Primo Maggio 2020, il Concertone resiste e non risulta sottotono: Ambra si conferma padrona di casa ideale

Concerto Primo Maggio 2020, Ambra alla conduzione: anticipazioni e cantanti ospiti della serata

Non era facile continuare il tradizionale Concerto del Primo Maggio, da Roma, durante l'emergenza Coronavirus. Mentre ovunque risuona "State a casa" da ormai settimane e le nostre vite si sono quasi freezate per colpa di questo stramaledetto virus, l'intenzione principale -in ogni settore- è quello di andare avanti e di continuare, il più possibile, nonostante tutto. E così, questa sera, anche il classico Concertone, c'è stato, appunto, nonostante tutto. Missione riuscita? Sì.

Ormai, in questo ultimo periodo, c'è sempre l'ombra-paragone di "Musica che unisce", il programma andato in onda su Rai Uno, che ha visto una serie di esibizioni da parte di artisti famosi del nostro Paese, per raccogliere fondi e sensibilizzare l'attenzione contro il Coronavirus. Anche "Together at home" di Lady Gaga aveva quella sorta di format. E il Concertone? In parte sì ma con una struttura molto più confezionata e "professionale". Perché, diciamolo, è bellissimo vedere i cantanti e gli artisti fare le dirette e le performance da casa propria ma, dopo settimane, assistere ad esibizione su un palco, anche se registrate, ha portato quella sorta di effetto normalità anti-quarantena. Una boccata d'aria vera e propria.

In diretta, in un piccolo studio, Ambra si è dimostrata ancora una volta la padrona di casa più adatta. Emozionata quando era comprensibile lo fosse, divertita quando c'era da ridere (come non citare Zucchero che parlando del 2020 lo definisce l'anno del "Stringi il cul0, stringi i denti") e seria quando c'erano messaggi e domande che dovevano essere fatte e diritti da (ri)chiedere.

Dalle 20 a 00.20 circa, il programma, sebbene molto lungo, è riuscito nella missione di non annoiare, di non apparire forzato. Artisti di serie A, promesse della musica, nuovi talenti si sono esibiti, hanno lanciato inviti e celebrato questo Primo Maggio diverso dagli altri.

Senza una piazza, il pubblico urlante, il cielo di Roma, il rischio era che apparisse sottotono. Ma così non è stato. Ambra - e tutti gli artisti intervenuti, con gli autori del programma- hanno fatto un piccolo miracolo, difficile da immaginare alla vigilia.

"Speriamo di aver fatto qualcosa di nuovo, con anche delle domande. Mi è mancato tutto, ci è mancato tutto. L'urlo della piazza, ciao Roma, vedevi ballare, le vostre voci, la pioggia che cade sempre il 1 maggio. Ma c'è una domanda che mi hanno fatto molto durante questa quarantena. Ma perché sul palco non canti "T'appartengo?" Lodo, preparati, con Lo Stato Sociale, il prossimo anno la facciamo, Buona notte!"

Ambra, sappilo, me lo sono segnato. 1 maggio 2021.

Giura.

Concerto Primo Maggio 2020, Anticipazioni, Ambra alla conduzione

La musica continua. Il Covid-19 non ferma il concerto del Primo Maggio.

Rai e Cgil, Cisl e Uil, vista l’impossibilità di tenere il consueto Concertone a San Giovanni a Roma in occasione della festa dei lavoratori, hanno deciso insieme di trasformare l’evento di piazza in un programma televisivo, “Musica per l’Italia – Lavoro in sicurezza: per costruire il futuro”, con contributi musicali selezionati, prodotti e realizzati per l’occasione.

Quattro ore – dalle 20 alle 24 su Rai3 – di testimonianze, racconti e musica live per rendere omaggio a tutte le lavoratrici e i lavoratori, a tutti gli italiani, che con grande senso di responsabilità hanno affrontato questo periodo difficile di distanziamento sociale.

Nel corso del programma - che sarà condotto da Ambra Angiolini dal Teatro delle Vittorie - si parlerà anche del lavoro del futuro, della necessità di ripartire salvaguardando come bene primario la salute, la sicurezza di tutti i cittadini e di tutti i lavoratori. Ma ci sarà anche spazio per tanta musica, come da tradizione, con artisti italiani che si sono messi a disposizione per l’occasione eccezionale e i cui contributi sono stati realizzati da iCompany con la direzione artistica di Massimo Bonelli.

Un viaggio, anche geografico, attraverso l’Italia e attraverso le esperienze umane e professionali vissute in questi mesi, con uno sguardo al futuro, all’Italia che sarà, ai nuovi modi di lavorare. Un viaggio che sarà raccontato in diretta anche su RaiRadio2, voce storica a fianco del Primo Maggio, con gli interventi - anche in diretta su Rai3 - di Gino Castaldo e Ema Stokholma.

Quest’anno, poi, lo speciale “Musica per l’Italia – Lavoro in sicurezza: per costruire il futuro” oltre ad essere trasmesso su RaiPlay in diretta, e in modalità on demand al termine dell’evento, avrà anche un canale dedicato per la lingua dei segni (Lis) per le persone non udenti. Rispetto alle passate edizioni, e anche questa è una novità assoluta, la piattaforma digitale proporrà un’offerta esclusiva con tanti contenuti realizzati dagli artisti e disponibili solo su RaiPlay.

Saranno tanti gli artisti che con le loro voci e le loro performance live si alterneranno per realizzare in televisione un grande evento collettivo. Durante la serata daranno il loro contributo Gianna Nannini, Vasco Rossi, Zucchero oltre a Aiello, Alex Britti, Bugo e Nicola Savino, Cristiano Godano Dei Marlene Kuntz, Dardust, Edoardo e Eugenio Bennato, Ermal Meta, Fabrizio Moro, Fasma, Francesca Michielin, Francesco Gabbani, Fulminacci, Irene Grandi, Le Vibrazioni, Leo Gassmann, Lo Stato Sociale, Margherita Vicario, Niccolò Fabi, Noemi, Orchestra Accademia Di Santa Cecilia, Paola Turci, Rocco Papaleo e Tosca. Ospite internazionale la poetessa del rock Patti Smith e Sting.

  • shares
  • Mail