Arianna Ciampoli, che fatica star dietro al Prof!

Arianna Ciampoli è la nuova stoica conduttrice (o dovremmo dire eroina?) di Cominciamo Bene Estate. Una ragazza educata, brava e preparata, appartenente alla vecchia scuola di presentatori che approdavano a una vetrina importante dopo anni di sudata gavetta. E’ dovuta passare attraverso lo Zecchino d’Oro, i giochini di La7, Solletico, La Vita in diretta per

Arianna Ciampoli è la nuova stoica conduttrice (o dovremmo dire eroina?) di Cominciamo Bene Estate. Una ragazza educata, brava e preparata, appartenente alla vecchia scuola di presentatori che approdavano a una vetrina importante dopo anni di sudata gavetta. E’ dovuta passare attraverso lo Zecchino d’Oro, i giochini di La7, Solletico, La Vita in diretta per cui curava l’imbarazzante Gossip Quiz. Eppure, quando una è professionale e promettente, si vede subito e non, a caso, ora è la padrona di casa di un salotto prestigioso come quello di Raitre.
Peccato che, al momento della prova della nove, la sua grande occasione sia oscurata dal protagonismo imperante di Michele Mirabella. Un grandissimo intellettuale, con una spiccata vocazione accademica e un’encomiabile abilità nell’eloquio ma, televisivamente parlando, un vero despota. Da quando a condurre la versione estiva c’è lui, la trasmissione è più “seriosa” che in inverno e qualsiasi primadonna gli venga affiancata ne esce terribilmente traumatizzata. Ricordiamo personalità forti e carismatiche, come quelle di Selvaggia Lucarelli prima e Ambra Angiolini poi, azzerate dall’impossibilità di sostenere un confronto dialettico con il Professore in questione (che avrà pure un italiano perfetto, ma in compenso non mostra nessuna apertura al dialogo).Ecco le reazioni delle due sopravvissute:

“Quando mi hanno offerto Cominciamo bene ero contenta. Mi avevano assicurato che dovevo parlare di varie cose, dalla cellulite ai problemi di cuore: e invece sta’ cellulite non arrivava mai e c’era sempre l’infarto…”. (Ambra su Tv Magazine)

“In base alla mia esperienza umana e professionale posso solo dire che per convivere pacificamente con Mirabella tocca essere dotati di umiltà e buon carattere. L’età media delle persone che mi fermavano per strada ai tempi della conduzione era quella del padre di Mike Bongiorno. A farsi le ossa lì si rischiano gli acciacchi dell’età: osteoporosi e rottura del femore”. (Selvaggia su DaveBlog).

Insomma, credo sia d’obbligo un grosso in bocca al lupo alla nuova martire di turno, sperando che trascorra una buona estate professionale (e ricordandole che chi “comincia bene” è già a metà dell’opera di sopravvivenza). Resisti, Arianna!