Fischia il Vento, da stasera su Laeffe Gad Lerner fa il cronista della strada

Gad Lerner conduce Fischia il vento, la prima autoproduzione di Laeffe in dieci puntate, da mercoledì 26 febbraio 2014 alle 21.30

Di recente lo abbiamo visto introdurre una serie di documentari, ma da stasera il barbuto Gad Lerner torna a fare sul serio. Debutta alle 21.30 su Laeffe Fischia il vento, il nuovo programma di informazione “on the road” dell’ex conduttore de L’Infedele, che si rimette in gioco nella veste di inviato.

Lerner abbandona il talk show e i salotti televisivi per tornare in strada. Come ha raccontato a Repubblica, in dieci puntate racconterà dal basso il modo in cui sta cambiando l’Italia:

“All’interno del peggioramento delle condizioni di vita degli italiani stanno sorgendo numerose forme meravigliose di mutuo soccorso, solidarietà tra i cittadini, comunità di caseggiato, forme di autocura, che vogliamo raccontare e che si producono spontaneamente in attesa delle risposte della politica”.

Fischia il vento, prima autoproduzione della stagione in corso di Laeffe, virata su telefilm di nicchia – spesso forti – è registrato nei giorni precedenti alla messa in onda, trovando sua forza la nel montaggio di qualità. A realizzarlo saranno, infatti, dei giovani film-maker che accompagnano il conduttore.

Lerner, inoltre, intervisterà diversi autori Feltrinelli e firme di Repubblica, da Baricco e Saviano a Recalcati, Benni, Enzo Bianchi e Vito Mancuso. Lo stesso programma nasce da una partnership con Repubblica.it, che lo trasmetterà in diretta streaming e proporrà una serie di approfondimenti e segreti dal backstage, per consentire agli spettatori di interagire.

La prima puntata di stasera racconterà il passaggio dall’Italia di Berlusconi a quella di Matteo Renzi, direttamente dalla sezione del Pd di Firenze o tra i militanti di una sede di Forza Italia. Lerner sarà, inoltre, in viaggio sul treno ad alta velocità che ha portato artigiani e commercianti a manifestare, la settimana scorsa, in piazza del Popolo a Roma.

Il Direttore di Laeffe Riccardo Chiattelli commenta sempre su Repubblica la mission del canale:

“La nostra rete è on air dal maggio del 2013. Una televisione che vuole offrire degli strumenti per capire e conoscere il mondo, con la visione dell’editore Feltrinelli. Informazione, cultura, fiction e innovazione sono gli ambiti tematici intorno ai quali vogliamo costruire il nostro racconto televisivo”.