Illuminate, su Rai 3 quattro attrici raccontano grandi donne

Continua la narrazione al femminile di Rai 3 con quattro puntate nell’access prime time domenicale di settembre.

[blogo-video id=”1555737″ title=”Illuminate, su Rai 3 | Il promo” content=”” provider=”brid” video_brid_id=”” video_original_source=”” image_url=”https://s3.eu-west-1.amazonaws.com/video.blogo.it/thumb/0kVMNOS7-640.jpg” thumb_maxres=”0″ url=”312228″ embed=”PGRpdiBpZD0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMTU1NTczNycgY2xhc3M9J21wLXZpZGVvX2NvbnRlbnQnPjxpZnJhbWUgY2xhc3M9J21wX3ZpZGVvX3RoZW1lIGlmcmFtZV9fbXBfdmlkZW9fdGhlbWUnIHNyYz0iaHR0cHM6Ly90dmJsb2cuYWRtaW4uYmxvZ28uaXQvdnAvMTU1NTczNy8iIGFsbG93ZnVsbHNjcmVlbj0idHJ1ZSIgd2Via2l0YWxsb3dmdWxsc2NyZWVuPSJ0cnVlIiBtb3phbGxvd2Z1bGxzY3JlZW49InRydWUiIGZyYW1lc3BhY2luZz0nMCcgc2Nyb2xsaW5nPSdubycgYm9yZGVyPScwJyBmcmFtZWJvcmRlcj0nMCcgdnNwYWNlPScwJyBoc3BhY2U9JzAnPjwvaWZyYW1lPjxzdHlsZT4jbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMTU1NTczN3twb3NpdGlvbjogcmVsYXRpdmU7cGFkZGluZy1ib3R0b206IDU2LjI1JTtoZWlnaHQ6IDAgIWltcG9ydGFudDtvdmVyZmxvdzogaGlkZGVuO3dpZHRoOiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7fSAjbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMTU1NTczNyAuYnJpZCwgI21wLXZpZGVvX2NvbnRlbnRfXzE1NTU3MzcgaWZyYW1lIHtwb3NpdGlvbjogYWJzb2x1dGUgIWltcG9ydGFudDt0b3A6IDAgIWltcG9ydGFudDsgbGVmdDogMCAhaW1wb3J0YW50O3dpZHRoOiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7aGVpZ2h0OiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7fTwvc3R5bGU+PC9kaXY+”]

Quattro attrici per quattro grandi donne in un format che mescola fiction e narrazione diretta: questo il nucleo di Illuminate, nuovo programma al via su Rai 3 il prossimo 2 settembre alle 20.30, che sarà presentato in anteprima a Venezia.

Ne parla Gianmaria Tammaro su La Stampa di oggi, anticipando protagoniste e storie che saranno trattate nelle quattro puntate prodotte da Anele e Rai Cinema. Al centro di queste (prime?) quattro puntate ci saranno l’astrofisica Margherita Hack, la storica e critica dell’arte Palma Bucarelli, il Premio Nobel Rita Levi Montalcini e la stilista Krizia e a raccontarle sono state scelte, rispettivamente, Francesca Inaudi, Valentina Bellè, Caterina Guzzanti e Carolina Crescentini.

Ibrida la formula scelta per il racconto, che mescola gli elementi più strettamente documentaristici, come le interviste a colleghi ed esperti e il recupero di materiali di repertorio, passando per parti interamente fictional, ciascuna diretta da un diverso regista. A raccontare Hack -Inaudi ci sarà Emanuele Imbucci, Bucarelli – Bellè è nello sguardo di Elisa Amoruso, mentre la coppia Levi Montalcini – Guzzanti è seguita da Giacomo Faenza e Krizia nella versione Crescentini è diretta da Gianfranco Giagni.

“Siamo partiti dal presupposto che le protagoniste di questa serie abbiano dato un contributo importante all’Italia. Da lì siamo passati a un punto di vista un po’ intimo per cercare di scoprire anche il loro lato meno conosciuto”

ha raccontato Francesca Inaudi nell’intervista concessa a La Stampa sul progetto presto in tv. E nel poker offerto in questo primo ciclo di puntate spicca decisamente la scelta della prima donna che abbia mai diretto un museo in Italia e tra le prime a scommettere sulle esposizioni di arte contemporanea, Palma Bucarelli.

Rai 3 continua, dunque, il suo racconto di storie al femminile, che altrove fa rima con film romantici e factual domestici. Tra le storie di quotidiana rivoluzione de Le Ragazze e le tinte forti delle violenze domestiche raccolte da Amore Criminale. la rete contribuisce a costruire un diverso racconto televisivo dell’essere donna. Con merito e qualità. Vedremo presto se e come ‘supererà l’esame’ anche Illuminate.