Fabrizio Corona a Matrix

Fabrizio Corona Come paventato da alcuni lettori e annunciato da altri nei commenti, dopo Stefano Ricucci un altro simbolo dell'Italia contemporanea - dove simbolo non deve essere necessariamente letto in senso positivo - farà la sua comparsa a Matrix, venerdì prossimo. Per raccontare, pure lui, le sue verità.

L'avrete già capito: si tratta di Fabrizio Corona, l'uomo che ha dato del talebano a Woodcock, che è finito dentro per l'affaire vallettopoli, che ha perso la moglie Nina Moric - ma lui dice che la risposerà -, che, dopo aver querelato Simona Ventura per averlo definito l'idolo del trash (sic!), rialza la cresta e, approfittando della visibilità che solo l'italietta sa dare a chiunque, si prende il pulpito che gli concede Mentana (perché, Enrico? Perché?) e, nel frattempo, tuona al Corriere della Sera:

Devo dire un sacco di roba, parlerò di direttori di giornali, di gente dello spettacolo e delle istituzioni, e anche di qualcuno delle televisioni, che hanno dichiarato cose false. Non si può dire a un pm una cosa e a un altro altre cose. Solo con le querele guadagnerò tanti soldi che potrei smettere di lavorare.

Non so se mi spiego.
Forse è il caso di evitare di commentare, per evitar querele, no?
Ma se questa è l'Italia televisiva che avanza, be', c'è da farsi tremare i polsi.

  • shares
  • Mail
54 commenti Aggiorna
Ordina: