Al via le riprese di "Le tre rose di Eva" - Del Frate a TvBlog: "Passioni e intrighi tra famiglie rivali produttrici di vino in Toscana. Un cast formato da 22 attori"

Massimo Del FrateOggi, lunedì 12 settembre 2011, cominciano le riprese della nuova produzione Mediavivere "Le tre rose di Eva", prevista su Canale 5 nel 2012 per 12 serate. I protagonisti saranno Anna Safroncik e Roberto Farnesi e attorno a loro ruoteranno una ventina di altri personaggi ognuno con un ruolo ben definito. Abbiamo incontrato il direttore fiction di Endemol Italia Massimo Del Frate per farci raccontare in anteprima come sarà questa nuova fiction di cui inizialmente si era parlato come una supersoap da prime time. Il dirigente inoltre ci ha parlato degli imminenti "Un amore e una vendetta" con Alessandro Preziosi ed Anna Valle a metà ottobre su Canale 5 e "La donna che ritorna" con Virna Lisi su Rai 1. Infine per il futuro, Endemol sta lavorando un progetto da 6 puntate per Rai 1 dal nome "Rosso San Valentino", ambientato nel mondo della cosmetica.

Lunedì 12 settembre iniziano le riprese de “Le tre rose di Eva”, una produzione di Mediavivere in 12 serate da 80 minuti l’una. Quali saranno i protagonisti di questa lunga storia?

“C’è un cast di 22 attori di cui due protagonisti assoluti, Anna Safroncik e Roberto Farnesi. Gli altri, ognuno con una storia a sé molto significativa, sono nell’ordine Barbara De Rossi, Giorgia Wurth, Karin Proia, Paola Pitagora, Luca Capuano di Centovetrine, la nostra nuova scoperta Rocco Giusti e Licia Nunez (Vivere). Poi ci saranno Fiorenza Marchegiani , Victoria Larchenko, Luca Ward, Elisabetta Pellini (a breve anche in Un amore e una vendetta), Stefano Abbati, Paolo Maria Scalondro, Alfredo Pea, Edoardo Sylos Labini (Dov’è mia figlia), Sara D’Amario, Giulio Pampiglione e Francesco Arca (Ho sposato uno sbirro 2) . Inoltre, e ne siamo molto contenti, potremo contare su Kaspar Capparoni come guest star. Un cast quindi molto composito con attori che provengono da esperienze diverse ma ognuno noto per uno specifico motivo”.

Un cast imponente. Ma di cosa parlerà questa serie?

“Il genere appartiene al melò thriller. Ci saranno grandi passioni e grandi intrighi a tinte molto forti. E’ ambientato in Toscana e protagoniste sono due grandi famiglie produttrici di vino e rivali tra loro. Il tutto nasce con un antefatto 8 anni prima: Aurora (Anna Safroncik) è accusata di aver ucciso il padre del suo amato, Alessandro Monforte (Roberto Farnesi). Scontata la pena e uscita dal carcere i due ex amanti si incontrano e dovranno scoprire la verità su chi ha ucciso il padre del nostro protagonista e capire se il loro amore è ancora vivo. In questa fase avranno contro tutti perché intorno a loro ci sarà un misterioso complotto che vuole vederli sconfitti.”

In che epoca è ambientata?

“L’ambientazione è contemporanea. Da una parte c’è il mondo del vino e della terra, molto sanguigno, dall’altro, al tempo stesso, un mondo più glamour legato agli eventi mondani e al lancio di nuovi vini".

E’ una serie tratta da un format estero o da un libro?

“No, ci tengo a sottolineare che si tratta di un progetto originale italiano creato da tre autori del gruppo creativo di Endemol : Michele Abatantuono, Paolo Girelli e Gerardo Fontana. Il soggetto di serie è loro. Ci siamo avvalsi della consulenza creativa di Daniele Carnacina ed è stato sceneggiato dallo stesso Abatantuono, Carmela Cincinnati, Luca Biglione, Fabrizio Bettelli, Maura Nucciatelli e Chiara Clini”.

Come abbiamo detto la messa in onda sarà di 12 puntate della durata di 80 minuti l’uno. Un nuovo formato di cui lo stesso direttore della fiction Mediaset Giancarlo Scheri ci ha parlato proprio qualche giorno fa..

“Il progetto è quello di una lunga serialità che speriamo poi di continuare con una seconda serie visto che il finale sarà molto aperto. E’ un evoluzione dei 70 minuti che era stato già provato per I Cesaroni e con gli 80 minuti ci avvicineremo di più a coprire tutta la fascia della prima serata fino a circa le 23:00. Partiamo oggi con le riprese e andremo avanti fino a Natale. Il nostro obbiettivo è quello di accorciare sempre di più il rapporto fra riprese e messa in onda”.

Un amore e una vendetta
Inizialmente si era detto che questa doveva essere una supersoap mentre ora sarà un prodotto di prime time a tutti gli effetti. Qual è la differenza a livello produttivo tra una soap e una fiction da prima serata come questa?

“Ogni genere ha un proprio modello produttivo. La soap è basata su un modello di scrittura multilinea con 4/5 storie parallele che non si incontrano mai; è quasi tutta girata in studio tranne una piccola percentuale in esterni e ci sono 4/5 registi che si alternano tra di loro. Le “Tre Rose di Eva” invece è basata su una linea narrativa principale ed è girata in location dal vero con due unici registi, Raffaele Mertes e Vincenzo Verdecchi. Il primo ha appena finito “Un amore e una vendetta" e il secondo con lo stesso Mertes aveva diretto “Questa è la mia terra 2”. In sostanza con questo progetto stiamo mettendo a fuoco un nuovo modello produttivo di lunga serialità basato sull’utilizzo di due troupe parallele e con location esclusivamente dal vero. Una garanzia di alta qualità per il prime time e al tempo stesso di contenimento dei costi per uno stile televisivo più in linea con la media dei prodotti internazionali”.

Parlando di altri prodotti, è appena partita "Dov’è mia figlia?" vincendo sempre le serate.

"Sì, ieri è andata in onda la seconda puntata confermando un ottimo ascolto e ne siamo molto contenti".

E a metà ottobre andrà in onda "Un amore e una vendetta", una serie di cui ci aveva parlato qualche mese fa.

“Sì, è una fiction che vede protagonisti Alessandro Preziosi, Anna Valle, Lorenzo Flaherty, Elisabetta Pellini, e Ray Lovelock. E’ una versione contemporanea del Conte di Montecristo dove dell’originario modello letterario è rimasto il nucleo centrale : il tema della vendetta e dell’amore. Una storia avvincente che vede il personaggio interpretato da Preziosi tornare dal passato per vendicarsi di un complotto ordito alle sue spalle. Arriverà ad interrompere il matrimonio della protagonista interpretato da Anna Valle, la sua fidanzata del passato che crede l’abbia tradito con il suo miglior amico ( Lorenzo Flaherty ) e che ha provocato la sua catastrofe. Dai propositi di vendetta arriverà alla scoperta della verità e dell’amore”.

La donna che ritorna
Questo prodotto andrà su Canale 5 mentre su Rai 1 verrà trasmessa La donna che ritorna con Virna Lisi per la regia di Gianni Lepre dopo il successo di Fidati di me.

“E’ un soggetto originale scritto da Peter Exacoustos dove Virna Lisi interpreta un nuovo personaggio. La fiction inizia con una donna dallo sguardo assente che all’alba si aggira per le strade deserte di Roma indossando un abito da sera elegante, un cappotto da uomo e delle scarpe da ginnastica ai piedi. Ha perso la memoria e verrà contesa da due diverse famiglie , ma sarà legata anche alle indagini che un giovane commissario di polizia interpretato da Luca Bastianello sta conducendo su delle giovani donne misteriosamente uccise. Le ricerche sull'identità della donna si incroceranno con la ricerca di un pericoloso serial killer. In onda a fine ottobre su Rai 1”.

Per concludere, quali sono le novità in arrivo?

“Abbiamo un grosso progetto per Rai 1, “Rosso San Valentino”, 6 puntate da 100’ con la regia di Fabrizio Costa . Una grande saga famigliare nel mondo della cosmetica e dei profumi e ambientata a San Remo”.

mb

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: