Non è L'Arena, Vittorio Feltri sui "meridionali inferiori" e Libero non venduto al Sud

Il giornalista bergamasco ritorna sulle parole pronunciate a Fuori dal Coro dopo aver scatenato un vespaio di polemiche: "Le edicole del Meridione non vendono Libero? I giornali del Nord al Sud vendono poco"

Dopo un abbondante primo segmento dedicato alle parole del presidente del Consiglio Giuseppe Conte relative alla fase 2, Non è L'Arena è tornata sulle pesanti dichiarazioni del direttore editoriale di Libero Vittorio Feltri a Fuori dal Coro di Mario Giordano, intervistando il diretto interessato.

Il giornalista bergamasco ha dichiarato a Carlo Marsili:

"La gente non riflette, conosco tanti c.... anche nella bergamasca, so benissimo che non si possono valutare le persone dal punto di vista morale e culturale. Quando ho detto 'meridionali inferiori' qualcuno ha pensato che avessi fatto dei test, cosa che non fa nessuno, tantomeno io, mi riferivo alla portata economica, che è inferiore a quella del Nord".

Feltri ha proseguito, tornando anche sui 'parcheggiatori abusivi di Napoli':

"Per quale motivo dovrei andare a Napoli? Io lavoro qui. Non ci sono forse i parcheggiatori abusivi a Napoli? Io non identifico niente in nessuno, limitiamoci alle mie parole, non a quello che si è interpretato".

Dopo dieci minuti di dibattito in studio con Alessandro Sallusti, Clemente Mastella, Luca Telese e Annalisa Chirico, Giletti ha mostrato la seconda parte dell'intervista, con Feltri che ha commentato la decisione di alcuni edicolanti del Meridione di non vendere Libero:

"Le edicole? Non credo sia un provvedimento legalmente concepibile, al Sud vendono pochissimo i giornali del Nord, così come i giornali del Sud vendono poco al Sud".
  • shares
  • Mail