Venerabile italia – La conferenza stampa e domani la prima puntata del programma condotto da con Licio Gelli

Odeon Tv, con questa trovata di affidare un programma televisivo dal titolo Venerabile Italia alla conduzione di Licio Gelli, ha senza dubbio trovato il modo di far parlare di sé e diventa, di fatto, una delle emittenti minori più chiacchierate di sempre. Ma ha anche generato una serie di reazioni tutto sommato giustificate di tutta

di ,


Odeon Tv, con questa trovata di affidare un programma televisivo dal titolo Venerabile Italia alla conduzione di Licio Gelli, ha senza dubbio trovato il modo di far parlare di sé e diventa, di fatto, una delle emittenti minori più chiacchierate di sempre.

Ma ha anche generato una serie di reazioni tutto sommato giustificate di tutta una serie di persone che si chiedono come sia possibile che Gelli possa condurre un programma – a margine, ci si potrebbe chiedere come sia possibile che conduca un programma di indagine storica (!), ma questa è quasi una sottigliezza -, dopo essere stato condannato in via definitiva (wikipedia) per

– Procacciamento di notizie contenenti segreti di Stato;
– Calunnia nei confronti dei magistrati milanesi Colombo, Turone e Viola;
– Tentativi di depistaggio delle indagini sulla strage alla stazione di Bologna;
– Bancarotta fraudolenta (Banco Ambrosiano).

Evidentemente, la tv italiana è anche questo. E domani sera ci sarà qualcosa da guardare, forse con un po’ di preoccupazione, sicuramente con legittimi dubbi. A cominciare da un titolo che presenta accanto a sé, in bella mostra, il simbolo della massoneria.

L’editore di Odeon Tv, nel frattempo, precisa:

Vorremmo che non ci fossero equivoci: Licio Gelli non sarà il conduttore di un programma o di un ciclo di trasmissioni ma si è prestato a raccontare davanti alle telecamere di Odeon Tv le sue memorie.

Di certo ci sono le recenti dichiarazioni del senatore Giulio Andreotti, che, contrariamente a quanto annunciato in fase di presentazione del programma, ha fatto sapere che non andrà, perché non gli va di parlare di storia in quel contesto.

Dopo il salto, stralci dalla conferenza stampa di presentazione di Venerabile Italia, con Gelli a tutto campo, che elogia Berlusconi e lo designa come unico che può andare avanti, bacchetta Fini, afferma di essere fascista, dice la sua sulle stragi, le industrie, gli scioperi e via dicendo. Affinché possiate farvi un’idea di cosa ci si potrà aspettare.