La Fattoria 4 – La finale in liveblogging su TvBlog – Ciro Petrone, Guillaume Goufan e Milo Coretti eliminati – In finale Marco Baldini e Morena Funari – Il vincitore è Marco Baldini

Ultimo atto per La Fattoria 4, su Canale5, mentre l’avversaria RaiUno ospita nell’inedita cornice ammiraglia e domenicale la finalissima di X Factor 2. Tutti i concorrenti – finalisti inclusi – hanno già lasciato il Brasile, dove di certo non hanno imparato come restituire le loro braccia all’agricoltura ma dove hanno sicuramente affinato le arti della

di


Ultimo atto per La Fattoria 4, su Canale5, mentre l’avversaria RaiUno ospita nell’inedita cornice ammiraglia e domenicale la finalissima di X Factor 2. Tutti i concorrenti – finalisti inclusi – hanno già lasciato il Brasile, dove di certo non hanno imparato come restituire le loro braccia all’agricoltura ma dove hanno sicuramente affinato le arti della partecipazione al reality show, pronti per riciclarsi altrove, seguendo la lezione di chi sta facendo del reality un mestiere (Milo Coretti, per esempio. Ma anche Daniela Martani e Lory Del Santo). Del resto, in questi oscuri tempi di crisi è necessario essere versatili e saper passare da un’isola a una fazenda a qualunque altra location voglia la dura legge della verosimile realtà televisiva. Ma non c’è tempo per riflettere ancora sull’argomento: c’è già Paola Perego, con la consueta aria accorata, che annuncia che si comincia. Fra poco.

Paola Perego

21:34: dopo un’esterna che mostra i tre finalisti certi e la sigla, ecco la Perego di viola vestita – del resto, non siamo a teatro, giusto? – che annuncia l’inizio delle danze. Morena Zapparoli Funari e Ciro Petrone invece sono in studio, insieme agli eliminati e agli opinionisti. Tre minuti scarsi, e parte già un filmato, che riesuma gli eventi della puntata scorsa, inclusa l’eliminazione di Lory Del Santo. E l’orribile split screen con l’immagine deformata sulla destra la fa da padrone.



21:39: un ex fattore, Raffaello Tonon, di cui non si può proprio fare a meno, incomprensibilmente, dice la sua su Ciro Petrone, esaltandone da un lato i suoi doti di grande lavoratore, dall’altro giudicando insufficiente il suo ruolo da concorrente. Del resto, i comportamenti che si tengono in un reality sono un ottimo metro per giudicare l’essenza stessa di una persona. Resta inconcepibile capire come si possa accalorarsi in questo modo – già si grida, in studio – per eventi e questioni di così scarsa importanza.

21:42: l’andazzo della serata è chiaro. Il reality diventa un talk urlato. Persino la Perego invita Tonon a rilassarsi. Stiamo giocando, dice la conduttrice.

Meno male che se n’è accorta, anche se ce n’è voluto. Detto ciò, secondo un laccatissimo Fabrizio Corona, Ciro è il potenziale vincitore.

Conciata come una controfigura del Rocky Horror Picture Show, la Ripa di Meana difende Ciro e dichiara il suo amore indiscusso per il ragazzo e per Morena, e si dice dispiaciuta che uno dei due debba uscire. Con la voce rotta dal pianto, ci tengo a sottolinearlo.

21:46: tocca al processo a Morena. Ci pensa Anna Pettinelli, che non si sa perché debba essere così seriosa, un misto fra una puntata di Forum e un caso di Perry Mason. Si parla di eye-liner e trucchi. E la Pettinelli chiede alla vedova Funari cosa recrimini. Del resto, la prendevano in giro perché era petulante. Ci pensa la signora Bonolis, a parlare con un tono pacato e a dire qualcosa in difesa di Morena. Applausi in studio (non si sa bene per chi), e giù di televoto.

21:48: Baldini, Coretti e Goufan sono sulla Tiburtina su un pickup e intonano coretti goliardici.


21:50: Mara Venier fa il suo ingresso in studio. Chissà se avranno modo di discutere a proposito delle sue recenti esternazioni. Mara ha dichiarato di essersi pentita di aver accettato a Sorrisi e Canzoni, ma in studio spende parole entusiastiche per la sua avventura brasiliana e non fa menzione dell’intervista.




Anzi, dopo aver visto un RVM celebrativo della sua partecipazione a La Fattoria (probabilmente convinta dalla sua versione smagrita) afferma di essere stata travisata e manipolata: è cosa buona e giusta, dirlo, di questi tempi. Ovviamente non c’è modo di sapere se sia vero o no, ma da Sorrisi e Canzoni vorranno replicare, immaginiamo, no?


21:57: Ciro Petrone è stato eliminato. E’ Morena, dunque, a doversi cimentare nella prova finale insieme ai tre uomini finalisti. E la pubblicità ci regala un po’ di tregua.

22:03: Mara Venier accoglie i finalisti, sgancio video per gradire e solita colonna sonora carica di pathos.


Dopo un lungo e inutile momento ad allungare il brodo, momento in cui si chiede ai magnifici tre chi vorrebbero (tutti vorrebbero Ciro, ma, surprise, arriva Morena), entra in studio una Lory Del Santo in forma smagliante che decide di dare un senso al suo cognome e si improvvisa santona, chiosando con un vivere è bellissimo che appartiene alla fiera delle banalità.

Lory Del Santo

22:14: mentre a X Factor stanno per arrivare gli Elii, si consuma, a La Fattoria, uno dei momenti più caldi della serata. Rocco Pietrantonio si confronta sull’amore con la fidanzata Lory Del Santo, e individua, novello poeta del dolce stil novo, la parola sacrificio come quid in più in una storia d’amore. Rocco si lamenta dei complimenti che Lory ha riservato agli altri uomini, ma Roberto Alessi ha in mano la carta che trasforma il tutto in una ostentazione del gossip più spinto: Diva e Donna ha in serbo un bel servizio fotografico che ritrae il Pietrantonio Rocco con Carla Velli (già concorrente de La Fattoria) in atteggiamenti affettuosi.

La Del Santo è meravigliata: lei, incantevole, diceva che Carla ha una bella pelle. E Rocco ribatteva, invece, a sentir la Lory, sosteneva di non amare il suo vestiario. Delizia del nonsense.

Quindi, si tira in ballo il Corona Fabrizio, che di scoop ne sa eccome e che, con la spocchia consueta, afferma, a proposito del servizio, poteva essere montato meglio, potevate chiamare me. Non fosse inconsapevole, questo momento televisivo sarebbe una grandiosa messa in scena della metatestualità. Invece, è solo un uso sublime di un mezzuccio già visto a La talpa.

Rocco Pietrantonio e Carla Velli

22.28: il confronto fra la Del Santo e Rocco è rimasto interruptus a causa della pubblicità, e quando si rientra in studio non ci è dato sapere quali saranno le sorti di questa splendida storia d’amore mediatica. Certo, c’è la prova in esterna da superare. Ma ormai al pubblico medio – e al sottoscritto – non interessa altro che godere dei frutti di quanto abbiamo visto fino a ora.

22:32: reality che vai, linguaggio che trovi: i concorrenti devono fare le loro ultime nomination nell’apposito carretto confessionario (sic). Guillaume nomina Morena e viene ricambiato. Anche Coretti nomina Guillaume, e ora tocca a Baldini, che si vanta di aver perso 8 chili. Avesse perso anche il vizietto del gioco, sarebbe il vero vincitore morale de La Fattoria. Nomina anche lui Guillaume. Che quindi è eliminato. Anche se per un meccanismo perverso del reality, non è veramente eliminato: ora verrà messo in una stanzetta, pronto per rientrare in gioco qualora il pubblico lo desideri. Se lo aspetterà o no? Che importa? Per il pubblico non è una sorpresa e potrà – con l’illusione democratica del televoto – salvarlo e concedergli di vendicarsi e di eliminare immediatamente uno degli altri finalisti. Ovvero, Morena.

22:40: un po’ di cattiveria, che non guasta. Al neo quasi-eliminato, vengono mostrate le tre nomination degli altri concorrenti. Per preparare al meglio la vendetta del modello francese, che però dipende dal televoto, no?

22:43: Barbara Guerra entra in studio di niente vestita, e si gusta l’RVM. Su di lei, l’effetto stretching per far stare le immagini nella grafica – una cosa, lo ribadisco, inguardabile – è un inno all’anoressia.


Grandi numeri per Barbara Guerra, mostrata in atteggiamenti affettuosi, come sappiamo, con ben tre dei concorrenti, anche se l’unico bacio vero sarebbe quello con Guillaume. Le altre erano belle amicizie. Battuta del secolo di Fabrizio Corona: ti ho vista in atteggiamenti affettuosi anche con Milo. Evidentemente la crisi era arrivata a livelli altissimi. Crisi d’astinenza da effusioni, ovviamente. Che bel momento: Alessi non può esimersi dall’inserirsi ricordando un vecchio inciucio dell’attrice con Pietrantonio. Ah, la guerra.

Milo, punto sul vivo – Barbara ha appena dichiarato che no, a lei Milo non piaceva – perde l’aplomb e la signorilità e rivede un po’ la sua posizione a proposito della bella amicizia. La Perego sottolinea come le frasi dette a metà non siano da uomo. Tutto il resto sì, invece, che è da uomini. Come no.

23:07: il pubblico ha deciso che Guillaume Goufan è stato definitivamente eliminato. A riprova del fatto che forse si poteva evitare tutta questa pantomima. Il livello di decibel in studio con le sovrapposizioni delle tenere voci di Venier, Ripa, Tonon e compagnia cantante è terrificante. Come è terrificante il fatto che ci si permetta di montare un RVM su Fabrizio Corona con la colonna sonora de Il Padrino. Coppola avrebbe qualcosa da dire e Nino Rota si rivolta nella tomba. Ma in fondo, come viene detto in studio, Corona è un bambinone.

23:18: la parola d’ordine di Paola Perego è: vittoria. E’ comunque una vittoria per tutti, anche per Guillaume, che ha perso. E’ una vittoria per chi è arrivato fin lì, superando chissà quali prove terribili. Già. Ma è il momento Corona, non dimentichiamocelo, il momento della sua celebrazione. Perché sappiatelo, lo dicono la Pettinelli e Tonon, gli altri concorrenti hanno avuto paura, timore reverenziale nei confronti del bello e dannato, che riesce a prendersela anche a Marina Ripa di Meana, dicendole che ha cominciato a rompere i coglioni. Perché la finezza è fondamentale, in diretta tv, e il maschio alfa riesce a dominare gli altri usando il turpiloquio.

23:28: la cosa più imbarazzante della serata, a parte la finezza di Fabrizio Corona? I tre finalisti dimenticati da tutti, fuori dagli studi Elios. Fra cui Milo Coretti che, beata ingenuità, dice: Fabrizio mica è un criminale, sostituendosi, di fatto, alla giustizia che dovrà giudicarlo. Detto ciò, però, Coretti tiene a sottolineare che Corona non è stato – a suo avviso – una colonna portante del programma. E così si passa alla lite, di cui si capisce poco o niente. Paola Perego se ne lava le mani e dice di non sapere chi abbia ragione, Corona chiosa: io non ho paura di niente. Amen.


23:39: si rientra in studio con Corona che fa ammenda per aver usato il turpiloquio. La Perego, poi, contribuisce all’agiografia di Corona e racconta di un fuori onda: durante il nero, la Ripa di Meana si sarebbe alzata e gli avrebbe dato un bacio dicendo lui: mi hai salvato la vita. Se permettete, scriverei immediatamente alla curia per chiedere un’immediata causa di beatificazione, primo e unico caso con il soggetto della causa ancora in vita.

La Pettinelli vorrebbe che Corona si scusasse con la Martani per vecchie affermazioni, ma la Perego, nella sua opera di evangelizzazione, lo difende ancora, e Corona ne approfitta per ricordare lo straordinario ramo ascendente della sua parabola da grande giornalista-lavoratore.

23:46: Paola Perego annuncia l’inizio della prova. Una prova fondamentale. Talmente fondamentale che giunge a mezzanotte. La prova è a coppie. Milo ha scelto Linda. Marco ha scelto Barbara. Morena ha scelto Rocco. Chi vincerà la prova entrerà in finale.

23:51: uno dei momenti fondamentali della serata si consuma in 3 minuti o poco più. Marco Baldini è il primo finalista de La Fattoria 4.

23:57: momento aberrante. Marianne Puglia tiene a sottolineare che da quando è in Italia, una sola persona ha toccato il suo corpo: il suo fidanzato. Avremmo fatto volentieri a meno di questi particolari, a dire il vero. Ma Ciro non è molto d’accordo. E la Puglia insiste: ho giocato per far ingelosire il mio fidanzato. Sul più bello, come accade dall’inizio della serata, la Perego chiama la pubblicità.

Al rientro, la Puglia insiste, Ciro, che da signore non voleva entrare nei particolari, chiama in causa Mara Venier e Barbara Guerra. Quest’ultima conferma che Marianne Puglia le ha confidato di essere andata a letto con Ciro. All’anima della strategia per fare ingelosire il fidanzato, eh. Ora si disserta sull’opportunità di vantarsi di una conquista da parte di un uomo. Sacrosanto che l’uomo non dovrebbe vantarsi. Ma non possiamo ricordarci, una volta per tutte, che tutto ciò è accaduto in un reality show?


Resta incredibile il fatto che i tre finalisti siano completamente tagliati fuori dalle dinamiche della puntata. Aspettano al freddo, ogni tanto la Perego li coinvolge raccontando loro quel che abbiamo già visto, e poi ci si ricorda che c’è una gara. Stop al televoto per decidere chi fra Milo Coretti e Morena Zapparoli sarà in finale con Baldini. Il televoto premia Morena Zapparoli e quindi impedisce a Milo Coretti di vincere il suo secondo reality show.

00:26 Milo entra in studio e parte l’RVM celebrativo. Ma prima, uno dei grandi misteri della struttura di questa benedetta Fattoria, ovvero il momento lite e voci da sgallettate che emergono su tutto e tutti. Ovviamente, assolutamente slegato da quanto successo prima e da quanto accadrà dopo.

00:37: Mentre si attende con ansia e trepidazione – più che altro per porre fine alla litania – il vincitore de La Fattoria 4, da scegliersi fra la vedova di Funari e il vedovo di Fiorello – ci si accanisce ancora sulla povera Del Santo. Milo racconta particolari di grande interesse nazionale a proposito di Lory, contribuendo a minare ulteriormente la storia fra i due fidanzatini: Rocco Pietrantonio, però, vuole chiarire in privato. Avrebbe anche un senso, eh. Come avrebbe un senso che persone che fanno televisione capissero, una volta per tutte, che a parlar tutti insieme come in un pollaio, da casa non si capisce nulla.

00:44: mentre entrano Morena e Marco, i finalisti, si sente ancora, a microfoni appuntati, un è una cosa vergognosa. E basta, suvvia, basta con questa tv delle faide. Davvero, dico sul serio. Si è fatta una cert’ora e le persone per bene vorrebbero andare a letto, o perlomeno gustarsi uno scampolo di televisione senza troppe volgarità. Mentre il nuovo giorno bussa all’orizzonte, c’è ancora tempo per due RVM, di identikit di Baldini e Zapparoli, ché ancora non li conosciamo a sufficienza.

00:51: della vittoria non frega niente a nessuno. Infatti, non si fa che discutere, nuovamente, e nuovamente su Marina, su Corona, su chissà cosa. Interessante notare il fatto che, a fine puntata, nessuna delle questioni è stata chiarita. Marianne ha o no tradito il fidanzato? Rocco e Lory resteranno insieme? Corona è una brava persona? Il Purgatorio esiste?

01:00: Ultimo blocco. Che inizia, ovviamente, con il talk urlato. E siccome non si urla abbastanza, la domanda della Perego per tutti è chi vuoi che perda?. C’è un altro problema in questo reality. Si parla, continuamente, di cose successe fuori onda, sugli aerei, negli anfratti, nei cessi, nelle grotte, dietro ai cespugli. Il che non fa che squalificare il gioco e rendere il tutto insensato: già in un reality si parla del nulla, se poi il nulla non è nemmeno andato in onda, allora il meccanismo è destinato al fallimento.

01:14: il vincitore de La Fattoria 4 è Marco Baldini.

Ultime notizie su Paola Perego

Paola Perego è una conduttrice e attrice tv di Monza classe '66.

Tutto su Paola Perego →