Mentana 'sfratta' Piazzapulita. Formigli si arrabbia: "Ritardo di 40 minuti, grazie Enrico"

Enrico Mentana riprende la linea dopo Otto e mezzo e fa iniziare Piazzapulita alle 21.53. Formigli: "Grazie per questi 40 minuti di ritardo. Da parecchi anni diamo notizie e lo facciamo in diretta". Frecciata ai colleghi?

maratona4.jpg

I lunghissimi e caldissimi giorni della crisi di governo regalano ascolti record a La7, ma anche un clamoroso strappo tra due dei suoi volti di punta. Nella sera in cui l’esecutivo di Giuseppe Conte ha preso vita, è infatti andato in scena lo scontro a distanza tra Corrado Formigli ed Enrico Mentana, con quest’ultimo che, dopo quattro ore di live ininterrotto (tra maratona e tg), ha eccezionalmente ripreso la linea alle 21.15 al termine di Otto e mezzo.

La raccolta del testimone dalle mani di Lilli Gruber era stata anticipata sul finire del notiziario, ma nessuno si sarebbe aspettato che l’edizione straordinaria potesse durare oltre quaranta minuti, con l’avvio di Piazzapulita posticipato alle 21.53.

piazza.jpg

Alleluja, eccoci qua – ha esordito Formigli – grazie ad Enrico Mentana per questi 35-40 minuti di ritardo. Mi scuso col pubblico a casa perché Piazzapulita comincia alle 21.15 e mi scuso perche è un atto che mi ha messo in imbarazzo con i nostri ospiti”.

Il conduttore ha quindi sottolineato come la scelta sia dipesa dalla rete, concedendosi una frecciata tanto sottile quanto eloquente: “Vorrei ribadire alla rete e a Mentana che sono parecchi anni che ci occupiamo di notizie e che le seguiamo in diretta. Siamo abituati a darle in diretta e ne siamo orgogliosi. Ma queste sono cose tra di noi”. Un messaggio nemmeno troppo velato a chi all’interno di La7 ha il vizio di registrare blocchi di trasmissione?

Che il nervosismo fosse alle stelle lo si era percepito dai tweet pubblicati dal profilo ufficiale del talk. “Siamo in attesa che La7 ci dia la linea per cominciare” si leggeva alle 21.26, con il bis concesso dodici minuti dopo: “Siamo ancora in attesa che La7 ci dia la linea per cominciare”.

 


Va detto pure che lo stesso Mentana, mentre attendeva che il premier incaricato uscisse per elencare i nomi dei ministri, si era preoccupato delle possibili reazioni del collega correndo ai ripari con continui lanci al programma chiamato a subentrare.

Lecito domandarsi come mai le incursioni del tg non siano arrivate durante Otto e mezzo, che al contrario non ha subito alcuna modifica alla programmazione. Se la Gruber ha potuto seguire senza scossoni il lungo arrivo di Conte al Quirinale, perché Formigli non è stato ripagato con un trattamento identico?

  • shares
  • Mail