Rai 1 celebra il 2 giugno con Vittorio Grigolo all'Arena di Verona (VIDEO)

Rai 1 torna all'Arena di Verona per un omaggio al Paese.

La Festa della Repubblica 2020 ha il suo clou televisivo questa sera, martedì 2 giugno, in access prime time: subito dopo il Tg1, infatti, il tenore Vittorio Grigolo canterà l'Inno italiano dall'Arena di Verona. La clip, realizzata nei giorni scorsi, andrà in onda intorno alle 20.30 su Rai 1 e darà poi la linea al charity show Non Mollare Mai, condotto da Alex Zanardi.

A distanza di un paio di settimane, quindi, Rai 1 torna all'Arena di Verona per un omaggio al Paese dall'alto valore simbolico: il 16 maggio fu la volta di Diodato che presentò al pubblico dell'Eurovision Song Contest la sua Fai Rumore in un'Arena notturna, deserta e suggestiva, mentre questa sera è il tenore Vittorio Grigolo a rendere un omaggio decisamente più istituzionale  al Paese nel giorno della Festa della Repubblica eseguendo il Canto degli Italiani di Goffredo Mameli e Michele Novaro.

Punto di contatto tra i due diversi omaggi musicali Gianmarco Mazzi in qualità di AD dell'Arena di Verona S.r.l. e direttore artistico dell’Arena di Verona per i concerti live e gli eventi TV: era, infatti, tra coloro che hanno collaborato alla realizzazione della clip di tra Diodato per l'ESC ed è tra gli ideatori di questo momento ad alto tasso di patriottismo con Federico Sboarina, Sindaco di Verona e Presidente della Fondazione Arena di Verona.

La versione dell'Inno eseguita da Grigolo è stata orchestrata e diretta dal M° Diego Basso, con la supervisione di Tony Renis.  il progetto audio è di Maurizio Parafioriti, la realizzazione è firmata da Arena di Verona S.r.l. mentre la regia televisiva è affidata a Gaetano Morbioli.

L'appuntamento è quindi per questa sera, 2 giugno 2020, per una Festa della Repubblica molto particolare, dedicata alle migliaia di vittime della pandemia da Coronavirus, scomparse senza neanche il conforto dei familiari. Un modo per ricordarli e per ricordare al Paese che c'è bisogno di unità e di responsabilità: la strada è ancora lunga.

 

  • shares
  • Mail