Amici 19 e le Sardine: malcontento all'interno del Movimento. Mattia Santori: "Fidatevi di noi"

Mattia Santori ha replicato alle critiche in un video.

Il Movimento delle Sardine, noto anche come le Sardine e ufficialmente chiamato 6000 Sardine, movimento di attivismo politico in contrapposizione al populismo e al sovranismo, sarà presente alla prima puntata della fase serale di Amici 19, il talent show di Maria De Filippi, in onda stasera su Canale 5.

Il Movimento sarà rappresentato in studio da Mattia Santori, Jasmine Cristallo e Lorenzo Donnoli. Come affermato dalla De Filippi durante la conferenza stampa di presentazione del serale di Amici 19, in ogni puntata, ci sarà qualcuno che parlerà di "valori" agli allievi, cantanti e ballerini, protagonisti di quest'edizione.

La scelta di presenziare ad Amici, però, ha provocato un po' di prevedibile malcontento all'interno del Movimento delle Sardine, un clima di contrarietà che Mattia Santori, attraverso un video, ha cercato di mitigare con le seguenti dichiarazioni:

E' giusto rispondere alle critiche. Riguardo il metodo, è vero che c'è un problema di rappresentanza, non c'è un organo eletto, nessuno sa chi sono le persone che ci lavorano, non c'è un'organigramma definito, e quindi, bisogna un po' fidarsi... C'è un gruppo di comunicazione fatto da gente che fa quello nella vita. C'è un gruppo che si occupa di comunicazione social, c'è un gruppo digital... Ognuno ha le proprie responsabilità. E' chiaro che finchè non abbiamo una struttura, è molto difficile avere una struttura garantita che rappresenti l'efficacia delle decisioni. Questo porta ad un grande fattore: purtroppo o per fortuna, dobbiamo basarci sulla fiducia. Vi dovete fidare di noi come noi ci fidiamo di voi. Quando siamo venuti nelle vostre piazze, ci siamo fidati, ci abbiamo messo la faccia. La fiducia è reciproca. Una scelta di questo tipo è molto forte ma quello che mi viene da dire è come si fa a prendere una posizione così netta prima di sapere il contenuto che verrà presentato? Uno può dire "Sì non sono d'accordo di base ma aspetto di vedere cosa succederà...". Che qualcuno voglia addirittura uscire con dei comunicati ufficiali distaccandosi da questa scelta, senza sapere cosa succederà, mi sembra paradossale, in quel caso, significa che c'erano dei problemi già prima... Se c'è qualche problema, si può anche dire.

Stando a La Repubblica, la decisione di intervenire ad Amici 19 è stata contestata poiché non concordata, perché violerebbe il silenzio mediatico prima dell'assemblea di Scampia, che il movimento si era autoimposto, e, ovviamente, per la natura del programma televisivo.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail