fuori tempo che fa, David Grossman

2c

20.51. Grossman: “Quando io guardo alla ferita di qualcuno devo impegnarmi e questa cosa forse di esaurisce. Il protagonista del libro fa in modo che la gente lo guardi e quindi veda la sua ferita. Ed fortunato perché forse, per la prima volta nella sua vita, c’è qualcuno che ha voglia di ascoltarlo. Cerco di narrare una storia triste ma con un stile comico e cabarettistico”

2b

20.47. Grossman: Quando si reca al funerale di uno dei suoi genitori, inizia a pensare che deve scegliere chi è morto e chi è vivo. E’ la tipica domanda, chi ama di più? Mamma o papà? E inizia a pensare di essere lui a dover decidere, ad essere il boia di uno dei due. Questo viaggio da Israele a Gerusalemme cambia totalmente la sua vita. E invita questo suo amico giudice perché voleva che fosse ancora lì a guardarlo in un modo che fosse un modo suo e nessun altro avuto prima. Questa seconda possibilità di uscire da questa situazione in un modo più pietoso per tutti e due”

2a

20.44. “Grossman: “Quando ci sentiamo fuori luogo tendiamo di reagire in maniera innaturale, di farci vedere più grandi di quello che siamo. Accade a protagonista del mio libro, qualcuno che in tutta la sua vita si è sentito fuori posto. Ci sono persone che vivono in questa vita parallela, per qualcosa che è stato a loro imposto. Improvvisamente hanno scelto un corso diverso, sbagliato. Ed è quello che è accaduto in questa giornata che racconto nel libro. Lì, in quella serata particolare, ha la possibilità di raccontare la sua storia e la sua vita”. Proprio di fronte alla realtà della sua esistenza, nel volume, il pubblico va via (da qui il titolo del libro).

2

20.41. David Grossman è il prossimo ospite e ha pubblicato da poco “Applausi a scena vuota”

“Quello che è accaduto nel corso dell’ultima settimana è quello che temevano succesdesse da anni a questa pace. Tutti cercano di combattere per la pace nel Medio oriente. Adeso c’è un deterioramento verso il fanatismo e fondamentalismo, per creare una situazione così irrazionale che sfuggirà al contro di qualsiasi persona. I fanatici non accettano compromessi, non accettano una giustizia a mezza strada, vogliono delle risposte assolute che non ci permetterà di arrivare alla pace”

Che fuori tempo che fa, Maurizio Landini

1e

20.37. Landini: “Noi stiamo cercando di unire il Paese mentre Matteo Renzi e Matteo Salvini stanno cercando di dividerlo. Noi abbiamo una partecipazione trasversale. C’è un problema politico di rappresentanza del mondo del lavoro nel nostro paese ma è fondamentale ripartire dal problema delle persone. Nemmeno il premier, quando dice che è di Sinistra, non stia andando in quella direzione lì, la politica dovrebbe preoccuparsi del fatto che metà degli italiani non si sente rappresentato e non va avotare. La battaglia che stiamo facendo è quella di unire e cambiare questo Paese”

1d

20.34. Landini: “(Ai tempi della riforma Fornero) allora si raccontava che eravamo vicino al baratro e che quegli interventi erano necessaria per rimettere a posto il nostro paese. E siamo messi peggio di prima. Le politiche di oggi sono dentro quella stessa logica. L’idea che per assumere persone si debba poter licenziare è una sciocchezza. Oggi la legge prevede che se anche uno è licenziato ingiustamente gli danno solo un po’ di soldi, è una mercificazione. Non solo stiamo dicendo estendiamo la cassa a tutti ma anche un reddito per chi studia o cerca lavoro alla fiscalità generale”.

1c

20.20 Massimo Gramellini ricorda il cartello “Il futuro è solo l’inizio del massacro”. Si parla di Landini VS Renzi. Eccolo in collegamento.

“In questo Paese vi è molta disonestà, siamo il Paese che ha livelli corruzione incredibile, che esporta soldi all’estero, dove non c’è una legge sul rientro del Capitale (…) Io mi ero rivolto al Presidente del Consiglio, oggi lui su queste materie non sta facendo quello che deve fare. Non sta facendo nessun atto di forza nei confronti del Parlamento sui precedenti temi citati. Ho ribadito che quello è il terreno sui cui intervenire per recuperare i soldi con cui creare posti di lavoro”

1b

20.22 Fazio ricorda di quando ha cenato con Paul McCartney “Avrebbero dovuto trovare un sosia che suonasse, cantasse come lui e fosse anche mancino!”. Col web, il sospetto ha un successo planetario. “Ormai della realtà non interessa quasi più a nessuno”. La sonda che ha atterrato sulla cometa. Si parla della Missione Rosetta.

“Forse avrebbero dovuto dirci che era tutto finto”

Che fuori tempo che fa, la morte di Paul McCartney

1a

20.19 Paul dietro la scrivania con I Was. Poi, in questa storica copertina, è l’unico scalzo e la targa della macchina riporta “28 IF”. Avrei 28 anni… se fossi vivo.

0a

20.16. Addirittura si legge, allo specchio, “He die”. Non si capisce chi abbia orchestrato questa strategia di comunicazione. O forse lo stesso Paul?

01

20.12. Ascoltiamo Strawberry Fields Forever. A un certo punto partiva una strana coda strumentale. “John dice una cosa strana ‘I Buried Paul’.” John ha poi smentito quella frase. E la cover di Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band con un guanto insanguinato. Insomma, i Beatles ci hanno giocato con questa voce falsa.

tempo

20.09 “E’ una puntata davvero particolare, ci sarà questo speciale Futura per la diretta con i sei astronauti che sono andati nello spazio”. Stanza delle meraviglie: Ernesto Assante e Gino Castaldo. Parleranno della “morte di Paul McCartney”. Paul in realtà, secondo i fan, dal 69 sarebbe morto e, al suo posto, hanno sostituito il cantante con un sosia.

Appuntamento sabato 22 novembre 2014 con Che Fuori tempo che fa, in diretta a partire dalle 20.10 su Rai Tre. Anche questa sera sono numerosi gli ospiti del programma che Fabio Fazio intervisterà in studio e in collegamento. A partire dalle 21.45, poi, la serata continua con lo Speciale Futura e, a seguire (dalle h.22.30 circa), con il film-documentario La Donna delle Stelle – Missione Futura di Gianluca Cerasola.

Che fuori tempo che fa, 22 novembre 2014, ospiti

Fazio, Che tempo che fa

Fabio Fazio intervisterà una serie di grandi ospiti variegati nel corso della diretta di questa sera, a Che fuori tempo che fa. A rispondere alle domande di Fabio Fazio e Massimo Gramellini, saranno David Grossman, scrittore, saggista e giornalista israeliano che l’11 novembre 2014 è tornato in libreria con il suo nuovo romanzo, Applausi a scena vuota, Enzo Iacchetti, nei panni di produttore e regista del musical Come Erika e Omar, black-comedy grottesca sull’orrore mediatico e la spettacolarizzazione televisiva dei casi di cronaca nera, dal 21 novembre al 7 dicembre al Teatro Delfino di Milano. E, in collegamento in diretta ci saranno anche Maurizio Landini per la domanda di Massimo Gramellini, Francesco Paolantoni dal Pan -Palazzo delle Arti di Napoli, Diego Abatantuono e Marco Mengoni, che si strova nello studio di registrazione per presentare il suo nuovo singolo, Guerriero. Nella parte Anteprima del programma, invece, Ernesto Assante e Gino Castaldo, che parlano di segreti e curiosità sui Beatles.

Che fuori tempo che fa, diretta, dove si può vedere

Che fuori tempo che fa andrà in onda in tv dalle 20.10 su Rai Tre. E’ possibile seguirla anche via streaming sul sito della diretta tv ufficiale della Rai. Infine, sul sito ufficiale, vengono caricate le interviste e gli interventi degli ospiti della puntata.

Che fuori tempo che fa, second screen

Il programma è spesso commentato in diretta con l’hasgtag ufficiale #Chefuoritempochefa. Twitter ufficiale dello show è questo

Appuntamento con Che Fuori Tempo che fa su Blogo a partire dalle 20.00 circa con il nostro consueto liveblogging!

Ultime notizie su Che Tempo Che Fa

Che tempo che fa è un programma di talk show, in onda su Rai 3, condotto da Fabio Fazio.

Tutto su Che Tempo Che Fa →