Roma Fiction Fest 2011, i vincitori: Romanzo Criminale 2 - La serie, Le cose che restano, Atelier Fontana ed Edda Ciano e il comunista

Roma Fiction Fest
Sono stati annunciati i vincitori del Roma Fiction Fest 2011, quinta edizione della rassegna dedicata alla fiction italiana ed alle produzioni estere promossa dalla Regione Lazio, dalla Camera del Commercio di Roma e dall'Associazione produttori televisivi. La manifestazione si è conclusa proprio oggi, dopo cinque giorni di anteprime, masterclass e premi speciali (come quelli a Jim Belushi e Gigi Proietti).

Riccardo Milani, regista di "Atelier Fontana" (Lux Vide per Rai) ha vinto il premio trasversale (che coinvolgere tutte le fiction in concorso, appartenenti alle categorie "serie lunga", "miniserie" e "film-tv") come miglior regista dell'anno, premio assegnato dalla giuria composta da Milly Buonanno, Alessandra Comazzi, Emilia Costantini, Dina D'Isa, Silvia Fumarola, Micaela Urbano e presieduta da Remo Girone.

La stessa giuria ha premiato "Romanzo Criminale 2-La serie" (Cattleya per Sky) come miglior lunga serie della stagione, mentre "Le cose che restano" (Bibi Film per Rai Fiction) ha vinto come miglior miniserie. Il premio per il miglior film tv è andato a "Edda Ciano e il comunista" (Casanova Multimedia per Rai Fiction). Dopo il salto, l'elenco degli altri vincitori.

Miglior attore lunga serie: Vinicio Marchioni per "Romanzo Criminale 2 – La Serie";
Miglior attrice lunga serie: Irene Ferri per "La nuova squadra Spaccanapoli";

Miglior attore miniserie: Ennio Fantastichini per "Le cose che restano";
Miglior attrice miniserie: Anna Bonaiuto per "Atelier Fontana";

Miglior attore film-tv: Antonio Catania per "Agata e Ulisse";
Miglior attrice film-tv: Stefania Rocca per "Edda Ciano e il comunista".

  • Premi speciali:
  • Premio "Francesco Scardamaglia" per la migliore sceneggiatura assegnato da una giuria di sceneggiatori indicati da Sact (Scrittori Associati di Cinema e Televisione Italiani) e dall'Associazione 100Autori: "Romanzo Criminale 2 – La Serie" (motivazione: "per l'innovazione della scrittura nell'ambito della fiction televisiva, grazie ad una struttura originale e ad un dialogo di essenziale crudezza");

    Menzione speciale di Sact e 100Autori: "Edda Ciano e il comunista" (motivazione: "Un frammento della grande storia italiana raccontata attraverso una delicata e realistica passione");

    Migliore attore Premio L.A.R.A. (Libera Associazione Agenti di Artisti): Marco Cocci (motivazione: "per la versatilità attoriale dimostrata in questi anni ed in particolare per la sua interpretazione pervasa di passione e dignità nella miniserie 'Mia Madre' ");
    Migliore attrice Premio L.A.R.A.: Federica De Cola (motivazione: "attraverso un completo e raffinato percorso artistico ha evidenziato in 'Atelier Fontana' una interpretazione che coniuga mirabilmente tenerezza e determinazione".)

    • shares
    • Mail
    13 commenti Aggiorna
    Ordina: