Zelig da dicembre 2016 su Canale5. Michelle Hunziker: "Format inflazionato"

Zelig dirà addio a Canale5 con quattro puntate speciali a dicembre 2016. Ma l'atteso Checco Zalone ha detto no

michelle de sica pacco

Zelig sta ritornando per l'ultima volta… per l'ennesima volta. Dopo una serie di edizioni già pronte a chiudere un ciclo sono i prossimi co-conduttori, Michelle Hunziker e Christian De Sica, a mettere le mani avanti sulle quattro serate in arrivo a dicembre su Canale5. La prima a farlo sulle pagine del Corriere della Sera è la regina di Striscia la notizia:

"Da una parte sono contenta, dall'altra tristissima perché è la fine di una serie. Zelig è stato pioniere del cabaret in Italia, ha portato al successo i migliori comici. Ma è stato talmente copiato che il formar si è inflazionato. Dopo un anno di pausa arriva questa grande feste, con tutti i comici che sono passati da qui (da Ale e Franz ad Aldo Giovanni e Giacomo). E poi si vedrà. Comunque chiudiamo un ciclo".

Eppure a mancarlo sarà il più atteso, Checco Zalone:

"Ci sarà il suo primo provino, mai andato in onda. Lui no. Magari ci ripensa, ma il cast è comunque fortissimo".

Il programma virerà verso il varietà per la felicità di De Sica:

"Ci sgrezziamo un po'. Sono contento di presentare, alla mia età è giusto che introduca giovani comici. La condizione per accettare era che ci fosse Michelle, ho lavorato un po' con tutte le attrice, ma come lei non c'è stata nessuna. In tv non ho mai trovato un clima così. Non avevo mai visto una puntata di Zelig intera. Mi ha colpito che tra Michelle, Gino, Michele e Bozzo c'è grande rilassatezza. In tv c'è sempre isterismo, sono tutti arrabbiati. Qui sembra tutto facile".

Anche la Hunziker si dirà per sempre grata agli autori di Zelig perché "mi hanno dato carta bianca, fatto uscire dal cliché di quella che fa vedere il sedere. Ho potuto ballare e cantare. La scuola è la stessa di Antonio Ricci".

Paura degli ascolti?

"Non siamo ipocriti, ci auguriamo tutti vada bene. Zelig fa paura e di solito gli mettono contro qualsiasi cosa. E i ragazzi lo seguono lo web".

Si vedrà

  • shares
  • Mail