Paolo Del Debbio: "Mediaset? Mi hanno messo in panchina perché davo troppo spazio alla Lega"

Paolo Del Debbio si è tolto il sassolino dalla scarpa.

paolo-del-debbio.png

Paolo Del Debbio si è tolto il sassolino dalla scarpa. E più che un sassolino sembra un macigno. Il conduttore toscano nella prossima stagione non tornerà alla guida di Quinta Colonna perché il programma non è previsto nei palinsesti della (nuova) Rete 4. Mediaset parla di "nuovi progetti" con il giornalista, ma ufficialmente non c'è niente di previsto. Interpellato durante la convention Vivaio Liguria del governatore Giovanni Toti, Del Debbio ha detto la sua:

"Sapete, mi hanno messo in panchina perché dicono che con le mie trasmissioni davo troppo fiato alla Lega e poco a Forza Italia, e quindi ho fatto perdere le elezioni. Ammazza oh: se uno con un programmino riesce a far perdere le elezioni è un mostro. Ma quando si perde bisognerebbe guardare al proprio interno e non bisognerebbe cercare fuori. Io me ne fotto: ho 60 anni e non ho più niente da dimostrare. Mi vogliono o non mi vogliono: non me ne frega più niente", la sua opinione.

L'attacco è ai vertici di Forza Italia, ma non fa i nomi dei volti secondo lui discutibili: "Non faccio nomi. Già sono in panchina, mi volete fuori del tutto?". Il giornalista ha anche parlato della situazione in Rai, e in particolare del nuovo (possibile) Presidente: "Foa è un giornalista di livello. Ma non mi stupisce che chi governa voglia mettere come presidente Rai uno dei suoi. È sempre stato così, non è che prima lo scegliesse la minoranza. Certo, magari ci si sarebbe aspettato qualcos'altro, ma la politica ha sempre fatto così. L'ideale per la Rai è che si scelga un amministratore delegato e un direttore generale capaci di fare televisione e trovare pubblicità".

  • shares
  • Mail